Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova droga può diminuire significativamente i ritorni di fiamma e gli incubi nei pazienti di PTSD

Il disordine di sforzo suona (PTSD) un segnalatore acustico per molti, post - traumatici dovuto i sui riferimenti sfrenati nella cultura pop e più, d'importanza, la sua prevalenza nell'odierna società. È soltanto probabile che questo disordine, che si sviluppa dopo gli eventi scioccanti o pericolosi, purtroppo pregiudicherebbe le vite di molta gente.

I ricercatori medici sono stati duri sul lavoro che prova a fornire le soluzioni combattere questa circostanza e le sue manifestazioni efficacemente. Purtroppo, i meccanismi neurologici di PTSD non sono chiari e senza conoscere questo esattamente, provare a trovare una maturazione è uno scatto nello scuro.

Fortunatamente, un gruppo di ricercatori giapponesi dal Sogo PTSD Institute, Medical Corporation Sogokai, Giappone piombo dal Dott. Masanobu Sogo sembra fare un'innovazione nel trattamento di PTSD! Hanno identificato una droga chiamata trihexyphenidyl, quello possono ridurre significativamente i ritorni di fiamma e gli incubi sperimentati dai pazienti con PTSD, secondo uno studio pubblicato in cervello e nel comportamento, un giornale di accesso aperto della sorella all'ACTA J.

Trihexyphenidyl è una droga anticolinergica centrale usata per gestire i disordini come parkinsonismo ed allevia parecchi effetti collaterali indotti dalle droghe che agiscono sul sistema nervoso centrale (CNS). Agisce bloccando l'attività di un neurotrasmettitore, acetilcolina, nello SNC. Interessante, è stato disponibile per uso terapeutico per intorno 66 anni.

Così, che cosa ha ispirato i ricercatori prendere questa droga? Nel 2009, hanno incontrato un paziente che ha sofferto i ritorni di fiamma e gli incubi in relazione con PTSD severi per 9 anni, è stato diagnosticato con diarrea batterica ad un altro ospedale ed ha amministrato un'infusione del gocciolamento che contiene gli antibiotici ed il bromuro butilico della scopolamina (SB), che è un anticolinergico periferico che non attraversa la barriera ematomeningea (BBB, la velocità di avanzamento 0,01%). Venti minuti dopo l'infusione, i ritorni di fiamma del paziente completamente sono scomparso!

Poiché lo SB è un agente anticolinergico “periferico„, non dovrebbe potere da attraversare il BBB, ma è probabile che il cervello del paziente era in uno stato dell'eccitazione severa del cervello dovuto PTSD. Ci sono otto gangli basali dell'acetilcolina nel cervello, di cui il più grande, il nucleo di Meynert, è associato molto attentamente con permeabilità di BBB.

I ricercatori hanno supposto che dovuto l'eccitazione anormale dei gangli basali di Meynert, SB entrasse nel cervello ed attivasse l'atto anticolinergico sopprimere la secrezione anormale dell'acetilcolina dei circuiti in relazione con l'acetilcolina concentrati sui gangli basali di Meynert, eliminanti i ritorni di fiamma.

Da questa esperienza clinica apprezzata, hanno calcolato che PTSD è generato tramite un acetilcolina-memoria-relativo-circuito concentrato su Meynert. Sulla base di questo, il Dott. Sogo ed il suo gruppo hanno considerato l'uso di un agente anticolinergico centrale: trihexyphenidyl.

Eccitato alla scoperta, i ricercatori hanno continuato ad inventare uno studio esplorativo, per controllare se il trihexyphenidyl è efficace contro i simili sintomi in altri pazienti con PTSD. Hanno amministrato il trihexyphenidyl in 34 pazienti con PTSD, che precedentemente aveva ricevuto il trattamento psichiatrico per parecchi anni senza vantaggi terapeutici e determinato il suo effetto con le interviste.

Un 88% significativo dei pazienti analizzati ha riferito delicato a nessun incubi in relazione con PTSD. Similmente, 79% dei pazienti analizzati ha riferito le simili risposte per i ritorni di fiamma in relazione con PTSD. Considerevolmente, i ricercatori hanno trovato che il trihexyphenidyl ha l'efficacia e un inizio rapido (1-2 giorni) nel trattamento degli incubi e dei ritorni di fiamma in relazione con PTSD. Chiaramente, il trihexyphenidyl è il richiamo d'argento evasivo contro PTSD!

Al meglio della nostra conoscenza, questo è il primo rapporto farmacologico che descrive l'uso novello del trihexyphenidyl per gli incubi in relazione con PTSD, che non reagisce al trattamento psichiatrico convenzionale.„

Dr. Masanobu Sogo, Study Lead, Sogo PTSD Institute, Medical Corporation Sogokai, Giappone

Mentre ulteriori studi sono necessari provare il meccanismo di PTSD, il trihexyphenidyl repurposing per trattare PTSD sarebbe un giro degli eventi di promessa, poiché la droga è economica e non ha effetti contrari. Qui è sperare per i pazienti che soffrono da PTSD, con la scoperta del trihexyphenidyl!

Source:
Journal reference:

Sogo, K., et al. (2021) Centrally acting anticholinergic drug trihexyphenidyl is highly effective in reducing nightmares associated with post-traumatic stress disorder. Brain and Behavior. doi.org/10.1002/brb3.2147.