Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I lockdowns COVID-19 hanno avuti impatto minimo sui trattamenti medici per i malati di cancro australiani

I malati di cancro australiani hanno continuato i loro trattamenti farmaceutici durante i lockdowns del COVID-19 dell'anno scorso, un grande studio di dati dalle manifestazioni di UNSW Sydney.

I risultati, pubblicati oggi nella salubrità regionale della lancetta - Pacifico occidentale, prossimo come sollievo che segue le preoccupazioni iniziali che i malati di cancro diminuirebbero, o persino si fermerebbero, potenzialmente trattamenti di salvataggio durante la pandemia.

Ma i ricercatori dicono che le buone notizie sono collegate molto attentamente l'anno scorso alle tariffe relativamente basse delle infezioni COVID-19 in Australia - ed i reticoli futuri del trattamento possono dipendere da come i gradi di infezione australiani si sviluppano.

L'impatto iniziale della pandemia sulla terapia del cancro sembra attenuarsi l'anno scorso tramite l'efficace controllo dell'Australia di COVID-19. I risultati sono buone notizie per la salubrità dei malati di cancro australiani ed indicano che la gente sta ottenendo i trattamenti che di salvataggio hanno bisogno di.„

Dott. Benjamin Daniels, ricercatore, medicina di UNSW & il centro della salubrità per grande ricerca di dati nella salubrità (CBDRH)

Il gruppo di ricerca ha usato un campione di 10 per cento dei dati farmaceutici de-identificati (PBS) di regime previdenziale per analizzare l'anno scorso i reticoli d'erogazione delle medicine del cancro come la chemioterapia e l'immunoterapia. i trattamenti del cancro Non farmaceutici come chirurgia e la radioterapia non sono stati inclusi nello studio, poichè questi trattamenti non sono catturati dal gruppo di dati di PBS.

In generale, i ricercatori hanno trovato che la pandemia ha avuta impatto minimo sui trattamenti del cancro - persino durante i periodi chiave del lockdown dell'Australia (cioè marzo, gli aprile e luglio 2020). Mentre c'erano alcuni piccoli segnali di ritorno nell'erogazione modella - come un piccolo numero di pazienti che riempiono più prescrizioni all'inizio del lockdown di marzo - questi cambiamenti erano secondario e sistemato rapidamente di nuovo al normale da ora alla fine d'aprile.

“La gente che cattura i farmaci orali ha fatto un bit dell'accumulazione a marzo mediante il riempimento delle prescrizioni multiple,„ dice il Dott. Daniels. “Ma era realmente incoraggiante vedere che la gente non ha fermato il loro trattamento.„

I risultati vengono mentre l'Australia sta affrontando un'altra onda di COVID-19 e questo volta la variante altamente ereditaria di delta, che ha indicato per essere più dura da rintracciare, è nella nostra comunità.

“È un ricordo che ottenere sopra i gradi di infezione non è appena circa la gente che ottiene COVID ed è ammessa a ICU,„ dice il Dott. medico Monica Tang dell'oncologo, l'autore del co-cavo dello studio ed il candidato di PhD a CBDRH.

“È egualmente circa le popolazioni vulnerabili, come la gente che ha cancro, che potrebbe perdersi i trattamenti di salvataggio o avere risultati più difficili come effetti indiretti di COVID.

“Se continuiamo lavorare verso le infezioni diminuenti, otteniamo vaccinati e continuiamo a fare che cosa abbiamo fatto l'anno scorso, avremo una migliore probabilità di protezione delle nostre popolazioni vulnerabili.„

Una previsione brulla

All'inizio di COVID-19, molti oncologi sono stati interessati che i trattamenti del cancro potrebbero rallentare - il Dott. Tang ha incluso.

“C'era nazionale e linee guida internazionali che vengono fuori dicendo che se COVID realmente decolla come ha fatto in Italia e negli Stati Uniti, potremmo dovere annullare la chemioterapia,„ dice. “I pazienti potrebbero pensare che fosse troppo rischioso avere trattamento che abbassa il loro sistema immunitario, o gli ospedali non potrebbero avere capacità di continuare a consegnare i trattamenti del cancro usuali.„

Questi modi diversi esplorati linee guida di navigazione del trattamento del cancro durante il pandemico, come applicare le terapie meno intensive, la cattura delle rotture di trattamento, o la cura dei pazienti complessivamente.

Fortunatamente, gli odierni risultati indicano che non abbiamo ottenuto l'anno scorso a quella fase in Australia - ma le notizie non sono come positivo in altre parti del mondo.

“I simili studi dall'Italia, dal Regno Unito, dagli Stati Uniti e dall'Asia riferiscono che i trattamenti del cancro stavano ritardandi o la gente non stava iniziando il trattamento,„ dice il Dott. Tang. “Un documento pubblicato in oncologia della lancetta ha indicato che gli inizi di terapia del cancro sono caduto da 30 per cento nel Regno Unito l'aprile scorso.

“Non sappiamo se questo era perché NHS è stato sopraffatto da COVID, o se la gente avesse mancato le diagnosi del cancro perché non hanno ottenuto i loro mammogrammi e colonoscopie, o se ugualmente fossero spaventate per entrare in ospedale.

“Ma siamo fortunati non abbiamo ottenuto a quella fase qui.„

Miglioramento dei risultati di salubrità

Il Dott. Daniels ed il Dott. Tang dicono che sperano di ampliare questo lavoro in futuro, per vedere specialmente l'impatto a lungo termine degli australiani che continuano i loro trattamenti del cancro.

I Lockdowns sono importanti, ma la gente ancora deve ottenere i loro trattamenti del cancro. Sarà interessante vedere che risultati del cancro assomigliano a cinque circa agli anni da oggi. Possiamo guardare indietro e trovare che i risultati sono migliori in Australia che i posti come il Regno Unito o gli Stati Uniti come abbiamo tenuto i trattamenti su.„

Dott. Benjamin Daniels

La gente con gli stati di salute di fondo, come cancro, ha tariffe di ripristino più lente COVID-19 ed è più probabile avvertire i sintomi a lungo termine.

Ma minimizzare la diffusione di COVID-19 può contribuire ad impedire alle popolazioni vulnerabili di sviluppare la malattia in primo luogo - ed a renderla più facili affinchè loro accedi all'assistenza medica in corso.

“Tenere le trasmissioni della comunità giù ed ottenere vaccinate aiuteranno ognuno,„ dice il Dott. Tang.

“Tenendo questo scoppio sotto controllo, possiamo aiutare i malati di cancro ad ottenere i loro trattamenti in tempo e la cura di che realmente hanno bisogno.„

Source:
Journal reference:

Tang, M., et al. (2021) Changes in systemic cancer therapy in Australia during the COVID-19 pandemic: a population-based study. The Lancet Regional Health - Western Pacific. doi.org/10.1016/j.lanwpc.2021.100226.