Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La combinazione della droga ha potuto permettere l'ambulatorio curativo per alcuni malati di cancro del fegato

Una combinazione del cabozantinib della droga dell'chinasi-inibitore e del nivolumab della droga di immunoterapia può permettere l'ambulatorio curativo in alcuni malati di cancro del fegato che normalmente non sarebbero considerati candidati della chirurgia.

I risultati pubblicati il 29 luglio nel Cancro della natura del giornale dai ricercatori al centro del Cancro di Johns Hopkins Kimmel descrivono i vantaggi di questa combinazione della droga. Fra 15 persone con carcinoma epatocellulare (HCC) nello studio che non potrebbe essere trattato precedentemente con chirurgia, le droghe hanno permesso che 12 pazienti subissero la riuscita rimozione chirurgica del loro cancro. Cinque di questi 12 pazienti hanno avuti soltanto 10% o di meno del loro tumore che rimane dopo il trattamento della droga.

La terapia di combinazione offre un trattamento tanto necessario per HCC, che compone più di 90% di tutti i cancri di fegato primari ed è la quarta causa principale della morte in relazione con il Cancro universalmente. Più poco di 30% delle casse di HCC globalmente può essere resecato chirurgicamente ai tempi della diagnosi, l'una o l'altra perché il fegato ugualmente è danneggiato o il cancro si è sparso nei tessuti che rendono la chirurgia troppo difficile.

I pazienti che sono iscritti a questo studio sono in genere appena hanno pensato a come incurabile nel senso convenzionale corrente, così il fatto che abbiamo veduto queste risposte era realmente emozionante, perché questo suggerisce questa strategia potrebbe essere adottato per le malattie incurabili molto provocatorie.„

Jin estratto uff, M.D., assistente universitario di oncologia alla scuola di medicina di Johns Hopkins University e primo autore dello studio

HCC è insolito fra i cancri del solido-tumore perché non ci sono stati terapie sistematiche usate per trattare il cancro per renderlo più favorevole a chirurgia, dice il segno Yarchoan, M.D., assistente universitario dell'oncologia alla scuola di medicina di Johns Hopkins University ed autore senior. “Abbiamo avuti un'impressione che c'erano pazienti che erano corrente incurabili che potremmo ottenere ad un ambulatorio che avrebbe fatto bene ed abbastanza sicuro, c'era un gruppo di pazienti che hanno partecipato a questo studio che è oggi vivo senza tumore che non sarebbe stato offerto già la chirurgia.„

I risultati egualmente suggeriscono che la combinazione della droga potrebbe aiutare con le tariffe della ricorrenza del cancro dopo chirurgia. Anche fra i pazienti che hanno riusciti ambulatori, la tariffa della ricorrenza può essere 50% o più alto. Nello studio corrente, i ricercatori hanno trovato che i cinque pazienti che hanno subito la chirurgia ed hanno avuti loro strizzacervelli dei tumori significativamente avere malattia rimanente liberamente per i più di 230 giorni finora. Quattro dei sette pazienti che non hanno avuti una risposta significativa del tumore hanno sviluppato la progressione di malattia fra i 56 e 155 giorni dopo la conclusione del trattamento.

Cabozantinib e il nivolumab sono stati usati esclusivamente e in associazione trattare il cancro di fegato avanzato prima, ma i ricercatori hanno voluto verificare il loro uso specificamente vedere se potrebbero rendere più pazienti ammissibili per ambulatorio potenzialmente curativo.

“Abbiamo voluto usare una combinazione che ha riflesso il livello di cura,„ diciamo Yarchoan, “e questa combinazione riflessa dove riteniamo il campo sta andando in termini di usando due droghe insieme per provare a massimizzare gli effetti terapeutici.„

Tutti pazienti sono stati reclutati dalla clinica pluridisciplinare del fegato di Kimmel del centro del Cancro e del Cancro biliare, in cui i pazienti sono valutati dagli esperti multipli nella chirurgia, nella patologia, nell'oncologia medica ed in altre discipline per fornire una pianificazione completa del trattamento. Il lavoro di squadra pluridisciplinare è buono per i pazienti ma è egualmente utile in questo tipo di studio, Yarchoan aggiunge. “Ad altre istituzioni in cui potreste vedere appena un chirurgo, non c' è un'opportunità di discutere aggiungere nelle medicine.„

Il gruppo di ricerca ha dato uno sguardo più attento al microenvironment del tumore e di risposta immunitaria nelle biopsie del tessuto e di sangue dai pazienti iscritti allo studio per imparare più circa esattamente come HCC ha risposto -; o non ha risposto -; al trattamento di combinazione. Una tecnica chiamata cytometry della massa della rappresentazione ha permesso che i clinici osservassero i tipi multipli di celle immediatamente, “e realmente capire le loro relazioni tra loro,„ dice uff.

Per esempio, i ricercatori notano che un'aggregazione distinta dei linfociti B immuni era indicativa di una risposta a cabozantinib e a nivolumab, supportando una forte risposta antitumorale. La tecnica egualmente ha aiutato i ricercatori a vedere come la vicinanza delle celle di T e dei linfociti B di alcune celle immuni del macrofago con un effetto immunosopressivo era caratteristica dei tumori che erano resistenti al trattamento di combinazione.

Andando in avanti, questo tipo di sguardo approfondito al microenvironment del tumore potrebbe aiutare i clinici a cercare le droghe che promuovono una risposta del linfocita B o riprogrammano le celle immuni immunosopressive nel fegato per renderle più rispondenti alla terapia, la nota dei ricercatori.