Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio della clinica di Mayo fornisce le comprensioni nei fattori di rischio per COVID-19 severo in più giovani popolazioni

Facendo uso dei dati da 9.859 infezioni COVID-19, i ricercatori della clinica di Mayo hanno nuove comprensioni nei fattori di rischio per le più giovani popolazioni, alcune di cui differiscono significativamente dalle loro più vecchie controparti. La gente più giovane di 45 ha avuta un rischio aumentato più maggior triplo di infezione severa se avessero il cancro o malattia di cuore, o di disordini neurologici o endocrini di sangue, la ricerca trovata. Queste associazioni erano più deboli nelle più vecchie fasce d'età. Lo studio è stato pubblicato negli atti della clinica di Mayo.

Il gruppo di ricerca ha studiato la gente che vive in una regione delle 27 contee di Minnesota sudorientale e Wisconsin centrale ad ovest che circonda la clinica di Mayo a Rochester ha diagnosticato con COVID-19 fra marzo e settembre 2020. Lo studio ha usato il progetto dell'epidemiologia di Rochester, un legame di 1,7 milione cartelle sanitarie dai sistemi sanitari multipli che fornisce un'immagine completa dei rischi per un'intera regione geografica.

L'assistenza medica realmente è spezzettata nel nostro paese, in modo da qualcuno diagnosticato con COVID-19 ad un fornitore di cure mediche potrebbe finire ad un ospedale completamente differente per il loro caso severo. Se quelle registrazioni non sono collegate insieme, non c' è realmente un buon modo affinchè noi capisca quello che è anche lo stesso paziente. Al contrario, il progetto dell'epidemiologia di Rochester ha permesso che noi seguissimo i pazienti a partire dal tempo sono stati diagnosticati dopo con il loro uso della sanità che diagnosi, anche se sono stati catturati la cura ai posti differenti. Inoltre, potremmo guardare indietro nelle loro cartelle sanitarie per capire meglio che tutte malattie croniche questa popolazione ha avuta anche prima di ottenere diagnosticata con COVID-19 e come quelle malattie potrebbero contribuire alle infezioni più severe.„

St Sauver, Ph.D., epidemiologo della clinica di Mayo ed autore di Jennifer dello studio il primo

Fra i partecipanti di studio, il cancro era la più grande differenza nel rischio che confronta la gente più giovane e più vecchio di 45. Per la gente più giovane di 45, cancro erano un forte fattore di rischio. Non era un fattore significativo per il gruppo di vecchiaia.

I ricercatori egualmente hanno trovato che la gente con i disordini inerenti allo sviluppo, i disturbi di personalità, la schizofrenia ed altre psicosi ha avuta il più alto rischio di regolato per COVID-19 severo fra tutte le circostanze croniche.

Come molti altri studi sui fattori di rischio per COVID-19, i ricercatori hanno trovato che alcune corse ed origini etniche erano ad un elevato rischio che altri. Sebbene soltanto 4,1% della popolazione di studio, Americani asiatici abbiano l'elevato rischio di COVID-19 severo, seguito dagli Americani neri, che hanno composto 11,5% delle casse severe. L'origine etnica ispana egualmente è stata associata con un elevato rischio dell'infezione severa.

Il gruppo ha studiato le prove positive di PCR (reazione a catena della polimerasi) per COVID-19 fra il 1° marzo ed il 30 settembre, 2020.

Il COVID nel nostro studio di ricerca comunitaria sta conducendo dalla clinica di Mayo, dai servizi medico-sanitari di salute pubblica della contea di Olmsted, dal centro medico di Olmsted e dal centro sanitario della valle di Zumbro. I ricercatori dicono che il progetto non sarebbe stato possibile senza il progetto dell'epidemiologia di Rochester.

“Il progetto dell'epidemiologia di Rochester permette che noi studiamo le malattie, quale COVID-19, in una popolazione definita, che fornisce la capacità di tradurre i nostri risultati a tutta la gente COVID-19, non appena quelli con la malattia più severa che richiede assistenza medica,„ dice l'autore Celine senior Vachon, il Ph.D., presidenza della divisione della clinica di Mayo dell'epidemiologia. “Questo tipo di infrastruttura permetterà che noi seguiamo i pazienti che hanno avuti col passare del tempo COVID-19 nella regione delle 27 contee per capire meglio tutti i collegamenti futuri alla malattia.„