Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'immunoterapia di promessa usa le celle di Cancro-uccisione per distruggere i tumori maligni

I ricercatori alla McMaster University hanno sviluppato un'immunoterapia nuova di promessa del cancro che usa le celle di Cancro-uccisione geneticamente costruite fuori dell'organismo per trovare e distruggere i tumori maligni.

“Le celle modificate dell'uccisore naturale„ possono differenziarsi fra le cellule tumorali e le celle in buona salute che sono mescolate spesso nella zona dei tumori, distruggere soltanto le celle mirate a.

La capacità delle cellule di uccisore naturali di distinguere le cellule bersaglio, anche dalle celle in buona salute che sopportano i simili indicatori, porta la nuova promessa a questo ramo di immunoterapia, dice i membri del gruppo di ricerca dietro un documento pubblicato nella questione attuale del iScience del giornale, recentemente inviata sul database di PubMed.

Il trattamento sperimentale è un'alternativa alla terapia a cellula T del ricevitore chimerico dell'antigene, o al CARRELLO, che ha ricevuto l'approvazione di FDA nel 2017. Le cellule T costruite utilizzate nella terapia del CARRELLO sono altamente efficaci contro alcuni cancri sangue-sopportati ma non possono distinguere fra le celle cancerogene e non cancerogene, in modo da mentre offrono i vantaggi importanti, non sono costante applicabili a tutti i moduli di cancro. In pazienti con i tumori solidi, le cellule T possono causare la devastazione, anche effetti secondari letali.

Il gruppo dietro la ricerca ha voluto un trattamento con la stessa potenza del CARRELLO, ma che potrebbe essere utilizzato sicuro contro i cancri del solido-tumore. In primo luogo hanno propagato le celle di uccisore naturali catturate dal sangue dei pazienti con cancro al seno. Tali celle eseguono una simile funzione alle cellule T nel sistema immunitario.

I ricercatori poi geneticamente le hanno modificate per mirare ai ricevitori specifici sulle cellule tumorali, verificanti con successo le celle di CAR-NK nel laboratorio sulle celle del tumore derivate dai pazienti di cancro al seno

Vogliamo potere attaccare queste malignità che sono state così resistenti ad altri trattamenti. L'efficacia che vediamo con le celle di CAR-NK in laboratorio è molto promettente e vedere che questa tecnologia è fattibile è molto importante. Ora, abbiamo molto meglio ed opzioni più sicure per i tumori solidi.„

Ana Portillo, autore principale di studio e candidato di PhD, dipartimento di medicina, McMaster University

“Queste celle di CAR-NK sono un po'più astute, in un modo, in quanto uccidono soltanto le celle nemiche e celle non buone che sembrano avere lo stesso indicatore,„ dice il supervisore di Portillo, di Ashkar e un professore di medicina a McMaster. “Queste celle ho un ripensamento sobrio che dice, “riconosco questo obiettivo, ma sono questa parte dell'obiettivo di una cella in buona salute o di una cellula tumorale? “Possono lasciare le celle in buona salute sole ed uccidere le cellule tumorali.„

12 co-author di Ashkar e di Portillo, più associati con il dipartimento di McMaster di medicina e del suo centro di ricerca dell'immunologia, includono il Bindi Dhesy-Thind (professore associato, oncologia) di McMaster, che ha fornito i campioni di sangue dai pazienti che sono trattati per cancro al seno nella sua pratica clinica al centro del Cancro del Juravinski delle scienze di salubrità di Hamilton.

“Questi sono risultati molto emozionanti, quanto alla data i vantaggi di immunoterapia nel cancro al seno hanno ritardato dietro quello di altre malignità,„ ha detto. “Queste celle costruite di CAR-NK sono un punto importante verso avere un'opzione possibile di immunoterapia in questo grande gruppo di pazienti.„

Ashkar dice c'è buon motivo credere che la tecnologia abbia avuta un simile effetto sui tumori solidi connessi con cancri ovarici ed altro del polmone.

Il punto seguente nell'avanzare la terapia verso l'uso clinico è di condurre le prove umane, che i ricercatori ora stanno sistemando.