Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le percezioni degli infermieri delle barriere a mobilizzare i pazienti intubated che ricevono ventilazione meccanica

Le preoccupazioni circa la sicurezza, le priorità in competizione ed i pazienti non cooperativi erano fra le barriere identificate dagli infermieri critici di cura per la mobilizzazione dei pazienti intubated che ricevono la ventilazione meccanica, secondo uno studio pubblicato in giornale americano di cura critica.

“Le percezioni degli infermieri delle attività del Fuori de Letto delle barriere fra i pazienti che ricevono la ventilazione meccanica„ esplora le pratiche di mobilità degli infermieri critici di cura in un'unità di cure intensive medica di 56 letti (MICU) all'ospedale di Yale New Haven in Connecticut. Senza un gruppo designato di mobilità per l'unità, gli sforzi per ottenere i pazienti dal letto sono integrati nelle diverse responsabilità della cura paziente degli infermieri.

Gli infermieri partecipanti sono stati intervistati all'estremità dei loro spostamenti circa le pratiche di mobilità per i loro pazienti intubated che hanno risposto ai criteri specifici di mobilità. Le interviste sono state completate con 48 infermieri, con i dati corrispondenti per 105 pazienti adulti.

Sebbene tutti e 105 i pazienti rispondano ai criteri iniziali di mobilità in otto - 173 ore dopo intubazione, nessuno sono stati mobilizzati per le attività del fuori de letto. Per lo studio, la definizione di mobilità è stata limitata agli interventi infermiere-iniziati che hanno aiutato i pazienti ad uscire del letto per stare, sedersi in una presidenza o in una passeggiata, a parte gli esercizi di intervallo-de-moto o a letto le attività.

I pazienti sono stati reputati pronti a cominciare le attività di mobilità all'interno di una media di 41,5 ore dopo intubazione endotracheale orale. Gli autori ritengono che lo studio sia il primo per riferire quando i pazienti erano in stabile-abbastanza circostanza dopo che intubazione per cominciare le attività del fuori de letto basate su un insieme definito dei parametri iniziali di mobilità.

La creazione della cultura dell'unità che abbraccia le pratiche iniziali di mobilità richiede la collaborazione, la formazione e un impegno che i pazienti che possono fare attività del fuori de letto realmente siano mobilizzati,„ ha detto. “La maggior parte dei infermieri nel nostro studio hanno riferito che mai o ottengono raramente i pazienti intubated che ricevono la ventilazione meccanica dal letto ed i clinici raramente hanno fornito gli ordini di mobilità per questi pazienti.„

Bottaio di alba, ms, Marina militare, CCRN, CCNS, co-author di studio e specialista clinico dell'infermiere in MICU alla città universitaria della via di York, ospedale di Yale New Haven

La barriera il più comunemente identificata era il comportamento non cooperativo, l'agitazione o l'ansia di alcuni pazienti, anche se lo studio ha escluso i pazienti che erano molto agitati o combattivi. Altre ragioni in relazione con il paziente per i pazienti di mobilizzazione hanno compreso le emissioni mediche attive, come subire le procedure durante lo spostamento, essendo svezzando da un ventilatore o attendendo il extubation ed avendo uno stato respiratorio instabile.

Le barriere in relazione con l'infermiere più comuni erano domande in competizione da altri pazienti o preoccupazioni circa gli eventi avversi pazienti di potenziale o della sicurezza.

L'ambiente di cura ha posato molto poche barriere; gli infermieri hanno citato raramente che la mancanza di guida dall'altri personale infermieristico, terapisti fisici o terapisti respiratori, o mancanza di ordine dell'attività di un clinico ha impedito la mobilità.

La maggior parte dei infermieri hanno indicato che avevano ricevuto l'addestramento sulla strumentazione portatile dell'ascensore, eppure soltanto 58% ha riferito ritenere comodo facendo uso di. Inoltre, sei stanze nell'unità hanno un ascensore del massimale, ma soltanto 17% degli infermieri riferiti la formazione sul suo uso e soltanto 12% hanno ritenuto comodi o molto comodi facendo uso di.

Gli autori raccomandano che le unità comincino esaminando i loro criteri e protocolli di mobilità per i pazienti con le condizioni mediche complicate. Insieme, il gruppo dovrebbe catturare un inventario del paziente, dell'infermiere e dei fattori di ambiente-de-cura unici alla loro regolazione quella barriere attuali a smobilizzo iniziale. Una volta che questo fondamento è steso, da un programma guidato da protocollo interdisciplinare di mobilità che è conosciuto per essere sicuro ed efficace può applicarsi sistematicamente per sormontarle.

Source:
Journal reference:

Cooper, D., et al. (2021) Nurses’ Perceptions of Barriers to Out-of-Bed Activities Among Patients Receiving Mechanical Ventilation. American Journal of Critical Care. doi.org/10.4037/ajcc2021801.