Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova le diminuzioni drammatiche in antibiotico che dispensa per i bambini durante la pandemia

Poichè i bambini hanno fatto meno visite ai servizi sanitari e si sono impegnati distanziare del sociale ed in altre misure di diminuzione COVID-19, un più piccolo numero di loro egualmente ha ricevuto i farmaci da vendere su ricetta medica, un nuovo studio suggerisce.

In generale, i farmaci prescritti per i bambini caduti da più di un quarto durante i primi otto mesi della pandemia rispetto all'anno prima, ai declini più ripidi nelle medicine in relazione con l'infezione gradiscono gli antibiotici e le droghe tosse-e-fredde.

L'antibiotico che dispensa ai bambini ed agli anni dell'adolescenza ha immerso da quasi 56% fra aprile e dicembre 2020 rispetto allo stesso periodo nel 2019. I ricercatori egualmente non hanno trovato i declini nelle prescrizioni per le malattie croniche, quali disordine ed asma dell'iperattività (ADHD) di deficit di attenzione, ma cambiamento nelle prescrizioni per gli antideprimente, secondo i risultati nella pediatria.

“Il declino nel numero dei bambini che ricevono gli antibiotici è coerente con le grandi diminuzioni nelle visite pediatriche in relazione con l'infezione durante il 2020,„ ha detto il Kao-Ping Chua, M.D., Ph.D., un pediatra e ricercatore dell'autore principale all'ospedale pediatrico di C.S. Mott di salubrità dell'università del Michigan ed al centro di valutazione e di ricerca di salute dei bambini di Susan B. Meister.

“Poiché gli antibiotici hanno effetti secondari importanti, le diminuzioni drammatiche in antibiotico che dispensa possono essere uno sviluppo benvenuto,„ ha aggiunto. “Tuttavia, i declini nell'erogazione delle droghe della malattia cronica hanno potuto interessare.„

L'erogazione delle droghe in relazione con l'infezione è diminuito marcato

I ricercatori hanno analizzato i dati d'erogazione del farmaco da vendere su ricetta medica nazionale da 92% delle farmacie degli Stati Uniti per valutare i cambiamenti nell'erogazione alle età dei bambini del 0-19 durante il COVID-19.

Fra gennaio 2018 e febbraio 2020, quasi 25,8 milione prescrizioni sono state dispensate ai bambini un il mese. I totali d'erogazione durante i primi 8 mesi della pandemia sono caduto da circa 27% confrontato allo stesso periodo nel 2019.

In generale, i medicinali prescritti tipicamente per le infezioni acute, compreso gli antibiotici, sono caduto da quasi 51% mentre quelli per le malattie croniche sono caduto entro 17%.

“La diminuzione in antibiotico che dispensa molto probabilmente riflette le riduzioni delle infezioni, come i freddo e la gola di streptococco, dovuto le misure di rischio-diminuzione COVID-19 come le maschere distanziare e di protezione del sociale,„ Chua ha detto.

“Di conseguenza, i bambini hanno avuti meno visite in relazione con l'infezione ed hanno avuti meno opportunità di ricevere le prescrizioni antibiotiche, se per le circostanze antibiotico-appropriate o le circostanze antibiotico-inadeguate.„

La ricerca precedente di Chua ha suggerito che quasi un quarto delle prescrizioni antibiotiche fra i bambini e gli adulti potesse essere inutile. In bambini, gli antibiotici sono la causa principale delle visite di pronto soccorso per gli eventi avversi della droga, con gli effetti secondari potenziali compreso le reazioni allergiche, le micosi e la diarrea.

Il lungo termine, antibiotico esagera può anche contribuire ai batteri resistenti agli antibiotici lo sviluppo, causante le malattie che erano una volta facilmente trattabili con gli antibiotici diventare intrattabili e pericolose, Chua ha detto.

Un altro lo sviluppo approvato nelle tendenze d'erogazione della droga, ricercatori trovati, era un declino nelle medicine di prescrizione per trattare i sintomi del raffreddore, per sopprimere specialmente le tosse. I risultati suggeriscono un calo di quasi 80% in questi farmaci (conosciuti come il farmaco antitosse droga) durante il periodo di 2020 studi.

