Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I dolcificanti artificiali comuni possono piombo alle emissioni di salubrità serie

La nuova ricerca ha scoperto che i dolcificanti artificiali comuni possono indurre i batteri precedentemente sani dell'intestino ad essere malati ed invadere la parete dell'intestino, potenzialmente principale alle emissioni di salubrità serie.

Lo studio, pubblicato nel giornale internazionale delle scienze molecolari, è il primo per mostrare gli effetti patogeni di alcuni dei dolcificanti artificiali più ampiamente usati - saccarina, sucralosio ed aspartame - su due tipi di batteri dell'intestino, di Escherichia coli (Escherichia coli) e di E. fecali (enterococco fecale).

Gli studi precedenti hanno indicato che i dolcificanti artificiali possono cambiare il numero ed il tipo di batteri nell'intestino, ma questa nuova ricerca molecolare, piombo dai academics dall'Anglia Ruskin University (ARU), ha dimostrato che i dolcificanti possono anche rendere i batteri patogeni. Ha trovato che questi batteri patogeni possono fissarsi a, invadere ed uccidere le celle Caco-2, che sono celle epiteliali che allineano la parete dell'intestino.

È conosciuto che i batteri quale il E. fecale che attraversano la parete intestinale possono entrare nella circolazione sanguigna e riunirsi nei linfonodi, fegato e milza, causante una serie di infezioni compreso la setticemia.

Questo nuovo studio ha scoperto che ad una concentrazione equivalente a due latte della bibita dietetica, tutti e tre i dolcificanti artificiali hanno aumentato significativamente l'aderenza sia di Escherichia coli che del E. fecali alle celle intestinali Caco-2 e differenziale ha aumentato la formazione di biofilms.

I batteri che crescono nei biofilms sono meno sensibili al trattamento antimicrobico della resistenza e sono più probabili secernere le tossine ed esprimere i fattori di virulenza, che sono molecole che possono causare la malattia.

Ulteriormente, tutti e tre i dolcificanti hanno indotto i batteri patogeni dell'intestino ad invadere le celle Caco-2 trovate nella parete dell'intestino, ad eccezione di saccarina che non ha avuta effetto significativo sull'invasione di Escherichia coli.

L'autore senior del Dott. di carta Havovi Chichger, professore di seconda fascia nella scienza biomedica all'Anglia Ruskin University (ARU), ha detto:

C'è molta preoccupazione circa il consumo di dolcificanti artificiali, con alcuni studi che indicano che i dolcificanti possono pregiudicare il livello di batteri quale supporto l'intestino, conosciuto come il microbiota dell'intestino.

Il nostro studio è il primo per indicare che alcuni dei dolcificanti trovati il più comunemente in alimento e nella bevanda - saccarina, sucralosio ed aspartame - può fare il normale ed i batteri “sani„ dell'intestino diventano patogeni. Questi cambiamenti patogeni comprendono la maggior formazione di biofilms ed aderenza ed invasione aumentate dei batteri nelle celle umane dell'intestino.

Questi cambiamenti potrebbero piombo ai nostri propri batteri dell'intestino che invadono e che danneggiano il nostro intestino, che può essere collegato all'errore di infezione, di sepsi e dell'multiplo-organo.

Sappiamo che il consumo eccessivo dello zucchero è un fattore principale nello sviluppo dei termini quali l'obesità ed il diabete. Di conseguenza, è importante che aumentiamo la nostra conoscenza dei dolcificanti contro gli zuccheri nella dieta per capire meglio l'impatto sulla nostra salubrità.„

Source:
Journal reference:

Shil, A & Chichger, H (2021) Artificial Sweeteners Negatively Regulate Pathogenic Characteristics of Two Model Gut Bacteria, E. coli and E. faecalis. International Journal of Molecular Sciences. doi.org/10.3390/ijms22105228.