Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori studiano come il coregone lavarello facilita la diffusione del virus COVID-19

La maggior parte dei modelli che spiegano come i virus sono fuoco trasmesso sulle particelle virali che sfuggono ad una persona per infettare una persona vicina. Uno studio sul ruolo delle particelle microscopiche in come i virus sono trasmessi suggerisce che il coregone lavarello sia niente starnutire a.

Nella fisica dei liquidi, tramite AIP che pubblica, Talib Dbouk e Dimitris Drikakis studiano come il coregone lavarello facilita la diffusione di un virus a RNA come il virus COVID-19. Lo studio attinge gli approcci di calcolo di avanguardia per analizzare la dinamica fluida per imitare il movimento del coregone lavarello da un albero di salice, un emettitore prototipo del coregone lavarello. I granuli dispersi nell'aria del coregone lavarello contribuiscono alla diffusione dei virus dispersi nell'aria, particolarmente negli ambienti ammucchiati.

A nostra conoscenza, questo è la prima volta mostriamo con la modellistica e la simulazione come i micrograins dispersi nell'aria del coregone lavarello sono trasportati in una brezza leggera, contribuenti alla trasmissione del virus disperso nell'aria in folle all'aperto.„

Dimitris Drikakis, ricercatore

I ricercatori hanno notato una correlazione fra i gradi di infezione COVID-19 e la concentrazione nel coregone lavarello sulla mappa nazionale di allergia. Ogni granulo del coregone lavarello può portare le centinaia di particelle del virus per volta. Gli alberi da solo possono mettere 1.500 granuli per metro cubico nell'aria i giorni pesanti.

I ricercatori collocati per lavorare creando tutte le parti lavarelle coregone del loro albero di salice di calcolo. Hanno simulato le riunioni all'aperto di approssimativamente 10 o 100 persone, alcune di loro che spargono le particelle COVID-19 ed hanno sottoposto la gente a 10.000 granuli del coregone lavarello.

“Una delle sfide significative è la ricreazione di un ambiente assolutamente realistico di un albero di salice maturo,„ ha detto Dbouk. “Questo ha compreso migliaia di foglie dell'albero e di particelle del granulo del coregone lavarello, le centinaia di gambi e una riunione realistica di una folla di circa 100 persone a circa 20 metri dall'albero.„

Sintonizzando il modello alla temperatura, windspeed e l'umidità di un giorno di sorgente tipico negli Stati Uniti, il coregone lavarello ha attraversato la folla in meno di un minuto, in grado di pregiudicare significativamente il caricamento del virus portato avanti ed aumenta il rischio di infezione.

Gli autori hanno detto che la distanza di 6 piedi citata spesso per le raccomandazioni COVID-19 non potrebbe essere adeguata per quelle a rischio della malattia nelle aree ammucchiate con alto coregone lavarello. Le nuove raccomandazioni basate ai livelli locali del coregone lavarello hanno potuto essere usate per gestire meglio il rischio di infezione.

Mentre chiama l'attenzione ad altri moduli della trasmissione COVID-19, la speranza degli autori il loro studio rifornisce ulteriore interesse nella dinamica fluida degli impianti.

Dopo, guardano per capire meglio i meccanismi che sono alla base dell'interazione fra i granuli dispersi nell'aria del coregone lavarello e l'apparato respiratorio umano in condizioni ambientali varie.

Source:
Journal reference:

Dbouk, T & Drikakis, D., (2021) On pollen and airborne virus transmission. Physics of Fluids. doi.org/10.1063/5.0055845.