Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio valuta la differenza nella perdita di peso causata da due farmaci antidiabetici

I pazienti con il diabete di tipo 2 che era inibitori prescritti SGLT2 hanno perso più peso che i pazienti che hanno ricevuto gli agonisti del ricevitore GLP-1, secondo un'università dallo allo studio guidato da bufalo.

La ricerca, che ha cercato di valutare la differenza nella perdita di peso ha causato dai farmaci antidiabetici -- di cui tutt'e due funziona per gestire le glicemie -- trovato quel fra 72 pazienti, la gente che usando gli inibitori SGLT2 ha avvertito una perdita di peso mediana di più di 6 libbre, mentre quelli sugli agonisti del ricevitore GLP-1 hanno perso una mediana di 2,5 libbre.

I risultati, pubblicati il mese scorso nel giornale dell'associazione americana dei farmacisti, rappresentano uno dei primi tentativi di confrontare le due droghe.

La perdita di peso è una qualità vantaggiosa per i farmaci diabetici come essere di peso eccessivo è una caratteristica comune della malattia e può finalmente piombo alla sensibilità diminuita dell'insulina. Con perdita di peso, è possibile riacquistare la sensibilità dell'insulina, migliorare il controllo del glucosio e diminuire i fattori di rischio ed i comorbidities del cuore.„

Nicole Paolini Albanese, autore principale di studio, PharmD, professore associato clinico di pratica della farmacia nel banco della farmacia e delle scienze farmaceutiche, università alla Buffalo

Sia gli inibitori SGLT2 che gli agonisti del ricevitore GLP-1 sono raccomandati come terapie del secondo line per la post-utilizzazione del diabete di tipo 2 di metformina, un medicinale anche prescritto per gestire lo zucchero di sangue, dice Albanese.

Lo studio ha esaminato le registrazioni per i pazienti con il diabete di tipo 2 che ha ricevuto gli inibitori SGLT2 o gli agonisti del ricevitore GLP-1, oltre ad altri farmaci del diabete, dal 2012-17. I ricercatori hanno misurato la perdita di peso dopo sei mesi della terapia consecutiva e le differenze in pressione sanguigna, glicemie e rene funzionano.

Canagliflozin, venduto nell'ambito della marca Invokana, era l'inibitore il più comunemente prescritto SGLT2. Liraglutide, venduto nell'ambito della marca Victoza, era l'agonista il più comunemente prescritto del ricevitore GLP-1.

Nessuna differenza significativa è stata trovata nella pressione sanguigna, nelle glicemie e nella post-utilizzazione di funzione del rene dei farmaci. I dati suggeriscono che gli inibitori SGLT2 possano essere più protettivi contro obesità causata da altre droghe antidiabetiche che gli agonisti del ricevitore GLP-1, dicono Albanese. I risultati egualmente ricambiano la ricerca precedente che ha trovato gli agonisti del ricevitore GLP-1 per essere la droga antidiabetica superiore per perdita di peso, dice.

Sebbene la perdita di peso causata dalle droghe sia piccola, i risultati autorizzano le più grandi indagini che esaminano l'effetto dei farmaci su peso, dice.

“Questi farmaci alle dosi approvate per il trattamento del diabete di tipo 2 non sono intesi per perdita di peso,„ dice Albanese. “Tuttavia, questo non dovrebbe scoraggiare la discussione su questo vantaggio potenziale, poichè anche una piccola quantità di perdita di peso è un vantaggio unico di queste droghe, particolarmente una volta confrontato ad obesità potenziale causata da altre opzioni di trattamento.„

Source:
Journal reference:

Frieling, K., et al. (2021) Weight loss differences seen between glucagon-like-peptide-1 (GLP-1) receptor agonists and sodium glucose cotransporter-2 (SGLT2) inhibitors for treatment of type 2 diabetes mellitus. Journal of the American Pharmacists Association. doi.org/10.1016/j.japh.2021.06.015.