Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo sistema del punteggio di rischio per predire esattamente ricaduta di leucemia

La leucemia è un gruppo di cancri di sangue che pregiudica migliaia di gente universalmente. Tuttavia, con gli avanzamenti nella medicina, vari tipi di leucemie possono efficacemente essere trattati con le cellule staminali erogarici con trapianto allogenico della cellula staminale (allo-SCT). Un tale tipo di leucemia è leucemia linfoblastica acuta del linfocita B (PALLA), che è causata da proliferazione incontrollata e dall'esistenza prolungata dei linfociti B cancerogeni. Mentre allo-SCT inscatola la PALLA “della maturazione„ in parecchi casi, ci sono egualmente casi di errore, caratterizzati da deterioramento nella salubrità dopo un periodo di ripristino--una fase conosciuta medicamente come la ricaduta. La previsione iniziale di questo risultato sfavorevole può presentare parecchi vantaggi medici per i pazienti corrispondenti ed il sistema sanitario.

Per indirizzare questa sfida, un gruppo di ricercatori medici dal laboratorio di tasto di Pechino di trapianto ematopoietico della cellula staminale, l'università di Pechino e l'accademia di scienze mediche cinese hanno sviluppato con successo un efficace punteggio di rischio che può predire esattamente la ricaduta di leucemia, dopo allo-SCT. I loro risultati sono stati pubblicati come articolo della ricerca in giornale medico cinese.

Dettagliando la metodologia completa utilizzata nello studio, il Dott. Xiao-Giugno Huang dall'istituto dell'ematologia, l'ospedale dell'università di Pechino della gente dell'università di Pechino, che piombo lo studio, spiega, “noi ha iscritto 477 pazienti con la PALLA che ha subito allo-SCT all'ospedale della gente dell'università di Pechino dal dicembre 2010 al dicembre 2015 in questo studio retrospettivo. Abbiamo mirato a valutare i fattori connessi con i risultati del trapianto dopo allo-SCT ed a stabilire un punteggio di rischio per identificare i pazienti con differenti probabilità della ricaduta. Abbiamo eseguito monovariante e le analisi di più variabili con i rischi proporzionali di Cox modellano facendo uso delle variabili dipendenti dal tempo per analizzare i nostri dati.„

Come citato dal Dott. Huang, alcuni dei fattori analizzati connessi con i risultati del trapianto di allo-SCT hanno incluso l'innesto del globulo bianco come i neutrofili e le piastrine, nei pazienti; presenza di cellule tumorali residue, misurata come malattia residua minima (MRD); avvenimento della malattia del trapianto contro l'ospite cronica (cGVHD); e diminuzione nei sintomi di leucemia, conosciuti medicamente come remissione, dopo la procedura. Poi, i ricercatori hanno continuato ad identificare se questi fattori potessero essere usati per determinare i risultati come l'incidenza cumulativa di cinque anni della ricaduta (CIR), della sopravvivenza globale (OS), della sopravvivenza senza leucemia (LFS) e della mortalità di non ricaduta, nei pazienti. Per concludere, questi risultati sono stati usati per formulare il punteggio di rischio.

Nei pazienti valutati per i fattori differenti precedentemente descritti, i ricercatori hanno osservato considerevolmente che tutti hanno raggiunto l'innesto del neutrofilo e 95,4% di loro hanno raggiunto l'innesto della piastrina. Inoltre, hanno osservato che 20,7% dei pazienti hanno mostrato il CIR, 70,4% loro sono sopravvissuto a globalmente, 65,6% LFS resistiti a e 13,9% soccombuti alla mortalità di non ricaduta.

Ulteriore analisi statistica ha permesso che i ricercatori osservassero le associazioni distinte fra i fattori analizzati e che ha valutato i risultati. In questo senso, il Dott. Huang, spiega emozionante, “la nostra analisi ha indicato che pazienti con post-trapianto positivo MRD, trapiantato oltre la prima remissione completa (? CR2) e senza cGVHD, ha avuto il più alto CIR e LFS peggiore ed OS, dei pazienti senza MRD dopo trapianto, trapiantato in CR1 e con cGVHD.„

Con tali osservazioni evidenti, come spiegate dal Dott. Huang, i ricercatori immediatamente hanno acceso ad inventare il loro punteggio di rischio.

Il punteggio novello di rischio ha appuntato le tariffe di cinque anni di ricaduta di 6,3%, di 16,6%, di 55,9% e di 81,8%, come 0, 1, 2 e 3, rispettivamente. I ricercatori egualmente hanno aggiunto che, con l'aumento del punteggio di rischio, i valori di cinque anni di OS e di LFS sono diminuito corrispondentemente.

In generale, i ricercatori sperano che il punteggio di rischio che hanno inventato servisca da guida per il trattamento di leucemia, permettendo la stratificazione dei pazienti con differenti rischi di ricaduta. Egualmente sperano che questo tenga conto migliore intervento medico. Effettivamente, il mondo può sperare che questo punteggio di rischio servisca una pietra miliare nella previsione di ricaduta di leucemia.

Source:
Journal reference:

Cao, L-Q., et al. (2021) A risk score system for stratifying the risk of relapse in B cell acute lymphocytic leukemia patients after allogenic stem cell transplantation. Chinese Medical Journal. doi.org/10.1097/CM9.0000000000001402.