Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

È COVID-19 più severo nella gravidanza?

I virus respiratori sono conosciuti per aumentare il rischio di malattia e di morte sia in madri che in feti nella gravidanza. Ciò è stata indicata per essere il caso con i virus più in anticipo quali influenza, la sindrome respiratorio acuto severo (SARS) e coronaviruses respiratori di sindrome (MERS) di Medio Oriente.

Un nuovo studio dai ricercatori all'università del Maryland, U.S.A., indica che le donne incinte sono più probabili sviluppare la malattia severa dopo l'infezione di coronavirus 2 di sindrome respiratorio acuto severo (SARS-CoV-2). Il gruppo ha rilasciato i loro risultati come pubblicazione preliminare sul " server " del medRxiv*, mentre l'articolo subisce la revisione tra pari.

SARS-CoV-2 è l'agente che ha causato alla malattia in corso di coronavirus 2019 pandemie (COVID-19), che finora ha ammontato a 179,6 milione casi confermati ed oltre 3,89 milione morti.

Sfondo

La ricerca più iniziale ha prodotto i risultati contraddittori pro e contro la tendenza aumentata per COVID-19 severo nella gravidanza. Lo studio corrente ha mirato ad esaminare ancora una volta questo aspetto, facendo uso degli indicatori della severità quali il completamento dell'ossigeno, la ventilazione meccanica dilagante, l'ospedalizzazione, l'ammissione dell'unità di cure intensive e la morte.

La gravidanza è caratterizzata dai cambiamenti profondi nel funzionamento dell'organismo come pure dal sistema immunitario. Fra questi è il consumo dell'ossigeno, che aumenta di 15% - 20%, capacità residua funzionale diminuita, un'più alta escrezione del bicarbonato dai reni di sormontare l'alcalosi respiratoria.

Il risultato è che l'organismo incinto ha riserve fisiologiche più basse per mantenere l'omeostasi. Gli effetti Immunomodulatory, quali immunità cellulare diminuita, i numeri più bassi delle celle di T naturali dell'assistente e dell'uccisore e l'attività aumentata delle celle di T dell'assistente 17/regulatory di T, possono provocare una risposta immunitaria inumidita.

Ciò può essere una ragione per la morbosità e la mortalità aumentate nella gravidanza con COVID-19. Altri possono essere pandemico-specifici, per quanto riguarda la disponibilità diminuita di visita prenatale o di frequenza delle visite di routine o dell'uso delle portate troppo basse di ossigeno supplementare nella gravidanza.

In terzo luogo, COVID-19 pregiudica più donne incinte delle origini etniche di colore, che sono più probabili sviluppare già la malattia severa.

Come lo studio è stato fatto?

Lo studio multicentrato ha incluso le femmine di 18-45 anni, tutti di chi erano incinti e confermati per avere infezione SARS-CoV-2 dalla prova di laboratorio, abbinato con i comandi che non erano incinti quando hanno acquistato l'infezione.

La severità COVID-19 è stata determinata dall'istituto nazionale punteggio ordinale otto punti della severità della malattia infettiva e di allergia (NIAID), da 0 per i pazienti asintomatici a 7 per i risultati interni. Qualsiasi punteggio malattia severa di tre o indicati, compreso i pazienti che hanno richiesto almeno il completamento dell'ossigeno o la ventilazione non invadente.

Fra i circa 190 pazienti incinti e 1.000 pazienti non gravidi, il precedente ha avuto un'età media più bassa, a 28 anni, contro 34 anni negli ultimi. Erano egualmente meno probabili avere malattie di fondo, che sono state osservate in un quarto del primo gruppo ma più di un terzo del secondo.

Il gruppo incinto COVID-19 è stato composto di proporzione elevata delle donne ispane (50%) e delle donne di colore (31%), con di meno che un quarto che è donne bianche. Per contro, il gruppo non gravido ha compreso le donne di colore di circa 54%, le donne del latino-americano di 16% e le donne bianche di 15%.

La percentuale di donne con il moderato con COVID-19 severo era più alta nel gruppo incinto, a quasi 20%. Sopra un quarto di questo gruppo ha richiesto l'ospedalizzazione, 9% nell'unità di cure intensive, con il farmaco di ricezione di 5% ciascuno di mantenere i livelli adeguati di pressione sanguigna e la ventilazione meccanica dilagante.

Che cosa erano i risultati di studio?

I risultati hanno indicato che significantly more donne incinte con COVID-19 hanno avute moderato alla malattia severa, a 25% contro 16% nei comandi. Quasi la stessa differenza era presente riguardo all'ospedalizzazione.

