Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La diminuzione dell'antibiotico che prescrive nel pronto intervento da solo non può fermare le infezioni resistenti alla droga di Escherichia coli

Le strategie per diminuire l'antibiotico che prescrive nel pronto intervento sono insufficienti da solo per fermare l'aumento nelle infezioni resistenti alla droga di Escherichia coli in Inghilterra, un nuovo rapporto conclude.

La prima valutazione di intervento premio di qualità di NHS Inghilterra sulla resistenza antimicrobica (AMR) è pubblicata nelle malattie infettive di The Lancet. Il regime di premi di qualità è stato introdotto nel 2015 ed ha ricompensato i gruppi di medici di famiglia (GPs) per i miglioramenti nella qualità dell'assistenza, compreso la diminuzione dell'antibiotico inadeguato che prescrive nel pronto intervento.

Piombo dai ricercatori all'istituto universitario imperiale Londra, il nuovo rapporto trova che mentre l'intervento ha raggiunto una variazione a gradino discendente nella prescrizione antibiotica, piombo soltanto ad una riduzione modesta delle infezioni resistenti agli antibiotici da Escherichia coli (Escherichia coli). Gli autori dello studio concludono che un singolo intervento in un settore non è abbastanza; un approccio più radicale e più multisettoriale è necessario affrontare la minaccia crescente del Amr.

Il Amr è una sostanza e un'emissione di salubrità crescente, che globalmente causa intorno 700.000 morti all'anno. Coliis del E. di interesse particolare a causa della sua resistenza diffusa agli antibiotici. È l'infezione resistente alla droga più comune e nel Regno Unito più della metà delle infezioni batteriche resistenti alla droga della circolazione sanguigna, che possono piombo a sepsi, è causata da Escherichia coli.

L'uso antibiotico nel pronto intervento è associato a un aumentato rischio dell'infezione resistente antimicrobica e diminuire l'antibiotico che prescrive in questa regolazione è stata una pietra angolare di attività antibiotica di amministrazione globalmente. In Inghilterra oltre 70 per cento degli antibiotici sono prescritti nel pronto intervento e molti sono considerati inadeguati. Ciò aumenta le probabilità dei batteri che si evolvono e che diventano resistenti, in modo dalle iniziative hanno provato ad istruire e persuadere i prescrittori degli antibiotici a seguire alla la prescrizione basata a prova.

Il gruppo globale dell'unità di salubrità di Digital all'istituto universitario imperiale Londra, piombo dal Dott. Céire Costelloe e dai colleghi ha collegato i dati da 6.882 pratiche generali inglesi con la sorveglianza nazionale (PHE) dell'Inghilterra di salute pubblica delle infezioni batteriche durante il periodo di sei anni dal gennaio 2013 al dicembre 2018 in cui il premio di qualità di NHS era in funzione. Hanno esaminato la prescrizione dei cinque antibiotici più comuni e la resistenza esaminata tendenza alle infezioni di Escherichia coli, prima e dopo l'entrata in vigore dell'intervento.

Abbiamo trovato che sebbene il premio di qualità di NHS Inghilterra sul Amr riuscisse a diminuire la prescrizione antibiotica di vasto spettro, la resistenza fra la E coli che causa la batteriemia rimane su una traiettoria ascendente, malgrado un'attenuazione iniziale. Ciò evidenzia il fatto che un singolo intervento da solo non è abbastanza per affrontare la minaccia crescente del Amr.

Un approccio a fattori multipli, multisettoriale, di collaborazione e globale è necessario, catturando nell'uso antibiotico di considerazione attraverso l'intera economia di sanità, congiuntamente ad un più ampio, “una salubrità„ approccio, che comprende gli sforzi che funzionano nazionalmente e globalmente migliorare la salubrità per la gente, gli animali e l'ambiente.„

Dott. Céire Costelloe, lettore e Direttore dell'unità globale di salubrità di Digital all'istituto universitario imperiale Londra

Le pratiche del GP in Inghilterra hanno prescritto una media di 207 punti antibiotici di vasto-spettro per 100.000 pazienti al mese prima dell'entrata in vigore del premio di qualità. I 13 per centreduction nella tariffa di prescrizione sono stati osservati subito dopo dell'entrata in vigore del premio di qualità, che corrisponde ad una riduzione di 26 punti per 100.000 pazienti della popolazione inglese. Questo effetto è stato sostenuto tali che per la fine del periodo di studio c'era una riduzione di 57 per cento della tariffa dell'antibiotico che prescrive osservata, confrontata alle tariffe prevedute se l'intervento non avesse accaduto.

Nel portare all'entrata in vigore del premio di qualità, una media mensile di 275 resistantE.Coliisolates, per 1000 isolati provati contro gli antibiotici di vasto-spettro, è stata riferita alla salute pubblica Inghilterra. Una riduzione di 5 per cento della tariffa della resistenza è stata osservata subito dopo dell'entrata in vigore del premio di qualità, che corrisponde ad una riduzione di 14 resistantE.Coliisolates per 1000 isolati provati. Sebbene questa riduzione sia sostenuta fino alla conclusione del periodo di studio, E.Coliresistance rimane su un ascendente, anche se più lento, traiettoria.

Co-author Shirin Aliabadi, una ricerca postuniversitaria nell'unità globale di salubrità di Digital all'istituto universitario imperiale Londra ed il farmacista di NHS dice: “La resistenza antimicrobica è preveduta per uccidere 10 milione di persone all'anno da ora al 2050. Naturalmente, gli sforzi della nazione e le risorse si sono spostati alla risposta alla crisi in corso COVID-19 ma i nostri risultati suggeriscono che dobbiamo tuttavia considerare la minaccia crescente della resistenza antimicrobica, che può essere osservato come pandemia silenziosa.„

Co-author il professor Azeem Majeed, GP ed il capo del ministero di pronto intervento e di salute pubblica, l'istituto universitario imperiale Londra, dice: “I miei colleghi nelle impostazioni primarie di salubrità hanno fatto la cosa giusta e risposto al fuoco sulla loro prescrizione degli antibiotici, ma combattere gli effetti devastanti della resistenza antimicrobica, abbiamo bisogno degli sforzi globali e coordinati e di nuove droghe per trattare le infezioni resistenti. Se la pandemia COVID-19 ci ha insegnato qualche cosa, è che possiamo muoverci velocemente di fronte alle epidemie su grande scala. Se applichiamo alcune delle lezioni recenti istruite e lavoriamo insieme, possiamo raggiungere molto in poco tempo. Spero che questo sia possibile.„

Source:
Journal reference:

Aliabadi, S., et al. (2021) Effect of antibiotic stewardship interventions in primary care on antimicrobial resistance of Escherichia coli bacteraemia in England (2013–18): a quasi-experimental, ecological, data linkage study. The Lancet Infectious Diseases. doi.org/10.1016/S1473-3099(21)00069-4.