Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo preventivo di immunità totale a SARS-CoV-2 nel Texas

Secondo i ricercatori nel Texas, una mancanza di prova appropriata negli Stati Uniti piombo ad una sottovalutazione del seroprevalence negli Stati Uniti, così rendendolo difficili stimare l'immunità della popolazione a SARS-CoV-2 o alla vaccinazione.

Mentre a valutazione basata a modello è stata proposta, i calcoli sono basati sugli input quali il numero virale della riproduzione, la longevità di risposta immunitaria ed altri fattori dinamici.

In loro nuova pubblicazione inviata al " server " della pubblicazione preliminare del medRxiv*, da un approccio statistico guidato da dati è presentato dagli scienziati dal sistema universitario di università del Texas, che usa i dati sierologici futuro raccolti con dei i dati livelli di stato della vaccinazione per stimare le tariffe totali di immunità facendo uso ad un di un approccio basato a modello piuttosto che una somma semplicistica dell'immunità naturale e indotta da vaccino.

I ricercatori descrivono una procedura dettagliata per la riproduzione della loro ricerca in moda da potere prendere i responsabili della politica le decisioni informate riguardo a SARS-CoV-2 localmente.

I dati sierologici valutati studio da più di 14.000 campioni di sangue raccolti da 10.482 partecipanti ad un gruppo in tutto lo stato longitudinale esaminano l'inizio il 30 settembre 2020.

Studio: Valutazione di immunità totale a SARS-CoV-2 nel Texas. Credito di immagine: peterschreiber.media Shutterstock
Studio: Valutazione di immunità totale a SARS-CoV-2 nel Texas. Credito di immagine: peterschreiber.media Shutterstock

Sfondo

È essenziale per stimare che il numero delle persone probabilmente protette dall'infezione SARS-CoV-2 a causa delle risposte immunitarie abbia suscitato tramite i vaccini o l'infezione naturale SARS-CoV-2.

Gli scienziati possono stimare l'immunità totale facendo uso dei modelli e simulazioni matematiche, che richiedono gli input come la tariffa di riproduzione virale, la durata di immunità infettata una volta, popolazione che si mescola ed altri fattori supplementari.

Tuttavia, alcuni degli ingredienti sopra-specificati sono ancora sconosciuti ai ricercatori. Per esempio, alcuni dei fattori sconosciuti comprendono la durata da di immunità naturale e indotta da vaccino e l'influenza di reattività crociata a cellula T.

Inoltre, l'emergenza continua delle varianti SARS-CoV-2 ha minacciato l'efficacia dall'dell'immunità naturale e indotta da vaccino contro lo sforzo originale SARS-CoV-2 in primo luogo riferito a Wuhan, Cina.

Alcuni degli studi recenti, che hanno valutato la durata della risposta immunitaria contro COVID-19, hanno rivelato per almeno cinque mesi ed a volte ancora più lungamente la presenza di anticorpi di neutralizzazione.

Ulteriormente, questi studi egualmente avevano indicato una riduzione del rischio di reinfezione per parecchi mesi nel gruppo vaccinato o fra le persone che hanno recuperato dall'infezione SARS-CoV-2.

La ricerca precedente condotta nell'Israele, in cui la tariffa della vaccinazione è stata estremamente alta, ha riferito un calo significativo nel velocita di trasmissione SARS-CoV-2. Quindi, un tasso alto di vaccinazione non solo è stato associato con la protezione immune diretta alla persona vaccinata ma la protezione indiretta alla popolazione unvaccinated via la riduzione del velocita di trasmissione del virus.

Lo studio

Questa nuova ricerca ha dimostrato il trattamento di valutazione di immunità di totale COVID-19, cioè, risposta immunitaria vaccino e naturale contro SARS-CoV-2, nel Texas, U.S.A.

Lo studio corrente è basato su alcuni presupposti adottati dalla ricerca precedente. Questi presupposti sono come segue: la reinfezione (a) entro alcuni mesi del ripristino dall'infezione COVID-19 è rara, (b) anticorpi di neutralizzazione prodotti dopo che le infezioni naturali durano almeno cinque mesi e (c) la vaccinazione fornisce una risposta ragionevolmente a lungo termine dell'anticorpo.

In questo studio, i ricercatori hanno usato un'indagine sierologica futuro progettata per stimare l'immunità totale il 4 luglio 2021. A questo effetto, i ricercatori hanno valutato il seroprevalence, sopra gli intervalli di una settimana, da 14.899 campioni di sangue ottenuti dai partecipanti in tutto il Texas. I ricercatori egualmente hanno condotto una valutazione adeguata all'età di seroprevalence di censimento dell'infezione naturale e la hanno riunita con il dipartimento di stato che del Texas i servizi sanitari (DSHS) de-hanno identificato dei i dati livelli della popolazione della vaccinazione. Ciò ha aiutato gli autori ad ottenere di una valutazione livella di stato accurata di immunità totale.

