Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il trapianto fecale materno può contribuire a riparare il microbiota dell'intestino in neonati con il rischio del diabete

I neonati a rischio del diabete di tipo 1 perché sono stati dati gli antibiotici possono fare i loro microrganismi dell'intestino riparare con un trapianto fecale materno, secondo uno studio di Rutgers.

Lo studio, che l'analisi genetica implicata dei mouse, sembra nel host & nel microbo delle cellule del giornale.

I risultati suggeriscono che i neonati a rischio del diabete di tipo 1 perché il loro microbiome - i trilioni dei microrganismi utili in e sui nostri organismi - è stato disturbato possano fare invertire la circostanza dal microbiota fecale di trapianto dalla loro madre nel loro tratto gastrointestinale dopo che il corso antibiotico è stato completato.

Il diabete di tipo 1 è la malattia autoimmune più comune nell'infanzia.

Il nostro lavoro precedente ha indicato che esporre i giovani animali agli antibiotici perturba il microbiome, che può cambiare l'immunità età-associata e l'infiammazione organo-specifica, aumentando il rischio di malattie immune-mediate.„

Martin Blaser, co-author, Direttore del centro per biotecnologia e medicina avanzate, Rutgers University

Lo studio ha confrontato i mouse che sono stati esposti agli antibiotici fra i giorni 5 e 10 del lifed di dato ad un trapianto del microbiota materno fino a una settimana più successivamente e quelli che non erano. I ricercatori hanno trovato che i mouse dati il trapianto hanno avuti il loro microbiome parzialmente riparato e loro rischio del diabete portato di nuovo al livello del riferimento.

“I mouse che sono stati esposti agli antibiotici hanno avuti l'espressione dei geni reporter in loro parete intestinale che erano troppo alti o troppo bassi, ma il trapianto hanno portato quello arretrato quasi ai livelli originali e vie metaboliche riparate,„ ha detto la Xue-Canzone Zhang, un professore di aiuto del co-author della ricerca al centro per biotecnologia avanzata ed alla medicina a Rutgers. “Potevamo identificare i gruppi di geni che hanno ritornato al normale dopo il trapianto come se i mouse non avessero ricevuto mai gli antibiotici.„

I ricercatori hanno detto che il punto seguente è di identificare i microbi utili.