Le differenze fra i casi ed i comandi nell'ammissione (ICU) dell'unità di cure intensive, il trattamento con le sostanze vasoactive e l'esigenza di ventilazione meccanica dilagante erano presenti ma sotto il livello significativo. Ciò ha potuto essere a causa del di piccola dimensione del campione. Le morti erano uguali in entrambi i gruppi.

Sulle prove di laboratorio, i leucociti erano più alti in pazienti incinti COVID-19, come erano i livelli del D-dimero. L'ultimo è un segno della gravidanza, dice alcuni ricercatori, indicanti la sua profonda elevazione anche nelle gravidanze normali.

I livelli dell'emoglobina, della ferritina e della creatinina erano più bassi in questo gruppo di pazienti e quasi due in tre hanno avuti risultati positivi sulla radiografia del torace confrontata a appena superiore ad un terzo dei pazienti non gravidi COVID-19. La linfopenia e la trompocitopenia non sono state osservate.

Sono le donne incinte a COVID-19 severi inclini?

Il rischio di COVID-19 severo è stato aumentato indipendente dalla presenza di malattie di fondo, di età d'avanzamento, di corsa ispana, di più alto indice di massa corporea, di affezione polmonare e di diabete. Tuttavia, la gravidanza egualmente è stata trovata per aumentare il rischio, indipendentemente da altri fattori.

Quindi, le donne incinte hanno fatte due volte confrontare le probabilità della malattia severa alle donne non gravide, particolarmente donne ispane, che hanno avute circa tre più alte probabilità di volte. Gli aumenti di rischio più ulteriormente con ogni anno supplementare ed ogni aumento dell'unità nell'indice di massa corporea. L'affezione polmonare ed il diabete cronici egualmente sono associati con oltre quattro volte le probabilità di COVID-19 severo.

Circa 41% delle gravidanze erano complicati, particolarmente dai disturbi ipertensivi della gravidanza, veduti circa in un quinto dei pazienti. Il termine mediano della gravidanza alla consegna era di 32 settimane. Circa un decimo dei bambini erano prematuri nati, mentre oltre uno in dieci madri ha avuto diabete gestazionale.

Gli aborti iniziali si sono presentati in 2% e nelle perdite recenti quasi nello stesso numero, ma nessuna morte neonatale è stata riferita in questo piccolo gruppo.

Che cosa sono le implicazioni?

Come previsto dal rapporto dei centri degli Stati Uniti per prevenzione delle malattie e controllo (CDC), le donne incinte sono sembrato essere all'elevato rischio di COVID-19 severo. I cambiamenti stanti alla base nella funzione fisiologica e nella risposta immunitaria hanno potuto essere parzialmente responsabili.

I disturbi ipertensivi della gravidanza erano egualmente altamente prevalenti in pazienti incinti COVID-19, ma la domanda della causalità rimane indeterminata. Un'altra idea alternativa è che gli stessi pazienti che hanno sviluppato COVID-19 severo sono egualmente più probabili sviluppare l'ipertensione nella gravidanza.

Ciò è suggerita dal fatto che entrambi i gruppi mostrino un più alto profilo di citochina ed anche perché la variabilità genetica nell'enzima di conversione dell'angiotensina 2 (ACE2) pregiudica le diverse predisposizioni al virus.

Indipendentemente dalla gravidanza, le donne ispane più anziane e più pesanti sono al rischio aumentato di COVID-19 severo, particolarmente se già hanno affezione polmonare cronica.

Raccomandiamo la sorveglianza vicina delle donne incinte sintomatiche con COVID-19, particolarmente in presenza di altri fattori di rischio quali origine etnica ispana e l'affezione polmonare cronica,„ dica i ricercatori.

Questa popolazione può anche meritare la priorità nella vaccinazione e nel trattamento.

È egualmente sfavorevole che le implicazioni etiche e tecniche di trattamento delle due vite in una donna incinta lo rendono difficile comprenderle nelle prove iniziali del vaccino e della droga, malgrado i loro bisogni unici. Ciò aumenta il rischio di risultati avversi in questo gruppo. I mezzi dovrebbero essere dibattuti per permettere a che la gravidanza non è una barra automatica a tali prove.

avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2021, June 24). È COVID-19 più severo nella gravidanza?. News-Medical. Retrieved on September 21, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210624/Is-COVID-19-more-severe-in-pregnancy.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "È COVID-19 più severo nella gravidanza?". News-Medical. 21 September 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210624/Is-COVID-19-more-severe-in-pregnancy.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "È COVID-19 più severo nella gravidanza?". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210624/Is-COVID-19-more-severe-in-pregnancy.aspx. (accessed September 21, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2021. È COVID-19 più severo nella gravidanza?. News-Medical, viewed 21 September 2021, https://www.news-medical.net/news/20210624/Is-COVID-19-more-severe-in-pregnancy.aspx.