Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le guide di sanità richiedono atto impedire la polmonite non ventilatore associata e ospedale-acquistata

Un gruppo di guide di sanità, compreso un'università di innovatore dell'infermiere di Massachusetts Amherst, ha pubblicato una chiamata nazionale ad atto impedire la polmonite non ventilatore associata e ospedale-acquistata (NVHAP).

Questa chiamata ad atto è stata sviluppata con una task force congiunta dei consegnatari nazionali chiave di sanità, compresi il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), l'amministrazione di salubrità dei veterani, la Commissione unita sull'accreditamento delle organizzazioni di sanità, l'associazione dentaria americana, le fondamenta pazienti del movimento della sicurezza, formazione e pratica orale di professione d'infermiera di salubrità, salubrità Orale-Sistematica di insegnamento e l'accademia.

Nel commento un documento ha pubblicato nel controllo di infezione del giornale & epidemiologia dell'ospedale (ICHE), la task force congiunta, che Karen K. Giuliano di UMass Amherst incluso, presenta le loro raccomandazioni affinchè gli sforzi migliori di prevenzione e della ricerca diminuisse il danno da NVHAP.

Secondo l'organizzazione nazionale Prevent Ospedale-ha acquistato la polmonite (NOHAP), la maggior parte dei ospedali non tengono la carreggiata, non riferiscono o non hanno iniziative attivamente per impedire NVHAP, anche se è più l'infezione ospedale-acquistata terreno comunale.

I risultati pazienti negativi connessi con NVHAP comprendono la mortalità 15-30%, la durata del soggiorno estesa dell'ospedale, l'ammissione inattesa di ICU di fino a 46% ed il rischio aumentato per riammissione dell'ospedale nei 30 giorni, secondo il documento di ICHE.

A differenza di polmonite ventilatore-associata (VAP) e di altra le infezioni ospedale-acquistate unità-associate, NVHAP non è riconosciuta come uno del database nazionale degli indicatori di qualità di professione d'infermiera, né fanno i centri per Assistenza sanitaria statale ed i servizi di Medicaid (CMS) richiedono gli ospedali di riferire i casi alla rete nazionale della sicurezza di sanità di CDC o di includerlo in paga-per-segnalazione o nei programmi della prestazione.

NVHAP è un fuoco della ricerca in corso di Giuliano, per cui ha ricevuto l'associazione per i professionisti nel premio di controllo e dell'epidemiologia 2020 di infezione per eccellenza della pubblicazione.

Il danno nascosto da NVHAP nella cura acuta è un problema di sicurezza paziente significativo. NVHAP dovrebbe essere elevato allo stesso livello di preoccupazione, di attenzione e di sforzo della prevenzione di VAP in ospedali.„

Karen K. Giuliano, professore associato in istituto universitario di professione d'infermiera e dell'istituto per le scienze biologiche applicate, UMass Amherst

Giuliano è egualmente co-direttore del centro recentemente lanciato per la cura e l'organizzazione dell'innovazione.

Oltre a sollevare consapevolezza circa NVHAP, il documento raccomanda di istruire i pazienti, i professionisti di sanità e gli studenti circa le misure preventive, compreso cura orale standardizzata e terapeutica per tutti i pazienti; applicare le strategie di sorveglianza; e ricerca supportante per sviluppare le nuove strategie per sia sorveglianza che la prevenzione.

“Aggiungere NVHAP a queste liste delle circostanze con un'alta posta in gioco è un modo attirare l'attenzione degli ospedali su NVHAP, per catalizzare la scoperta delle iniziative di prevenzione e delle strategie di entrata in vigore ottimizzate e guida giù l'incidenza di NVHAP e la morbosità,„ il Libro Bianco conclude.

Source:
Journal reference:

Munro, S. C., et al. (2021) Nonventilator hospital-acquired pneumonia: A call to action. Infection Control and Hospital Epidemiology. doi.org/10.1017/ice.2021.239.