Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'enzima di FTO svolge un ruolo chiave nel trattamento micidiale della metastasi del cancro

Quando i cancri si riproducono per metastasi, le celle dal tumore primario scappano via, viaggio con il sangue o sistema linfatico e formano i nuovi tumori in altre parti del corpo. Sebbene la metastasi sia responsabile di più di 90% di tutte le morti del cancro, i progressi limitati sono stati realizzati nel trattamento dei cancri che si sono sparsi.

Oltre a DNA, il RNA è l'altra molecola di vita. Per parecchi anni ora, il RNA è diventato altrettanto importante quanto il DNA nella comprensione del libro di vita. In particolare, il RNA messaggero (mRNA), la base dei vaccini Covid-19, è stato messo nel riflettore.

Proprio come con DNA, oltre alle 4 lettere ben note (A, U, il G, C), là è ulteriori lettere che definiscono l'alfabeto del RNA o “il epigenetics del RNA„. Una di queste lettere del RNA, m6A svolge un ruolo chiave nel regolamento del gene attraverso un enzima chiamato FTO.

Il più nuovo lavoro del laboratorio di Cancro Epigenetics alla facoltà di medicina al libre il de Bruxelles di Université ed al centro di ricerca sul cancro di ULB (U-CRC), piombo da prof. François Fuks e dal Dott. Jana Jeschke, ha rivelato che FTO svolge un ruolo chiave nel trattamento micidiale della metastasi del cancro. Analizzando i dati da migliaia di malati di cancro, i ricercatori di ULB hanno scoperto che FTO è prodotto ai livelli più bassi nei cancri che in tessuti sani.

Quando hanno abbassato sperimentalmente i livelli di FTO in cellule tumorali sviluppate in piatti di plastica o nei modelli animali, hanno osservato che queste celle si sono sviluppate e diffusione più velocemente delle celle di controllo. In malati di cancro, hanno scoperto un simile reticolo in cui i bassi livelli di FTO hanno correlato con i tumori più aggressivi, la metastasi e la morte più iniziale.

Facendo uso di nuova tecnologia d'ordinamento, che concede misurare m6A all'interno di tutti i mRNAs, prof. Fuks ed il Dott. Jeschke ha trovato che quello in cellule tumorali FTO-basse m6A è arricchito specificamente nei mRNAs che appartengono ad un programma, definiti segnalazione di WNT, che promuove la metastasi.

Mentre la segnalazione di WNT è stata trovata upregulated in molti cancri, le terapie che mirano a bloccare questo programma sono state messe a punto e corrente sono sperimentate nei test clinici. Quando i ricercatori di ULB hanno sperimentato con questo nuovo tipo di terapia, hanno osservato che le cellule tumorali o i tumori con i livelli abbassati di FTO e l'attività migliorata di WNT erano più sensibili agli inibitori di WNT.

Quindi, sebbene i tumori FTO-bassi siano più aggressivi e micidiali, sono meglio trattabili con la terapia dell'inibitore di Wnt. I risultati inizialmente sono stati fatti nel cancro al seno ma possono essere generalizzati a molti altri tumori, quali la prostata, la cervice o i cancri polmonari.

In generale, il gruppo di prof. Fuks ha identificato un nuovo regolatore chiave della metastasi del cancro e di nuova strategia terapeutica per bloccare la diffusione micidiale di cancro. I dettagli di questo lavoro, che offre le prospettive incoraggianti per ricerca sul cancro e la terapia, sono pubblicati nella 23d edizione del giugno 2021 del giornale del Cancro della natura.

Source:
Journal reference:

Jeschke, J., et al. (2021) Downregulation of the FTO m6A RNA demethylase promotes EMT-mediated progression of epithelial tumors and sensitivity to Wnt inhibitors. Nature Cancer. doi.org/10.1038/s43018-021-00223-7.