Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio indica che COVID-19 era presente in cinque stati di Stati Uniti nel dicembre 2019, anche prima che il primo abbia riferito il caso in Cina

In uno studio recente ha pubblicato nelle malattie infettive cliniche, un gruppo di ricercatori miranti per identificare esattamente quanto presto il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo stava circolando in tutto gli Stati Uniti. Nel loro lavoro, i ricercatori hanno provato i campioni archivati residui dalle donazioni di sangue sistematiche raccolte dalla croce rossa americana.

Studio: Test sierologico delle donazioni di sangue degli Stati Uniti per identificare sindrome respiratorio acuto severo Coronavirus 2 (SARS-CoV-2) - anticorpi reattivi: Dicembre 2019-gennaio 2020. Credito di immagine: Diana Sklarova/Shutterstock.com

La diffusione SARS-CoV-2

SARS-CoV-2, che è il virus dietro la malattia 2019 (COVID-19) di coronavirus, in primo luogo è stato riferito a Wuhan, Cina nel dicembre 2019. Da allora, SARS-CoV-2 ha continuato a spargersi a 192 paesi e regioni intorno al mondo, infettante oltre 177 milione di persone il 19 giugno 2021.

Gli Stati Uniti hanno riferito il suo primo caso di SARS-CoV-2 il 21 gennaio 2020, in un cittadino americano di 35 anni che viaggia da Wuhan, la Cina alla sua casa nello Stato del Washington. Questa persona ha avuta una data di sintomo-inizio del 19 gennaio 2020. D'importanza, altre due persone dei 12 casi che in primo luogo sono stati identificati negli Stati Uniti intorno a questo tempo hanno identificato le loro date di sintomo-inizio per essere il 14 gennaio 2020.

Non era fino a molto successivamente nel 2020 che i ricercatori al centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti (CDC) hanno scoperto che la gente in parecchi stati negli Stati Uniti è stata infettata molto più presto con SARS-CoV-2 del gennaio 2020.

Lo studio

I ricercatori hanno mirato a determinare se SARS-CoV-2 fosse più presto presente negli Stati Uniti di che cosa precedentemente è stato riferito identificando se gli anticorpi reattivi erano presenti nei campioni di sangue che sono stati raccolti prima del 21 gennaio 2020. A questo scopo, il gruppo ha valutato i campioni archivati residui da 7.389 donazioni di sangue sistematiche raccolte dalla croce rossa americana fra il 13 dicembre 2019 ed il 17 gennaio 2020.

I campioni provenivano dai donatori in nove stati compreso Connecticut, la California, lo Iowa, il Michigan, Massachusetts, l'Oregon, l'isola di Rhoda, Wisconsin e Washington. Il gruppo ha provato i campioni ad anticorpi anti-SARS-CoV-2.

I campioni in primo luogo sono stati provati dall'analisi enzima-collegata (pan--Ig) dell'immunosorbente dell'pan-immunoglobulina (ELISA) contro la proteina piena della punta. Quelli che sono risultati reattivi da questa analisi successivamente sono stati provati dall'immunoglobulina G (IgG) e IgM ELISAs, una prova di microneutralization, orto ELISA totale di Ig S1 ed enzima 2 (ACE2) del dominio RBD) /angiotensin-converting dell'ricevitore-associazione che blocca l'analisi di attività.

Dei 7.389 campioni di sangue che sono stati provati, 106 sono risultati reattivi dal ELISA pan--Ig. Di questi 106 esemplari reattivi, 90 campioni sono stati sottoposti a ulteriori prove. I ricercatori hanno trovato che 84 di questi 90 campioni hanno esibito l'attività di neutralizzazione. Più ulteriormente, uno di questi campioni è stato trovato per esibire l'attività obbligatoria S1, mentre un altro è stato trovato per dimostrare l'attività di didascalia RBD/ACE2 di più di 50%, quindi suggerente la presenza di anticorpi reattivi contro SARS-CoV-2 in questi campioni.

“I risultati di questo rapporto suggeriscono che le infezioni SARS-CoV-2 possano essere presenti negli Stati Uniti nel dicembre 2019, più presto precedentemente riconosciuto.

Il CDC sta continuando a lavorare con i partner federali e non governativi per condurre la sorveglianza in corso facendo uso delle donazioni di sangue ed i campioni clinici del laboratorio per l'infezione SARS-CoV-2 in siti multipli attraverso gli Stati Uniti.„

Considerevolmente, gli anticorpi a SARS-CoV-2 sono stati identificati fra le donazioni dallo Iowa, da Connecticut, da Massachusetts, da Wisconsin e dal Rhode Island. Ciò è importante, come questi campioni sono stati raccolti parecchi mesi prima che SARS-CoV-2 sia stato identificato ufficialmente circolare in questi stati.

Facendo luce sulla dinamica di come la diffusione SARS-CoV-2 a partire dai più primi mesi della pandemia COVID-19 assisterà gli scienziati che stanno guardando per capire meglio i meccanismi da cui questo virus si sparge. Questi informazioni possono anche contribuire ad organizzare, pianificazione ed informare la destinazione delle risorse e, allo stesso tempo, per contribuire ad impedire gli scoppi futuri.

Journal reference:
Angela Betsaida B. Laguipo

Written by

Angela Betsaida B. Laguipo

Angela is a nurse by profession and a writer by heart. She graduated with honors (Cum Laude) for her Bachelor of Nursing degree at the University of Baguio, Philippines. She is currently completing her Master's Degree where she specialized in Maternal and Child Nursing and worked as a clinical instructor and educator in the School of Nursing at the University of Baguio.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Laguipo, Angela. (2021, June 22). Lo studio indica che COVID-19 era presente in cinque stati di Stati Uniti nel dicembre 2019, anche prima che il primo abbia riferito il caso in Cina. News-Medical. Retrieved on September 27, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210621/Study-shows-that-COVID-19-was-present-in-five-states-in-December-2019-even-before-the-first-reported-case-in-China.aspx.

  • MLA

    Laguipo, Angela. "Lo studio indica che COVID-19 era presente in cinque stati di Stati Uniti nel dicembre 2019, anche prima che il primo abbia riferito il caso in Cina". News-Medical. 27 September 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210621/Study-shows-that-COVID-19-was-present-in-five-states-in-December-2019-even-before-the-first-reported-case-in-China.aspx>.

  • Chicago

    Laguipo, Angela. "Lo studio indica che COVID-19 era presente in cinque stati di Stati Uniti nel dicembre 2019, anche prima che il primo abbia riferito il caso in Cina". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210621/Study-shows-that-COVID-19-was-present-in-five-states-in-December-2019-even-before-the-first-reported-case-in-China.aspx. (accessed September 27, 2021).

  • Harvard

    Laguipo, Angela. 2021. Lo studio indica che COVID-19 era presente in cinque stati di Stati Uniti nel dicembre 2019, anche prima che il primo abbia riferito il caso in Cina. News-Medical, viewed 27 September 2021, https://www.news-medical.net/news/20210621/Study-shows-that-COVID-19-was-present-in-five-states-in-December-2019-even-before-the-first-reported-case-in-China.aspx.