Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Posto adatto arteriolare usato dalle celle di cancro al seno per preparare per la metastasi

Più di 43.000 donne americane moriranno da cancro al seno questo anno. La maggior parte di quelle morti accadranno dopo che il cancro si è sparso ad altri organi, un trattamento chiamato metastasi. Ciò comprende almeno cinque punti importanti. Due punti iniziali sono invasione della migrazione delle cellule e della membrana basale e poi un movimento della cellula tumorale tramite la parete ed in un vaso sanguigno o in un vaso linfatico per cominciare il suo viaggio.

Esaminando i tessuti ricevitore-positivi del cancro al seno dell'estrogeno dalle donne, il recipiente Ren, M.D., il Ph.D., professore associato di chirurgia all'università di Alabama a Birmingham, ora ha trovato, per la prima volta, la prova di una posizione precedentemente inosservata per le cellule staminali di cancro al seno nel microenvironment del tumore nella fase di migrazione delle cellule. Le cellule staminali del cancro sembrano accumularsi vicino ad un'arteriola del tumore, il piccolo ramo dell'arteria appena prima i capillari.

Ren chiama questo il posto adatto arteriolare e dice che può essere un microenvironment vascolare del tumore importante per preparare le cellule tumorali per la metastasi, non solo nel cancro al seno ma anche in altri cancri altamente angiogenici quali il glioblastoma, il cancro polmonare, il melanoma maligno ed i cancri neuroendocrini pancreatici.

Cellule staminali del cancro al seno -; una sottopopolazione delle cellule tumorali -; sono il più aggressivi per la metastasi, la crescita e la farmacoresistenza.

Nello studio di Ren, pubblicato nella biologia di comunicazioni del giornale (natura), i ricercatori hanno trovato la prova dell'interferenza fra le cellule staminali di cancro al seno e le celle endoteliali arteriolari, facendo uso dell'acido/chinasi proteica lysophosphatidic D, o la via di segnalazione LPA/PKD-1. Questa via di segnalazione è stata osservata per promuovere le funzionalità della cellula staminale di cancro e lo sviluppo potenziale del posto adatto arteriolare usando i tessuti umani del cancro al seno, i modelli del cancro al seno del mouse e le celle endoteliali vascolari dai mouse e dalle colture cellulari geneticamente costruiti.

Dai loro risultati, i ricercatori propongono un modello meccanicistico. Interazioni bidirezionali -; facendo uso della segnalazione LPA/PKD-1 -; promuova la differenziazione arteriolare delle celle endoteliali all'interno del microenvironment del tumore, auto-rinnovo delle cellule staminali di cancro e progressione del cancro al seno e metastasi, regolamento differenziale diretto probabile di trascrizione CD36.

Pensiamo che questo posto adatto sia importante e può esistere in altri cancri con una crescita ricca di nuovi vasi sanguigni. Questi studi indicano che la segnalazione LPA/PKD-1 può svolgere un ruolo essenziale nella progressione del tumore e spargersi ad altri organi quali i polmoni consolidando lo sviluppo di un posto adatto arteriolare per migliorare il auto-rinnovo della cellula staminale del cancro e direttamente promuovendo le funzionalità di stemness delle cellule tumorali. L'ottimizzazione della via di segnalazione di LPA/PKD-1 CD36 può avere potenziale terapeutico di porre freno la progressione e la metastasi del tumore interrompendo il posto adatto arteriolare e efficacemente eliminando le cellule staminali del cancro.„

Recipiente Ren, M.D., Ph.D., professore associato di chirurgia, università di Alabama a Birmingham

Source:
Journal reference:

Jiang, Y., et al. (2021) Development of an arteriolar niche and self-renewal of breast cancer stem cells by lysophosphatidic acid/protein kinase D signaling. Communications Biology. doi.org/10.1038/s42003-021-02308-6.