Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'analisi trova molti bambini emigranti del cittadino degli Stati Uniti per essere underinsured

Mentre partecipava ad una conferenza al Universidad Nacional Autónoma de México in Città del Messico parecchi anni fa, Sharon Borja direzione dalla storia di un giovane che, come bambino, ha unito i suoi genitori che rimpatriano al loro paese natale del Messico. Come milioni di immigrati messicani, la famiglia aveva chiamato gli Stati Uniti domestici per anni e nascendo negli Stati Uniti, era un cittadino americano. Camminando l'un giorno nella sua nuova vicinanza messicana urbana, una coppia che porta un bastone di legno si è avvicinato sulla via ed incoraggiante lui fare lo stessi, Borja ha richiamato la divisione dell'uomo.

Il bastone era per la protezione contro tutti i cani randagi. È cresciuto in America ed era in un nuovo paese per la prima volta e non ha capito le varie sfide. La sua storia ha scintillato il mio interesse nello studio dell'altra fronte di taglio dei bambini emigranti del cittadino degli Stati Uniti delle transenne quando accompagna i loro genitori di nuovo al Messico, compreso mancanza di assicurazione sanitaria adeguata.„

Sharon Borja, assistente universitario, università di istituto universitario del laureato di Houston di lavoro sociale

Più dei cittadini di milione messicani e delle loro famiglie che hanno ritornato nel 2015 nel Messico dagli Stati Uniti si sono riforniti in parte dalla grande recessione che limita le opportunità di lavoro ed hanno aumentato la deportazione. Fra loro erano 550.000 minori nati negli Stati Uniti.

Un'analisi di più di 36.000 di quei minori, pubblicato nel pari ha esaminato gli affari di salubrità del giornale, trovati che quasi 54% erano underinsured. La situazione era ancor più rigida negli ambienti urbani, in cui 80% dei bambini emigranti del cittadino degli Stati Uniti aveva limitato, assicurazione insufficiente. Fra i bambini che hanno vissuto negli stati messicani vicino al confine degli Stati Uniti, 65% ha sofferto lo stesso destino.

Per lo studio, “underinsured„ è stato definito come coloro che ha riferito non avere assicurazione o ha ricevuto la copertura con i servizi medico-sanitari di salute pubblica o l'assicurazione privata, che offrono la copertura più stretta, ad accesso limitato a cura di alta qualità e la protezione modesta dalle spese sanitarie catastrofiche ha confrontato ai programmi basati a occupazione attraverso l'istituto della sicurezza sociale del Messico.

“Crediamo che la sanità sia un diritto dell'uomo. È un travisamento che questi bambini del cittadino degli Stati Uniti sono vulnerabili al rischio finanziario e ritarda nella cura e nel trattamento. Molti nemmeno pensano a questo sottogruppo di capretti a rischio, eppure sono cittadini degli Stati Uniti che si sono mossi verso un altro paese, probabili non dalla loro scelta,„ ha detto Borja, autore principale della pubblicazione. “Queste circostanze elevano il loro rischio per le disparità per tutta la vita nella salubrità e nella produttività rispetto alle loro controparti che sono restato negli Stati Uniti„

Lo studio egualmente ha rivelato che il livello di istruzione e la vita dei genitori con una madre occupata sono stati associati con un'più alta probabilità di avere alla la copertura basata a occupazione superiore. Inoltre, la probabilità di avere tale copertura è ridotta di 59% per i bambini emigranti del cittadino degli Stati Uniti negli stati di confine rispetto a quelli in altre aree.

Sebbene il Messico fondi un modulo del EL chiamato universale Bienestar (INSABI) di Instituto de Salud para di sanità nel 2020, o l'istituto della sanità per benessere in inglese, affronta il finanziamento insufficiente e non riguarda tutti gli stati di salute, secondo i ricercatori. Con noncuranza, l'accesso è garantito soltanto per quelli con prova della cittadinanza o della residenza legale. Meno che la metà dei bambini emigranti del cittadino degli Stati Uniti nel Messico nel 2015 hanno riferito avere cittadinanza messicana, ulteriore mettendoli a rischio dell'assistenza medica in ritardo, specialmente quando non c'è alternativa per provare l'eleggibilità.

I risultati sottolineano l'esigenza dei criteri di integrità fuori confine che indirizzano all'l'ingiustizia basata a posto crescente nella copertura di salubrità, secondo gli autori di studio. Raccomandano le seguenti soluzioni:

  • Polizze di reintegrazione, compreso assistenza ad istruzione e formazione del revalidate ottenuto all'estero, per contribuire a facilitare la transizione dei migranti di ritorno e delle loro famiglie nel Messico.
  • Trattamento accelerato di applicazione di doppio-cittadinanza per facilitare ricevuta dei programmi di protezione sociale e di salubrità; gli Stati Uniti - L'accordo bilaterale del Messico riconoscere i certificati di nascita da qualsiasi paese come prova della cittadinanza doppia potrebbe più ulteriormente semplificare la registrazione dei bambini emigranti del cittadino degli Stati Uniti nei programmi quale INSABI, come questi documenti già sopportano le nazionalità dei loro genitori.
  • Esentando i bambini emigranti del cittadino degli Stati Uniti che risiedono nei 80 comuni messicani entro circa 60 miglia confine degli Stati Uniti - Messico dalle sospensioni automatiche di Medicaid e dei vantaggi del programma di assicurazione sanitaria (CHIP) dei bambini per assicurare la cura ininterrotta via telemedicina ed in persona consultazione con i fornitori di cure mediche degli Stati Uniti.
  • Creazione di un gruppo di lavoro presso il Comisión de Salud Fronteriza México-Estados Unidos (Commissione di salubrità del confine di Stati Uniti - Messico) da contribuire a riflettere lo stato di salute ed i bisogni dei bambini emigranti del cittadino degli Stati Uniti.

Altri autori della pubblicazione includono Jodi Berger Cardoso, università di Houston; Pedro Isnardo De La Cruz, Universidad Nacional Autónoma de México; Krista Perreira, università di North Carolina; Natalia Giraldo-Santiago, università di candidato di Ph.D. di Houston; Martha la Virginia Jasso Oyervides, Universidad Autónoma de il Coahuila.

I ricercatori riconoscono che il paesaggio geopolitico evolventesi degli Stati Uniti - la migrazione del Messico e l'entrata in vigore recente di INSABI potrebbero ora presentare una maschera differente, sei anni dopo che i loro dati sono stati raccolti. Ma con le deportazioni aumentate durante l'amministrazione di Trump, i numeri dei bambini emigranti del cittadino degli Stati Uniti che mancano dell'assicurazione sanitaria adeguata è oggi ancora più alto probabile.

“Riconosciamo che l'entrata in vigore delle iniziative di frontiera di salubrità potrebbe essere costosa. Ma il risparmio sociale a lungo termine di investimento nella prima infanzia e di assicurazione dell'accesso tempestivo ad alta qualità che la cura preventiva lontano supera il costo in peso,„ ha scritto i ricercatori. “Ha sostenuto la volontà politica e l'impegno coerente da investire nei bambini emigranti del cittadino degli Stati Uniti, che sono spesso un segmento trascurato della popolazione, è necessario in modo che non diventi “fuori dal campo visivo e dalla mente. “„

Source:
Journal reference:

Borja, S., et al. (2021) Health Insurance Access Among US Citizen Children In Mexico: National And Transborder Policy Implications. Health Affairs. doi.org/10.1377/hlthaff.2021.00087.