Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio identifica la cella dell'origine del medulloblastoma

Gli studi sono stati intrapresi tramite una collaborazione internazionale che fa partecipare il gruppo di ricerca piombo da Luca Tiberi del laboratorio diArmenise-Harvard di tumore al cervello al dipartimento di biologia cellulare, di calcolo ed integrante - Cibio di UniTrento, Parigi Brain Istituto-Institut du Cerveau a Sorbonne Université a Parigi, il centro del Cancro dei bambini di Hopp (KiTZ) Heidelberg, in Germania e l'università di Sapienza a Roma. Sono stati supportati da Fondazione Armenise-Harvard, da Fondazione Airc (Associazione per la ricerca sul cancro italiana) e da Fondazione Caritro da Trento. I risultati dello studio, pubblicati negli avanzamenti di scienza, hanno potuto piombo per migliorare ed i trattamenti più efficaci.

Il gruppo dei ricercatori è fiero dei risultati raggiunti.

Per la prima volta, abbiamo usato un modello organoid che abbiamo creato e sviluppato dentro i mesi passati. Grazie a questi tessuti in vitro del cancro in 3D, potevamo identificare il tipo di cella che può svilupparsi nel medulloblastoma. Queste celle in effetti esprimono Notch1/S100b e svolgono un ruolo chiave nell'inizio, nella progressione e nella prognosi di questo tipo di tumore al cervello di infanzia„.

Luca Tiberi, coordinatore dello studio ed autore corrispondente del documento

Organoids, sviluppato a centinaia nei laboratori dell'università di Trento, è generato da interfaccia o dai globuli ed assomiglia alle sfere irregolari la dimensione di un'arachide. Gli scienziati le usano per capire i meccanismi genetici responsabili del tumore al cervello più comune che pregiudica i bambini e per esplorare i nuovi trattamenti per le circostanze incurabili. Organoids è stato usato per fornire un modello dei tumori in laboratorio. I risultati possono piombo agli avanzamenti nella ricerca del tumore al cervello e, in futuro, potrebbero essere usati per studiare altri tumori in una regolazione del laboratorio ad un costo diminuito, rispetto alle tecnologie precedenti e per condurre le più grandi selezioni per verificare le nuove droghe ed i trattamenti adattati.

Circa i organoids

Organoids è generato da interfaccia o dai globuli ed assomiglia alle palle irregolari la dimensione di un'arachide. Non sono cumuli delle cellule, ma celle specializzate ed organizzate che ripieghino il più possibile l'organo allo studio.

Questi modelli tridimensionali permettono che gli scienziati effettuino la ricerca in una regolazione del laboratorio. Lavorando con i pazienti nel caso dello studio presente sarebbe impossibile, dato che mette a fuoco su tumore al cervello in bambini. Ecco perché il gruppo dei ricercatori del laboratorio diArmenise-Harvard del dipartimento di biologia cellulare, di calcolo ed integrata - Cibio dell'università di Trento ha usato i organoids per capire i meccanismi genetici di tumore al cervello nell'infanzia e per trovare i nuovi trattamenti per queste circostanze quasi intrattabili.

I tumori cerebrali sono la prima causa della morte dovuto cancro in bambini. Sono molto aggressivi e richiedono un pluridisciplinare e un approccio integrato. Mentre i progressi significativi sono stati realizzati nel trattamento dei questi tumori, i pazienti sopravviventi possono soffrire gli effetti secondari a lungo termine che compromettono significativamente la loro qualità di vita. Quando il tumore riappare dopo un certo tempo, le terapie sono solitamente inefficaci. Medulloblastoma, il fuoco di questo studio, è il tumore cerebrale maligno più comune in bambini che pregiudicano il sistema nervoso centrale. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi del medulloblastoma è intorno 70% (sorgente: Associazione per la ricerca sul cancro italiana di AIRC).

Source:
Journal reference:

Ballabio, C., et al. (2021) Notch1 switches progenitor competence in inducing medulloblastoma. Science Advances. doi.org/10.1126/sciadv.abd2781.