Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Preannunciatori molecolari potenziali diminuenti della risposta alle terapie biologiche nella colite ulcerosa

Parecchie persone che soffrono dalle malattie di viscere come colite ulcerosa non riescono a rispondere alle terapie biologiche convenzionalmente usate. In tali casi, la previsione personale della risposta di terapia sarebbe utile alle persone commoventi come pure ai clinici. Corrispondentemente, un gruppo di scienziati dalla Cina e U.S.A. hanno identificato un gruppo di biomarcatori molecolari che possono predire la risposta di terapia a colite ulcerosa, secondo una rassegna completa pubblicata in giornale medico cinese.

Preannunciatori molecolari potenziali diminuenti della risposta alle terapie biologiche nella colite ulcerosa

Credito di immagine: Giornale medico cinese

Migliaia di persone in tutto il mondo soffrono dalle malattie di viscere croniche. Una tale malattia comune è colite ulcerosa (UC), che causa l'infiammazione e le ferite nell'apparato digerente delle persone commoventi. Interessante, i sintomi del UC sono causati da molte della canaglia andata biomolecole naturali della difesa dell'organismo! Alcuni esempi comprendono l'elevazione anormale dei livelli di fattore-un (TNF) e di integrin di necrosi del tumore. Per trattare il UC, medici prescrivono parecchie terapie biologiche che agiscono per portare giù i livelli elevati di queste biomolecole.

Mentre questo sembra come una strategia diretta alleviare il UC, a volte queste terapie biologiche non lavorano ad un sottoinsieme specifico dei pazienti, a proposito chiamato non radar-risponditore. Molto alla costernazione dei clinici e dei non radar-risponditore, queste situazioni piombo al farmaco inutile, alle spese dispendiose ed alla mora nell'iniziare le alternative. Gli studi collocano tali non radar-risponditore ad un 20-30% allarmante per la terapia anti--TNF, che può andare col passare del tempo su ad un 15-30% supplementare e a 43% per la terapia anti--integrin. Tali situazioni terribili non solo richiedono per le migliori terapie, ma anche le migliori misure premonirici per identificare questi non radar-risponditore, nella fase iniziale.

Parecchi biomarcatori molecolari che corrispondono alle vie in questione nella risposta biologica specifica di terapia contro il UC possono essere considerati affinchè la loro capacità predicano la mancanza di risposta. Un gruppo di ricercatori dalla Cina e U.S.A. hanno considerato questa possibilità ed hanno cercato di identificare questi biomarcatori con potenziale premonitore di mancanza di risposta di terapia. I loro risultati informativi sono stati pubblicati come rassegna completa in giornale medico cinese.

Parlando dello scopo di questo esame, il Dott. Ji Li dal dipartimento della gastroenterologia, dall'accademia delle scienze mediche cinese e dall'istituto universitario medico del sindacato di Pechino, che piombo lo studio, dice, “noi riassume la maggior parte dei preannunciatori molecolari potenziali della risposta agli agenti anti--TNF e anti--integrin nel UC, secondo la patofisiologia.„

Di conseguenza, il Dott. Li ed il suo gruppo hanno identificato le vaste categorie di biomarcatori premonitori, molte che concedono aggirare gli effetti terapeutici del biologics usato. Una tale categoria importante appartiene al sistema immunitario innato. Essendo la prima linea di difesa contro le entità che invadono l'organismo, sono probabili essere attivi in non radar-risponditore, durante la loro “indifferenza„ evidente alla terapia biologica usata. Alcuni dei biomarcatori identificati in questa categoria comprendono l'avviamento del ricevitore 1 espresso su 16 relativi mieloidi e autophagy come 1, sul gene di GTPase m., sul mRNA e sulle proteine riferiti immunità.

Similmente, l'altra categoria importante appartiene al sistema immunitario adattabile. Essendo conoscendo per “la memoria„ di sviluppo delle entità d'invasione ed il supporto d'aiuto una difesa appropriata, biomarcatori molecolari premonitori in questa categoria è probabile essere efficace nell'identificazione dei non radar-risponditore. Tali biomarcatori già sono stati riferiti in parecchi studi, secondo il gruppo del Dott. Li, compreso le interleuchine, Oncostatin m., ecc.

Un'altra categoria importante è costituita dalle biomolecole che permettono la degradazione proteolitica delle terapie biologiche usate. Secondo il gruppo, un biomarcatore molecolare premonitore notevole è proteinasi metallica 3 della matrice del siero, poiché degrada alcuni agenti anti--TNF in vitro convenzionalmente usati, secondo uno studio che recente hanno esaminato.

Mentre l'uso di singoli biomarcatori molecolari premonitori identificare l'ideale dei suoni dei non radar-risponditore, le applicazioni di vita reale autorizza un metodo più pratico; uno che combina alcuni di questi biomarcatori. Il gruppo specifica che i modelli premonitori sono stati sollecitati da parecchi studi, come il modo in avanti. Multiplo dell'associazione di questi modelli tali biomarcatori che comprendono i geni appropriati, le proteine, i singoli polimorfismi del nucleotide, ecc.

Sebbene il gruppo di esame proponga le permutazioni e le combinazioni differenti di biomarcatori molecolari premonitori per identificare efficientemente i non radar-risponditore alla terapia del UC, nessuno di loro corrente incontra l'applicabilità clinica a causa di informazioni incomplete. Mentre il loro esame incoraggia ulteriore ricerca sui biomarcatori identificati, il gruppo egualmente descrive alcune delle funzionalità importanti per considerare mentre tendendo “ad un efficace combinato.„

Il biomarcatore premonitore ideale deve essere facile da verificarsi, mostrare l'alta precisione e da avere feedback rapido nella pratica clinica.„

Dott. Ji Li, dipartimento di gastroenterologia, accademia delle scienze mediche cinese ed istituto universitario medico del sindacato di Pechino

In generale, questo esame è un calcolo facente un passo ad affrontare l'emissione “di mancanza di risposta„ nelle terapie biologiche usate per curare i pazienti con il UC e può certamente essere sperato di ispirare l'atto per le simili emissioni con altre malattie.

Source:
Journal reference:

Zhang, R-F., et al. (2021) Potential molecular biomarkers used to predict the response to biological therapies in ulcerative colitis. Chinese Medical Journal. doi.org/10.1097/CM9.0000000000001390.