Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Medici si esprimono contro uso privo di marca della medicina di nuovo Alzheimer per angiopathy cerebrale dell'amiloide

Una terapia innovatrice recentemente approvata dagli Stati Uniti Food and Drug Administration per i pazienti con il morbo di Alzheimer in mezzo di considerevole controversia non dovrebbe essere prescritta dai medici privi di marca per angiopathy cerebrale dell'amiloide (CAA), un simile stato cerebrovascolare, secondo Steven Greenberg, MD, PhD, Direttore del programma di ricerca emorragico del colpo al policlinico di Massachusetts (MGH) e Presidente dell'associazione cerebrale internazionale di Angiopathy dell'amiloide (ICAAA).

In una lettera pubblicata in neurologia di The Lancet, Greenberg ed altri otto ufficiali dell'associazione hanno scritto che non c'è prova clinica che il aducanumab dell'anticorpo monoclonale è utile ai pazienti con CAA, una circostanza in cui le proteine conosciute come amiloide corrodono le pareti arteriose nel cervello e possono piombo all'emorraggia ed al colpo.

“Crediamo che ci siano incertezze sostanziali e le preoccupazioni circa sia la sicurezza che l'efficacia di aducanumab in pazienti diagnosticati con CAA [e] quindi credano che [] non dovrebbe essere usato allo scopo di trattare CAA fuori del contesto di una prova della ricerca,„ la lettera indicata.

Il aducanumab approvato dalla FDA il 7 giugno nell'ambito del trattamento di approvazione accelerato di FDA per le droghe che trattano le circostanze serie e soddisfanno un bisogno medico insoddisfatto. Mentre l'approvazione era specificamente per il morbo di Alzheimer, apre la porta affinchè i medici prescriva legalmente il aducanumab privo di marca per angiopathy cerebrale dell'amiloide.

Effettivamente, CAA probabilmente è avviato, come in Alzheimer, tramite una capitalizzazione nociva di beta giacimenti dell'amiloide nel cervello. A differenza di Alzheimer, tuttavia, quei depositi si riuniscono tipicamente nei vasi sanguigni cerebrali, non il tessuto cerebrale stesso.

Nel dare il verde al aducanumab, FDA ha catturato una posizione contraria al suo proprio comitato consultivo indipendente come pure molti scienziati e medici, che si contendono là non è prova in modo convincente per mostrare i pazienti di guide della droga.

Gli esponenti di primo piano nel campo di angiopathy cerebrale dell'amiloide ora hanno testimoniato loro proprio, raccomandante che aducanumab per non essere privo di marca prescritto per il trattamento di CAA.

Da un punto di vista di efficacia, gli ufficiali di ICAAA hanno notato che i beta giacimenti dell'amiloide in vasi sanguigni del cervello sembrano essere più resistenti al trattamento anticorpo-mediato che i depositi della placca nel tessuto cerebrale e che la prova insufficiente è esistito per suggerire aducanumab fosse capace di rimozione dei quei vasi sanguigni.

I medici hanno citato un test clinico precedente di un altro anticorpo dell'anti-amiloide, ponezumab, che ha trovato che la funzione del vaso sanguigno in pazienti con CAA ha teso verso il peggioramento piuttosto che migliorando dopo le infusioni trimestrali dell'agente.

In termini di sicurezza, la lettera da Greenberg ed i suoi colleghi hanno citato il fatto che le anomalie in relazione con l'amiloide della rappresentazione (ARIAs) erano emerso come eventi avversi importanti in pazienti iscritti alle prove di aducanumab e di altre droghe dell'anticorpo dell'anti-amiloide. Le arie, che si manifestano come spurgo o gonfiamento nel cervello e sono rilevabili con la rappresentazione di MRI, sono postulate per essere avviate da CAA.

Che cosa i medici hanno trovato inquietante era che queste anomalie potrebbero accadere più frequentemente in pazienti che sono trattati per CAA che i tassi alti osservati in pazienti curati per il morbo di Alzheimer.

Mentre scoraggiava l'uso privo di marca di aducanumab, Greenberg ha effettuare una distinzione fra i pazienti diagnosticati con angiopathy cerebrale dell'amiloide e quelli diagnosticata con il morbo di Alzheimer.

Non abbiamo catturato una posizione sopra se il paziente di un Alzheimer che egualmente ha indicatori di CAA dovrebbe essere aducanumab prescritto. Che cosa stiamo dicendo è che il medicinale non dovrebbe essere prescritto allo scopo di trattare CAA.„

Steven Greenberg, MD, PhD, Direttore, programma di ricerca emorragico del colpo, policlinico di Massachusetts (MGH)

Greenberg è un professore della neurologia alla facoltà di medicina di Harvard ed internazionalmente - di un'autorità riconosciuta sulla diagnosi, sulle cause e sul trattamento di angiopathy cerebrale dell'amiloide.

Source:
Journal reference:

Greenberg, S. M., et al. (2021) Off-label use of aducanumab for cerebral amyloid angiopathy. The Lancet Neurology. doi.org/10.1016/S1474-4422(21)00213-1.