Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le interazioni novelle fra le proteine svolgono un ruolo critico nel trattamento di ripristino del trauma cranico

I pazienti con il trauma cranico (provocato tramite il colpo o il trauma) soprattutto contano sulla terapia di ripristino per il ripristino, poichè ci sono non altri efficaci metodi di trattamento conosciuti. La tariffa del ripristino dal trauma cranico osservato in adulti è significativamente più lenta (o il ripristino è impossibile) che quello osservato in bambini piccoli.

Il consenso fra i ricercatori è che il numero delle cellule staminali neurali in eccesso capaci di riparazione delle funzioni del cervello è più basso in un cervello maturo che quello nel cervello dei bambini piccoli.

Un gruppo di ricerca coreano ha riferito un meccanismo novello per descrivere il trattamento di ripristino del trauma cranico. I ricercatori hanno riferito che quando l'esperimento di modello animale è stato eseguito, il tempo speso per recuperare da un trauma cranico potrebbe essere gestito regolamentando le proteine.

L'istituto della Corea di scienza e tecnologia (KIST) ha rilasciato un annuncio che un gruppo piombo dal Dott. Eun Mi Hwang dell'istituto di scienza di cervello, KIST ha collaborato con un altro gruppo piombo da prof. Kyoungho Suk della scuola di medicina, università di cittadino di Kyungpook e riferito la presenza di interazione novella fra le proteine (hevin-calcyon); questa interazione svolge un ruolo critico nel trattamento di ripristino del trauma cranico in adulti.

I ricercatori egualmente hanno rivelato che questa interazione svolge un ruolo importante nelle fasi iniziali di ripristino.

I ricercatori che lavorano a KIST hanno identificato la proteina del calcyon come partner novello del hevin, una proteina di interazione secernuta dalle celle glial presenti nel cervello.

Egualmente hanno riferito che l'interazione fra le proteine ha svolto un ruolo critico nel trattamento di ripristino delle celle di un neurone presenti in un cervello adulto danneggiato. Poichè i neuroni sono celle che direttamente influenzano l'attività di cervello, è creduto che le malattie di cervello possano essere essiccate quando sono recuperate e/o trattate.

celle *Glial: Le celle che supportano i tessuti del sistema nervoso centrale, forniscono le sostanze nutrienti ai neuroni dentro il cervello ed il midollo spinale e creano un ambiente chimico adatto ad attività dei neuroni

I risultati dagli esperimenti hanno rivelato che un aumento nel numero delle interazioni del hevin-calcyon nel cervello potrebbe promuovere i contatti e la riorganizzazione sinaptici, in grado di aiutare nel ripristino iniziale del cervello alterato. L'interazione del hevin-calcyon e l'espressione di queste proteine sono state confermate studiando i tessuti cerebrali sani.

Egualmente è stato osservato che il numero delle interazioni in pazienti che soffrono dallo stato del trauma cranico traumatico è stato diminuito significativamente.

I ricercatori all'università di cittadino di Kyungpook hanno studiato il trattamento di ripristino del trauma cranico studiando l'interazione del calcyon e di hevin facendo uso di un modello dell'animale del trauma cranico. Hanno riferito che dalle le proteasi indotte da risposta neuroinflammatory formate nelle fasi iniziali di trauma cranico hanno provocato la frammentazione del hevin.

Ciò egualmente ha impedito la generazione dell'interazione del calcyon e di hevin. Gli esperimenti sono stati eseguiti facendo uso di un modello animale del trauma cranico. È stato osservato che il tempo di recupero potrebbe essere diminuito a circa 2 - 3 settimane (a partire da 4 settimane) se un inibitore infiammatorio di risposta fosse amministrato direttamente alla regione danneggiata del cervello. La tariffa del ripristino ha potuto più ulteriormente essere rallentata amministrando una proteina infiammatoria supplementare.

Il gruppo di ricerca unito ha riferito che l'assenza dell'interazione del hevin-calcyon nelle fasi iniziali (un periodo critico nel trattamento di ripristino del trauma cranico) del trattamento di ripristino potrebbe urtare negativamente l'efficace trattamento di ripristino.

Il risultato riferito è il risultato dei cinque anni di sforzi persistenti dal gruppo piombo dal Dott. Eun Mi Hwang di KIST (questo gruppo ha identificato l'interazione novella fra le proteine), dal gruppo piombo dal Dott. Hoon Ryu di KIST (questo trauma cranico traumatico umano esaminatore gruppo) e dal gruppo piombo da prof. Kyoungho Suk dell'università di cittadino di Kyungpook (questo gruppo ha studiato i beni di infiammazione facendo uso di vari modelli animali). Ogni gruppo contribuito ai risultati basati sul loro campo di specializzazione.

L'interazione del hevin-calcyon può potenzialmente aiutare nel trattamento delle malattie di cervello mentre il trauma cranico e le malattie neurodegenerative possono provocare la generazione di risposte infiammatorie. I risultati possono potenzialmente aiutare nello sviluppo delle procedure per il trattamento delle malattie di cervello refrattarie causate da attività synaptogenic alterata.„

Dott. Eun Mi Hwang, KIST

Source:
Journal reference:

Kim, J- H., et al. (2021) Hevin–calcyon interaction promotes synaptic reorganization after brain injury. Cell Death & Differentiation. doi.org/10.1038/s41418-021-00772-5.