Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio ha potuto contribuire a migliorare la cura per i battiti cardiaci irregolari in pazienti con cardiomiopatia ipertrofica

La nuova ricerca aiuterà medici ad identificare, trattare ed impedire i battiti cardiaci irregolari potenzialmente pericolosi in pazienti con cardiomiopatia ipertrofica (HCM), le condizioni del cuore comuni in cui il cuore si ispessisce e sforza per pompare il sangue.

Questi ritmi caotici del cuore sono conosciuti come fibrillazione atriale. La fibrillazione atriale può essere asintomatica, ma può piombo ai coaguli di sangue, al colpo o persino all'infarto. La nuova ricerca, da un gruppo internazionale di medici e degli scienziati, identifica i fattori di rischio per i risultati importanti della fibrillazione atriale, quali l'esigenza delle procedure o l'ospedalizzazione per più di 24 ore, in pazienti con cardiomiopatia ipertrofica.

L'età era il preannunciatore dominante, i ricercatori trovati. Ma egualmente hanno identificato una lista di altri preannunciatori, compreso l'obesità come misurata dall'indice di massa corporea (BMI). L'obesità era particolarmente importante in più giovani pazienti, i ricercatori conclude.

“L'individuazione posteriore precisa l'importanza di perdita di peso ed esercizio nei pazienti di HCM,„ ha detto il ricercatore Christopher Kramer, il MD, il capo della divisione di medicina cardiovascolare a salubrità di UVA, il solo centro di eccellenza designato della Virginia dall'associazione ipertrofica di cardiomiopatia. “Fino a soltanto recentemente, l'esercizio probabilmente è stato controindicato in HCM. Ciò non è più il caso basato sugli studi recenti.„

Fibrillazione atriale in cardiomiopatia ipertrofica

Come la fibrillazione atriale, la cardiomiopatia ipertrofica va spesso undiagnosed. È, tuttavia, la malattia di cuore inheritable più comune e è la maggior parte della causa comune della morte cardiaca improvvisa in giovani atleti.

La fibrillazione atriale è una complicazione comune fra i pazienti con cardiomiopatia ipertrofica. Gli studi precedenti hanno messo a fuoco sulla rilevazione della fibrillazione atriale, come i pazienti possono richiedere i diluenti di sangue di impedire il colpo. Ma Kramer ed i suoi colleghi hanno voluto esaminare i risultati della fibrillazione atriale per identificare meglio coloro che ha bisogno di presto o ha adattato gli interventi.

I ricercatori hanno esaminato i dati da 2.631 paziente, identificante 127 punti finali importanti, come bisogno necessario l'ospedalizzazione o dell'ablazione del catetere, in 96 dei pazienti. I fattori di rischio chiave per il raggiungimento del punto finale hanno compreso l'età; BMI; dimensione e funzione dell'atrio sinistro del cuore; omissione moderata o severa della valvola mitrale del cuore di chiudersi completamente; e cronologia di aritmia (battito cardiaco irregolare).

L'obesità era un più forte fattore di rischio in più giovani pazienti che quei più vecchi. I fattori di rischio restanti erano maggiori fattori di rischio per i pazienti di mezza età e più anziani.

I ricercatori dicono che i loro risultati possono essere usati per creare uno strumento di valutazione del rischio per i pazienti, per identificare quelli al rischio e per contribuire a tenerle dall'ospedale.

Questi risultati aiuteranno i medici che curano i pazienti di HCM, come possono mirare ai fattori di rischio che piombo alla fibrillazione atriale.„

Christopher Kramer, MD, capo della divisione di medicina cardiovascolare, salubrità di UVA

Risultati pubblicati

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati nel giornale scientifico JACC: Elettrofisiologia clinica. Il gruppo di ricerca ha consistito di Kramer, John P. DiMarco, Paul Kolm, Carolyn Y. Ho, Milind Y. Desai, Raymond Y. Kwong, Sarahfaye F. Dolman, Nancy Geller, Dong-YUN Kim, Martin S. Maron, Evan Appelbaum, Michael Jerosch-Herold, Matthias G. Friedrich, Jeanette Schulz-Menger, Stefan K. Piechnik, Masliza Mahmod, Daniel Jacoby, bianco di James, Amedeo Chiribiri, timoni di Adam, Lubna Choudhury, Michelle Michels, William Bradlow, Michael Salerno, Dana K. Dawson, Jonathan W. Weinsaft, bacca di Colin, lo sceriffo F. Nagueh, Chiara Buccarelli-Ducci, Barbara Casadei, Hugh Watkins, William S. Weintraub e Stefan Neubauer.

Source:
Journal reference:

Kramer, C.M., et al. (2021) Predictors of Major Atrial Fibrillation Endpoints in the National Heart, Lung, and Blood Institute HCMR. JACC: Clinical Electrophysiology. doi.org/10.1016/j.jacep.2021.04.004.