Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori esaminano l'effetto dell'assunzione del silicio sulla morfologia del polmone dei roditori

La salubrità di densità ossea, dell'interfaccia e dei capelli e la mobilità delle giunzioni dipendono in larga misura dal microelemento di silicio. Principalmente lo otteniamo con alimento, ma il silicio egualmente è consumato con alcuni additivi biologicamente attivi che promettono la bellezza, la longevità e la gioventù. L'elemento può anche essere trovato in acqua potabile di un'origine naturale: solitamente, è incluso nel composto del sale del sodio e dell'acido metasiliconic. Tuttavia, nel caso dei microelementi, si dovrebbe stare estremamente attento: una carenza potrebbe piombo alle malattie, ma una dose eccessiva potrebbe portare gli effetti negativi anche.

Insieme ai colleghi dal Chuvash State University e dall'università medica di Amburgo, gli scienziati dell'università federale baltica di Immanuel Kant hanno studiato l'effetto del consumo prolungato del silicio nelle dosi relativamente piccole. Hanno sperimentato sui ratti e sui mouse del laboratorio. Per parecchi mesi gli animali sono stati dati l'acqua con il metasilicato del sodio, uno dei composti più comuni di silicio; la concentrazione era di dieci milligrammi per litro.

Nella prima fase di loro esperimento, i ricercatori hanno catturato i ratti ed i mouse campioni di tessuto polmonari due e tre mesi dopo che l'introduzione dell'acqua silicio-contaminata e non hanno trovato alcune mutazioni patologiche. Poi, hanno deciso di triplicare il periodo di influenza. Nove mesi più successivamente, i risultati erano molto differenti -- la salute degli animali notevolmente si è deteriorata. Il loro peso ha diminuito a metà e gli animali hanno dato segni di fibrosi polmonare (la trasformazione dei tessuti funzionali nel connettivo non funzionale) della severità variante e di deformazione dell'albero bronchiale. Le pareti epiteliali fra i loro alveoli così sono state vuotate che hanno unito in alcuni casi ed il numero totale ed il diametro degli alveoli sono diminuito. Gli esami istologici hanno mostrato la presenza di celle multinuclear giganti di Pirogov-Langhans che sono comuni nella tubercolosi ed in altre affezioni polmonari severe.

Notevolmente, l'impatto negativo sugli animali a partire dalla prima fase dell'esperimento ha accaduto sei mesi dopo che sono stati trasferiti dal silicio-contaminato da ad acqua pulita. Le zone di densità aumentata si sono sviluppate dentro i loro polmoni e secondo le aree bronchiali dell'albero. L'alta concentrazione di linfociti (le celle principali del sistema immunitario) in queste zone era indicativa di infiammazione.

Che cosa abbiamo veduto durante il nostro esperimento con i ratti ed i mouse era molto simile alla silicosi, una malattia professionale cronica che principalmente pregiudica i minatori ed i lavoratori della fonderia. L'uso costante di silicio, se nell'acqua o nei supplementi dietetici, può inizialmente sembrare sicuro, sebbene il danno aumenti unnoticeably. Ricerchi come questo sta accendendo per anni ed è mirato a formare una base di prova. I risultati già sono inclusi nelle linee guida sugli additivi del microelemento, che i mezzi noi attivamente stanno cambiando le menti della comunità scientifica. Forse, gli amanti “delle pillole di miracolo„ sarebbero seguenti.„

Valentina Gordova, capo di ricerca, del candidato delle scienze mediche e dell'assistente universitario, dipartimento di medicina fondamentale, istituto medico di Immanuel Kant

Source:
Journal reference:

Gordova, V., et al. (2021) The influence of silicon consumption with drinking water on morphological changes in the lungs of rodents. The FASEB Journal. doi.org/10.1096/fasebj.2021.35.S1.01634.