Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori della clinica di Mayo stanno lavorando verso il nuovo trattamento delle cellule del CARRELLO per il mieloma multiplo

I ricercatori al centro del Cancro della clinica di Mayo stanno studiando un nuovo trattamento chimerico potenziale di terapia cellulare del ricevitore-t dell'antigene (terapia cellulare del CARRELLO) per il mieloma multiplo. I loro risultati sono stati pubblicati venerdì 24 giugno, in The Lancet.

La terapia cellulare del CARRELLO è un tipo di immunoterapia che comprende sfruttare la potenza del proprio sistema immunitario di una persona costruendo le loro celle di T per riconoscere e distruggere le cellule tumorali.„

Yi Lin, M.D., ematologo della clinica di Mayo e autore principale dello studio

Il Dott. Lin dice il vicleucel del idecabtagene approvato Food and Drug Administration, il primo trattamento delle cellule del CARRELLO per il mieloma multiplo, a marzo. “Oggi, stiamo lavorando verso un altro trattamento potenziale delle cellule del CARRELLO per il mieloma multiplo,„ dice il Dott. Lin.

Il Dott. Lin dice che lo studio CARTITUDE-1 è un test clinico di registrazione-fase 1B/II. La prova ha provato l'antigene di maturazione del linfocita B che mira alla terapia cellulare del CARRELLO, il autoleucel del ciltacabtagene (cilta-cel), in pazienti con il mieloma multiplo che ha ricevuto almeno tre righe precedenti di terapia con le droghe standard, compreso gli inibitori proteasome, le droghe immunomodulatory e gli anticorpi CD38.

“Cilta-cel è fatto dalle proprie celle di T del paziente che geneticamente sono state costruite ed amministrato state come infusione d'una sola dose,„ dice il Dott. Lin.

Il Dott. Lin dice che il tasso di risposta globale al trattamento era rispettivamente 97%, mentre il tasso di risposta completo ed i tassi di sopravvivenza senza progressione erano 67% e 77%. Il tasso di sopravvivenza globale era 89%.

“Gli aggiornamenti su questo studio egualmente recentemente sono stati presentati alla società americana della riunione annuale clinica dell'oncologia, che ha accaduto dopo che il nostro documento era accettato per la pubblicazione in The Lancet,„ dice il Dott. Lin. “La nostra presentazione di ASCO ha mostrato una risposta d'approfondimento continuata per i pazienti che ricevono questa terapia, con un tasso di risposta completo di 80%,„ dice il Dott. Lin. “Questi sono risultati molto impressionanti per i pazienti di mieloma che già hanno passato attraverso molte righe di terapia per la loro malattia.„

Andando in avanti, il Dott. Lin dice che sarà importante capire meglio le funzionalità cliniche dei pazienti che hanno avvertito le remissioni durevoli su questa terapia ed i meccanismi dietro i pazienti che ricadono.

“Mentre i confronti non possono essere fatti formalmente attraverso due studi a braccio unico separati di ido-cel e di cilta-cel, l'alto tasso di risposta impressionante e la sopravvivenza senza progressione dei pazienti curati con cilta-cel sono molto emozionanti,„ dice il Dott. Lin.

Avverte, tuttavia, che la traduzione potenziale di questa ricerca su una terapia individualizzata clinica richiederà la soluzione dei molti dettagli logistici, compreso l'assicurazione che la transizione da fabbricazione per la ricerca ad un prodotto commerciale rimane affidabile.

Source:
Journal reference:

Berdeja, J.G., et al. (2021) Ciltacabtagene autoleucel, a B-cell maturation antigen-directed chimeric antigen receptor T-cell therapy in patients with relapsed or refractory multiple myeloma (CARTITUDE-1): a phase 1b/2 open-label study. The Lancet. doi.org/10.1016/S0140-6736(21)00933-8.