L'età media degli oggetti era di 45,9 anni. Questo gruppo di studio ha contenuto le candidate di 60%, il bianco 88,9% e 92% provenivano dalle posizioni urbane. La maggior parte dei candidati erano istruiti e sono stati impiegati a tempo pieno.

I ricercatori hanno stimato che la percentuale di quelle con gli anticorpi naturali a SARS-CoV-2 nel Texas fosse 35,3% ed il totale ha stimato che l'immunità fosse 69,1%. Di conseguenza, questo studio suggerisce che la percentuale delle persone con gli anticorpi a SARS-CoV-2 sia quattro volte più superiore al preventivo di stato di 8,8%.

Immunità preventiva globale nel Texas (cioè, percentuale settimanale degli anticorpi completamente vaccinati o naturali). I contrassegni orizzontali di asse denotano il primo giorno del mese. Il preventivo il 4 luglio 2021 è 69,08%.
Immunità preventiva globale nel Texas (cioè, percentuale settimanale degli anticorpi completamente vaccinati o naturali). I contrassegni orizzontali di asse denotano il primo giorno del mese. Il preventivo il 4 luglio 2021 è 69,08%.

Secondo gli autori, questa è alla la valutazione più accurata e più basata non modello di immunità totale fin qui nello stato del Texas.

Questo studio non ha considerato gli intervalli di confidenza per immunità totale perché il numero delle persone vaccinate è una quantità conosciuta piuttosto che un preventivo. Tuttavia, gli intervalli di confidenza sono stati stimati nel caso del seroprevalence, che non è conosciuto o non fissato. L'esteso campione di studio ha provocato un intervallo molto piccolo per l'intervallo di confidenza di 95%.

Resistenze e limitazioni dello studio

Una delle limitazioni di questo studio è associata con le indagini sierologiche d'osservazione. Per esempio, il campione demografico non può essere una rappresentazione accurata dello stato. Ulteriormente, campionare le tendenziosità di selezione o della variabilità può accadere nella piccola durata di studio dell'indagine sierologica. Tuttavia, questa limitazione può essere corretta facendo uso di una finestra appropriata di tempo da cui parecchi fattori, quale la grandezza dell'onda dell'infezione, ecc., dipendono.

Questo studio ha considerato una restrizione isotonica ed ha supposto che il seroprevalence non diminuisse rapido in una breve durata. Questo presupposto ha annullato le emissioni per quanto riguarda la variabilità quotidiana o settimanale di campionatura.

Un forte punto di questo studio è che i ricercatori hanno considerato la variabile dell'età mentre stimano sierologica e tariffe della vaccinazione. Ciò è estremamente importante perché lo srotolamento della vaccinazione è stato basato sull'età, dove gli anziani sono stati dati la priorità. Quindi, gli autori di questo studio sono altamente ottimisti circa la loro metodologia della ricerca, che ha aiutato esattamente l'immunità di totale di preventivo.

Tuttavia, a causa dell'emergenza delle varianti SARS-CoV-2, le valutazioni di immunità richiederebbero ulteriore analisi e la ri-valutazione.

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Priyom Bose

Written by

Dr. Priyom Bose

Priyom holds a Ph.D. in Plant Biology and Biotechnology from the University of Madras, India. She is an active researcher and an experienced science writer. Priyom has also co-authored several original research articles that have been published in reputed peer-reviewed journals. She is also an avid reader and an amateur photographer.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Bose, Priyom. (2021, August 10). Nuovo preventivo di immunità totale a SARS-CoV-2 nel Texas. News-Medical. Retrieved on December 07, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210810/New-estimate-of-total-immunity-to-SARS-CoV-2-in-Texas.aspx.

  • MLA

    Bose, Priyom. "Nuovo preventivo di immunità totale a SARS-CoV-2 nel Texas". News-Medical. 07 December 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210810/New-estimate-of-total-immunity-to-SARS-CoV-2-in-Texas.aspx>.

  • Chicago

    Bose, Priyom. "Nuovo preventivo di immunità totale a SARS-CoV-2 nel Texas". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210810/New-estimate-of-total-immunity-to-SARS-CoV-2-in-Texas.aspx. (accessed December 07, 2021).

  • Harvard

    Bose, Priyom. 2021. Nuovo preventivo di immunità totale a SARS-CoV-2 nel Texas. News-Medical, viewed 07 December 2021, https://www.news-medical.net/news/20210810/New-estimate-of-total-immunity-to-SARS-CoV-2-in-Texas.aspx.