Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio conferma l'effetto benefico doppio di attività fisica nella depressione

L'effetto benefico doppio di attività fisica nella depressione è confermato da uno studio alla clinica dell'università per la psichiatria e la psicoterapia a Ruhr-Universität Bochum (RUB) alla città universitaria di Ostwestfalen-Lippe: l'attività fisica non solo diminuisce i sintomi depressivi. Egualmente aumenta la capacità del cervello di cambiare, che è necessaria per adattamento e gli apprendimento.

I risultati mostrano come le cose apparentemente semplici importanti come attività fisica sono nel trattamento e nell'impedire delle malattie quale la depressione.„

Dott. Karin Rosenkranz, guida di studio, professore associato

Lo studio è stato pubblicato il 9 giugno 2021 nelle frontiere del giornale in psichiatria.

Il programma di esercizio promuove la motivazione e l'unità

La gente con la depressione spesso si ritira ed è fisicamente inattiva. Per studiare l'effetto di attività fisica, il gruppo di lavoro di Karin Rosenkranz ha arruolato 41 persone, che stava subendo il trattamento all'ospedale, per lo studio. I partecipanti ciascuno sono stati definiti ad uno di due gruppi, uno di cui ha completato un programma di tre settimane di esercizio. Il programma, che è stato sviluppato dal gruppo di scienza di sport dall'università di Bielefeld piombo dal professor Thomas Schack, è stato variato, elementi contenuti di divertimento e non ha preso la forma di una concorrenza o di una prova, ma di un lavoro di squadra invece richiesto dai partecipanti. “Questa unità specificamente promossa del sociale e di motivazione mentre suddividendo un timore delle sfide e delle esperienze negative con attività fisica - quali le lezioni del PE del banco,„ spiega Karin Rosenkranz. L'altro gruppo ha partecipato ad un programma di controllo senza attività fisica.

Il gruppo di studio ha accertato della severità dei sintomi depressivi, quali una perdita di unità e di interesse, una mancanza di motivazione e le sensibilità negative, entrambe prima e dopo il programma. La capacità del cervello di cambiare, conosciuto come neuroplasticity, egualmente è stata misurata. Può essere determinato esternamente con l'aiuto di stimolo magnetico transcranial. “La capacità di cambiare è importante per tutto cervello che impara ed i trattamenti di adattamento,„ spiega Karin Rosenkranz.

Abilità a cambiamento aumentato - sintomi in diminuzione

I risultati indicano che la capacità del cervello di cambiare è più bassa nella gente con la depressione che in gente in buona salute. A seguito del programma con attività fisica, questa abilità a cambiamento è aumentato significativamente ed ha raggiunto gli stessi valori della gente in buona salute. Allo stesso tempo, i sintomi depressivi sono diminuito nel gruppo.

“Più l'abilità a cambiamento aumentato più chiaro, i sintomi clinici in diminuzione,„ riassume Karin Rosenkranz. Questi cambiamenti non erano così pronunciati nel gruppo che ha partecipato al programma di controllo. “Questo indica che l'attività fisica ha un effetto sui sintomi e la capacità del cervello cambiare. Non possiamo dire fino a che punto il cambiamento nei sintomi e la capacità del cervello cambiare causale sono collegati basata su questi dati,„ diciamo il medico, riferenteci alle limitazioni. “È conosciuto che l'attività fisica fa il cervello buon, poichè, per esempio, promuove la formazione di connessioni del neurone. Ciò ha potuto certamente anche svolgere un ruolo qui.„

Source:
Journal reference:

Brüchle, W., et al. (2021) Physical Activity Reduces Clinical Symptoms and Restores Neuroplasticity in Major Depression. Frontiers in Psychiatry. doi.org/10.3389/fpsyt.2021.660642.