Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I malati di cancro del polmone dovrebbero essere schermati per l'amplificazione dell'oncogene MET, la ricerca suggerisce

La ricerca dai ricercatori al centro del Cancro della clinica di Mayo suggerisce che i medici dovrebbero schermare i pazienti con il cancro polmonare per l'amplificazione/la sovraespressione MET prima della determinazione della strategia del trattamento. I loro risultati sono scoperta pubblicata del Cancro, un giornale dell'Associazione per la ricerca sul cancro americana.

Nella nostra ricerca abbiamo trovato parecchi casi del cancro polmonare che non erano rispondenti alla chemioterapia standard. Poiché questi cancri polmonari erano positivi per PD-L1, una proteina che permette che alcune celle sfuggano all'attacco dal sistema immunitario, poi abbiamo provato a curare questi pazienti con l'immunoterapia anti-PD1 per alleviare la soppressione immune mediata PD-L1, comunque questo trattamento egualmente è venuto a mancare.„

Zhenkun Lou, Ph.D., ricercatore del Cancro, clinica di Mayo

Il Dott. Lou ed i suoi colleghi poi ha usato i modelli animali della linea cellulare ed i campioni di tessuto pazienti per studiare perché questi cancri polmonari non stavano reagendo al trattamento.

“Abbiamo scoperto che in questi casi particolari, il cancro ha esibito un'amplificazione INCONTRATA dell'oncogene, che crea un ambiente ostile per immunoterapia,„ diciamo il Dott. Lou. L'attivazione INCONTRATA anormale è stata implicata come driver oncogeno nel cancro polmonare della non piccolo cella.

Dopo avere analizzato parecchi database medici indipendenti, il Dott. Lou ed i suoi colleghi hanno confermato che l'amplificazione INCONTRATA dell'oncogene dovrebbe essere un fattore da considerare quando progetta la terapia del cancro polmonare. Inoltre, hanno indicato che nei modelli animali, una combinazione di inibitore INCONTRATO con immunoterapia anti-PD1 era efficace nel trattamento dei cancri con l'amplificazione INCONTRATA.

“Il nostro studio suggerisce che i pazienti con un'amplificazione INCONTRATA dell'oncogene non rispondano ad immunoterapia da solo e richiedano il trattamento con una combinazione di inibitore INCONTRATO insieme ad immunoterapia,„ dice il Dott. Lou. Avverte che questa strategia richiederà la conferma in un test clinico futuro prima di trasformarsi in un livello di cura. Nel frattempo, il Dott. Lou suggerisce che i pazienti con il cancro polmonare siano schermati per l'amplificazione/la sovraespressione MET prima della determinazione della strategia di immunoterapia.