“Queste droghe hanno poco vantaggio ma sono associate con gli effetti secondari potenzialmente nocivi, specialmente in bambini piccoli,„ Chua ha detto.

“Dal punto di vista di qualità di sanità, il declino marcato nell'erogazione dei farmaci tosse-e-freddi può rappresentare un lato positivo della pandemia COVID-19.„

Mentre l'erogazione delle droghe in relazione con l'infezione ai bambini potrebbe rimbalzare mentre il sociale che distanzia le misure è sollevato ed infezioni aumenta, può però non necessariamente ritornare ai livelli pre-pandemici presto, Chua ha detto. Se le misure di rischio-diminuzione COVID-19 continuano in banchi e cure di giorno, per esempio, questo può abbassare l'incidenza delle circostanze per cui gli antibiotici sono prescritti frequentemente, quali le otiti, sinusite e delle infezioni respiratorie superiori.

Erogazione delle droghe della malattia cronica

Lo studio ha trovato un declino modesto di 11% nell'erogazione delle prescrizioni per ADHD.

Se questo declino sta interessando le necessità di essere studiato più ulteriormente. Per esempio, è poco chiaro se il declino nelle prescrizioni di ADHD riflette un'esigenza diminuita dei farmaci al banco dovuto la transizione all'apprendimento remoto, alle rotture nell'accesso del farmaco, o ritarda nella diagnosi.„

Kao-Ping Chua, M.D., Ph.D., autore principale

C'erano egualmente grandi declini nell'erogazione dei farmaci di asma, quali il albuterol e gli steroidi inalati, secondo la ricerca

I dati nazionali suggeriscono che il numero degli attacchi di asma in bambini sia caduto marcato durante la pandemia, Chua ha detto. Dato questo, il declino in farmaco che dispensa probabilmente riflette il migliore controllo di asma.

I ricercatori hanno bisogno di più dati di capire meglio la mancanza di cambiamento in antideprimente che dispensa ai bambini durante la pandemia.

“Una visualizzazione ottimista è che pochi bambini su uso interrotto regimi stabilito dell'antideprimente,„ Chua ha detto.

“Gli studi, tuttavia, suggeriscono che la salute mentale dei bambini abbia peggiorato durante la pandemia, specialmente fra gli adolescenti. Dato questo, i nostri risultati potrebbero suggerire che l'antideprimente che dispensa non fosse aumentato per soddisfare questa esigenza aumentata.„

I clinici possono potere usare le cartelle mediche elettroniche per identificare le diminuzioni nella frequenza delle richieste della ricarica fra i bambini sui regimi stabiliti della droga per la malattia cronica, Chua ha detto. I clinici potrebbero poi chiamare le famiglie per determinare se c'è una ragione per preoccupazione - quali i farmaci che non sono accessibili per loro - o se i cambiamenti riflettono il controllo di malattie migliore.

I totali d'erogazione sono diminuito più marcato per le prescrizioni pagate con contanti che per altri tipi del debitore. Chua crede che questo che trova suggerisca che i bambini non assicurati abbiano affrontato le maggiori barriere in relazione con finanziaria ad assistenza medica d'accesso ed i farmaci da vendere su ricetta medica durante la pandemia.

L'erogazione in diminuzione nei capretti è coerente con il calo nel numero totale delle prescrizioni dispensato agli Americani adulti, che hanno rifiutato marcato durante la pandemia ma successivamente ha rimbalzato. Tuttavia, lo studio indica che dispensando ai bambini non ha rimbalzato allo stesso grado, Chua ha detto.

“Questo studio fornisce una maschera nazionale del farmaco da vendere su ricetta medica che dispensa ai bambini prima e durante la pandemia,„ ha detto. “Sarà importante da riflettere se le riduzioni che dimostriamo sono temporanee o continue.„

Source:
Journal reference:

Chua, K-P., et al. (2021) Prescription Drug Dispensing to US Children During the COVID-19 Pandemic. Pediatrics. doi.org/10.1542/peds.2021-049972.