Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La radioterapia ISTANTANEA ha potuto rivoluzionare i trattamenti futuri del tumore

Potrebbe trasformarsi in in un'innovazione per i trattamenti futuri del tumore con gli ioni pesanti ed aprire le nuove strade: Nella Equo-Fase corrente 0 di periodo di esperimento, il für Schwerionenforschung di GSI Helmholtzzentrum e la FIERA futura del centro dell'acceleratore sono riuscito a eseguire un esperimento dell'ISTANTANEO dello ione del carbonio per la prima volta.

Gli scienziati coinvolgere potevano raggiungere le intensità di dose molto alte richieste ed irradiare i tumori. Il successo era uno sforzo collettivo dell'instituto della biofisica di GSI e della squadra dell'acceleratore sulla città universitaria di GSI/FAIR in stretta collaborazione con il centro tedesco DKFZ di ricerca sul cancro ed il centro di terapia dello ione (HIT) di Heidelberg.

L'argomento di irradiamento ISTANTANEO è nel forte fuoco universalmente ed è egualmente un argomento di ricerca principale all'interno di radiobiologia clinica alla biofisica di GSI. Il metodo ISTANTANEO è un nuovo metodo altamente di promessa di radioterapia. La parola “flash„ si riferisce al lampo.

Misura a quella, nella medicina di radiazione, questo significa la ultra-breve e radiazione ultraelevata, dove la dose del trattamento è consegnata nelle sotto-seconde scale cronologiche. Lo scopo di irradiamento ISTANTANEO è di applicare una dose elevata molto molto in un periodo ridotto. La radioterapia tradizionale come pure la terapia dello ione o del protone, consegna le più piccole dosi di radiazione ad un paziente su un periodo esteso, mentre la radioterapia ISTANTANEA è pensata per richiedere soltanto alcuni brevi irradiamenti, meno di 100 millisecondi tutto il durevoli.

Le indagini in vivo recenti hanno indicato, nel campo di radiazione di elettrone, che il metodo ISTANTANEO con un'intensità di dose ultraelevata è meno nocivo al tessuto sano, ma altrettanto efficiente quanto la radiazione convenzionale di intensità di dose inibire la crescita del tumore. Un tal effetto ancora non è stato dimostrato per il protone e per irradiamento del raggio ionico, che è la base della terapia del tumore con gli ioni del carbonio sviluppati a GSI. C'è ancora molta ricerca da fare qui. I risultati dell'esperimento corrente a GSI ora stanno valutandi e contribuiranno a conoscenza nuova.

Tuttavia, l'argomento è non solo una grande sfida scientifico, ma egualmente tecnicamente: Finora, la tecnica ISTANTANEA è stata soltanto applicabile facendo uso degli acceleratori di protone e dell'elettrone. Mentre le intensità di dose richieste per gli elettroni ed i protoni possono essere raggiunte con un ciclotrone (acceleratore circolare), questa è più difficile con i sincrotroni richiesti nella terapia pesante dello ione, quale il SIS18 a GSI.

Ecco perché l'esperimento EQUO corrente di fase 0 è molto un punto cruciale: Grazie ai miglioramenti alla funzione attuale dell'acceleratore di GSI come componente dei preparati per la FIERA, l'intensità di dose necessaria nell'intervallo di millisecondo possono ora anche essere raggiunti per carbonio. Tuttavia, molti sviluppo e ricerca tecnici ancora è necessario, prima che la procedura tecnicamente sia avanzata abbastanza da usare ordinariamente sui pazienti.

Il professor Marco Durante, capo del dipartimento di ricerca nella biofisica di GSI, era molto piacevole con il successo importante nell'irradiamento ISTANTANEO:

È un metodo lungimirante che potrebbe aumentare significativamente la finestra terapeutica in radioterapia. Sono molto felice che i ricercatori ed il gruppo dell'acceleratore potevano dimostrare la possibilità per creare le circostanze con i raggi del carbonio che sono necessari per la terapia ISTANTANEA dei tumori. Se possiamo combinare il grandi effetto e precisione della terapia pesante dello ione con irradiamento ISTANTANEO mentre manteniamo l'efficacia e danneggiando poco il tessuto sano, questo potrebbe aprire la strada di una radioterapia futura tra qualche anno„.

L'amministratore delegato scientifico di GSI e l'EQUO, il professor Paolo Giubellino, è egualmente molto contentissimi: Il „la combinazione di competenza nell'eccellenza della biofisica e della medicina come pure di assistenza tecnica permette che ai primi esperimenti di livello internazionale l'irradiamento ISTANTANEO con i raggi ionici sia eseguito. Ciò ha potuto provocare i complementi importanti alle radioterapie attuali. Le applicazioni nella terapia del tumore sono una delle aree di ricerca che possono trarre giovamento dalle intensità aumentate recenti degli acceleratori di GSI. Tuttavia, la radiobiologia moderna trarrà giovamento sostanzialmente dai raggi con ancora le più alte intensità, come noi avrà alla funzione EQUA corrente in costruzione. Il FLASH è un primo esempio di questi orientamenti futuri di lavoro„.