Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli alti livelli di proteina collegati con salubrità del cuore hanno potuto proteggere da lesione cerebrale Alzheimer's del tipo di

Prima che la gente con il morbo di Alzheimer cominci esibire la difficoltà che si ricorda e che pensa, la malattia sta sviluppandosi nei loro cervelli per due decadi o più ed il loro tessuto cerebrale già ha sostenuto il danno. Mentre la malattia progredisce, il danno si accumula ed i loro sintomi peggiorano.

I ricercatori alla scuola di medicina dell'università di Washington a St. Louis hanno trovato che gli alti livelli di una proteina normale si sono associati con la malattia di cuore diminuita egualmente proteggono da lesione cerebrale Alzheimer's del tipo di - almeno in mouse. I risultati, pubblicati il 21 giugno in neurone, suggeriscono quello che solleva i livelli della proteina -- conosciuto come ricevitore della lipoproteina a bassa densità (ricevitore di LDL) -- ha potuto potenzialmente essere un modo rallentare o fermare il declino conoscitivo.

La scoperta del ricevitore di LDL come obiettivo terapeutico potenziale per demenza è sorprendente poiché la proteina è molto meglio conosciuta per il suo ruolo nel metabolismo del colesterolo. Statins e PCSK9 inibitori, due gruppi di medicinali ampiamente prescritti per la malattia cardiovascolare, lavoro in parte aumentando i livelli di ricevitore di LDL nel fegato ed in alcuni altri tessuti. Non è conosciuto se pregiudicano i livelli del ricevitore di LDL nel cervello.

Ci non sono terapie ancora chiaro efficaci per conservare la funzione conoscitiva nella gente con il morbo di Alzheimer. Abbiamo trovato che quello ricevitore aumentare di LDL nel cervello forte fa diminuire il neurodegeneration e protegge dal trauma cranico in mouse. Se poteste aumentare il ricevitore di LDL nel cervello con una piccola molecola o altra approccio, potrebbe essere una strategia molto attraente del trattamento.„

David Holtzman, MD, autore senior, il Andrew B. e Gretchen P. Jones professore e capo del dipartimento di neurologia

Il tasto all'importanza del ricevitore di LDL si trova in una proteina differente, APOE, che egualmente è collegato sia al metabolismo che al morbo di Alzheimer del colesterolo. Ricco in colesterolo nel sangue è associato a un aumentato rischio del morbo di Alzheimer, sebbene la natura esatta dell'associazione sia poco chiara.

Durante lo sviluppo lungo e lento del morbo di Alzheimer, placche di una proteina chiamata amiloide accumuli gradualmente nel cervello. Dopo molti anni, un'altra proteina del cervello ha chiamato gli inizio di tau che formano i grovigli che diventano rilevabili appena prima che i sintomi di Alzheimer sorgono. I grovigli sono probabilmente tossici ai neuroni e la loro diffusione attraverso il cervello prevede la morte del tessuto cerebrale e del declino conoscitivo. Primo Yang Shi autore, PhD, un ricercatore postdottorale e Holtzman precedentemente ha indicato che le unità di APOE tau-hanno mediato la degenerazione nel cervello da microglia d'attivazione, la squadra di portiere cellulare del cervello. Una volta che attivato, il microglia può danneggiare il tessuto neurale nel loro zelo per pulire i detriti molecolari.

I livelli elevati del ricevitore di LDL limitano il danno APOE possono fare in parte legando a APOE e degradandolo. I livelli elevati del ricevitore di LDL nel cervello, quindi, dovrebbero tirare più APOE dalle cellule cerebrali circostanti fluide ed attenuare il danno ancora ulteriore, i ricercatori hanno ragionato.

Come componente di questi studio, Shi, Holtzman e colleghi compreso autore Jason co-senior Ulrich, PhD, un professore associato di neurologia, mouse studiati predisposta per sviluppare neurodegeneration Alzheimer's del tipo di perché geneticamente erano stati modificati per sviluppare l'accumulazione di tau nel cervello, tanto come la gente con il morbo di Alzheimer ed altri moduli di demenza. I ricercatori sono cresciuto i mouse di tau con i mouse geneticamente modificati per esprimere gli alti livelli del ricevitore di LDL nei loro cervelli. La prole risultante ha avuta gli alti livelli del ricevitore di LDL e una tendenza sviluppare la lesione cerebrale Alzheimer's del tipo di prima che fossero 9 mesi, che è simile al medio evo in una persona.

Poi, i ricercatori hanno confrontato i quattro gruppi: mouse normali, mouse di tau, mouse con gli alti livelli del ricevitore di LDL e mouse di tau con gli alti livelli del ricevitore di LDL. A 9 mesi, i mouse normali ed i mouse con gli alti livelli del ricevitore di LDL hanno avuti cervelli di sguardo sani. I mouse di tau hanno avuti l'atrofia severa del cervello e danno neurologico. In confronto, i mouse di tau con gli alti livelli del ricevitore di LDL erano nella forma molto migliore. Hanno avuti significativamente meno restringimento del cervello ed il danno, i loro livelli di determinati moduli della tau e APOE erano significativamente più bassi ed il loro microglia è stato spostato verso un reticolo meno offensivo dell'attivazione.

“Alzheimer si sviluppa lentamente con le fasi multiple e la fase di degenerazione quando la tau sta accumulandosi è quando i sintomi sorgono e peggiorano,„ Holtzman ha detto. “In termini di qualità di vita per la gente con Alzheimer, questo è una fase in cui sarebbe grande se potessimo intervenire. Penso questa via del ricevitore di LDL sia un buon candidato perché ha un forte effetto e sappiamo che può essere mirato a in altre parti del corpo. Ciò ci ha motivati nel corso degli ultimi anni per provare a sviluppare i programmi per modulare il ricevitore in altri modi.„

Source:
Journal reference:

Shi, Y., et al. (2021) Overexpressing low-density lipoprotein receptor reduces tau-associated neurodegeneration in relation to apoE-linked mechanisms. Neuron. doi.org/10.1016/j.neuron.2021.05.034.