Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I immunotoxins selettivi possono contribuire a trattare la fibrosi del fegato

L'abuso di alcool e l'epatite cronici possono danneggiare il fegato e piombo a fibrosi, all'accumulazione del collageno ed al tessuto della cicatrice. Come approccio potenziale a trattare la fibrosi del fegato, i ricercatori della scuola di medicina di San Diego dell'università di California ed i loro collaboratori stanno cercando i modi fermare le celle di fegato dalla produzione del collageno.

Così abbiamo pensato… che cosa se catturiamo i immunotoxins e proviamo a convincerli per uccidere le celle producenti collageno nel fegato. Se questi anticorpi che portano le molecole tossiche possono trovare e legare le celle, le celle mangieranno “sul regalo„ e moriranno.„

Tatiana Kisseleva, MD, PhD, cavo del gruppo, professore associato di chirurgia, scuola di medicina di Uc San Diego

In un 12 luglio 2021 pubblicato studio negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze, Kisseleva ed i collaboratori forniscono la prima prova che la fibrosi del fegato potrebbe essere trattabile con i immunotoxins destinati per legare una proteina chiamata mesothelin. Mesothelin è trovato raramente nel corpo umano sano. Soltanto le cellule tumorali e le celle di fegato producenti collageno, conosciute come i fibroblasti portali, fanno la proteina.

Kisseleva ha collaborato con l'IRA Pastan, MD del co-author, all'istituto nazionale contro il cancro, parte degli istituti della sanità nazionali (NIH). Pastan è co-scopritori del mesothelin e di un esperto sul usando i immunotoxins per mirare alla proteina sulle cellule tumorali. Piombo parecchi test clinici che verificano l'approccio ai pazienti dell'ossequio con cancro ovarico, mesotelioma e cancro del pancreas.

Per verificare i immunotoxins di Pastan nel contesto di fibrosi del fegato, il gruppo di Kisseleva in primo luogo ha avuto bisogno di un modello. Poiché i immunotoxins specificamente riconoscono il mesothelin umano, un modello tradizionale del mouse di fibrosi del fegato non funzionerebbe. Invece, hanno trapiantato le celle di fegato umane isolate dai pazienti ai mouse e li hanno trattati con il immunotoxin anti--mesothelin.

Confrontato ai mouse non trattati, 60 - 100 per cento delle celle producenti mesothelin umane sono stati uccisi dai immunotoxins, che egualmente hanno diminuito il deposito del collageno.

Il trattamento per fibrosi del fegato è corrente molto limitato. Secondo il NIH, la perdita di peso è corrente il solo metodo conosciuto per la diminuzione della fibrosi del fegato connessa con l'affezione epatica grassa analcolica. L'epatopatia alcolica è trattata il più comunemente con i corticosteroidi, ma non sono altamente efficaci. Il trapianto iniziale del fegato è la sola maturazione provata, ma è offerto soltanto ai centri medici selezionati ad un numero limitato dei pazienti.

“Che cosa vogliamo ora conoscere siamo, può questa stessa strategia applicar ad altri organi?„ Kisseleva ha detto. “Abbastanza sorprendente, le stesse celle sono responsabili di fibrosi nel polmone e nei reni. Ciò è particolarmente emozionante perché già sappiamo dai test clinici del cancro del Dott. Pasten che i immunotoxins anti--mesothelin sono sicuri in esseri umani, potenzialmente acceleranti la loro applicazione in altre aree.„

Source:
Journal reference:

Nishio, T., et al. (2021) Immunotherapy-based targeting of MSLN+ activated portal fibroblasts is a strategy for treatment of cholestatic liver fibrosis. PNAS. doi.org/10.1073/pnas.2101270118.