Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

le diete Pecan-arricchite possono migliorare i livelli di colesterolo di una persona, manifestazioni di studio

Mentre la pronuncia adeguata del pecan rimane un argomento di dibattito, l'università di ricercatori della Georgia ha indicato che la frutta a guscio può migliorare drammaticamente i livelli di colesterolo di una persona.

I partecipanti a rischio della malattia cardiovascolare che ha mangiato i pecan durante l'intervento di otto settimane hanno mostrato i miglioramenti significativi in colesterolo totale, trigliceridi e lipoproteina a bassa densità (LDL), o “cattivo„ colesterolo, negli studi intrapresi dai ricercatori nell'istituto universitario di UGA delle scienze di consumatore e di famiglia.

“Questo intervento dietetico, una volta messo nel contesto degli studi differenti di intervento, riusciva estremamente,„ ha detto il bottaio di Jamie, un professore nel dipartimento di FACS delle scienze nutrizionali ed uno degli autori dello studio. “Abbiamo avuti qualche gente che realmente non è andato da avere ricco in colesterolo all'inizio dello studio più ad essere in quella categoria dopo l'intervento.„

I ricercatori hanno veduto una goccia media di 5% in colesterolo totale e fra 6% e 9% in LDL fra i partecipanti che hanno consumato i pecan.

Per il contesto, i ricercatori si sono riferiti ad una meta-analisi precedente di 51 intervento di esercizio destinato per abbassare il colesterolo che ha riferito una riduzione media di 1% in colesterolo totale e di 5% in colesterolo di LDL.

L'aggiunta dei pecan alla dieta non solo ha prodotto una maggior e considerevole riduzione in colesterolo totale e LDL confrontato a molti altri interventi di stile di vita, ma può anche essere un approccio più sostenibile per salubrità a lungo termine. Una certa ricerca indica che anche un rapporto di riproduzione di 1% di LDL è associato con una piccola riduzione del rischio della coronaropatia, in modo da queste riduzioni sono clinicamente definitivamente significative.„

Bottaio di Jamie, il professor, dipartimento di FACS delle scienze nutrizionali

I ricercatori hanno definito 52 adulti fra le età di 30 e di 75 chi erano all'elevato rischio per la malattia cardiovascolare ad uno di tre gruppi.

Un gruppo ha consumato 68 grammi o circa 470 calorie di pecan un il giorno come componente della loro dieta regolare; un secondo gruppo ha sostituito i pecan per una simile quantità di calorie dalla loro dieta abituale e un gruppo di controllo non ha consumato i pecan.

Ad otto settimane, i partecipanti hanno consumato un pasto ad alta percentuale di grassi per determinare i cambiamenti in lipidi di sangue e la quantità di glucosio, o di zucchero, nel sangue.

I lipidi digiunati di sangue hanno mostrato i simili miglioramenti fra i due gruppi del pecan mentre i trigliceridi del post-pasto sono stati diminuiti nel gruppo che ha aggiunto i pecan. il glucosio del Post-pasto è stato abbassato nel gruppo che ha sostituito i pecan.

“Se la gente li ha aggiunti o ha sostituito altri alimenti nella dieta per loro, ancora abbiamo veduto i miglioramenti e risposte abbastanza simili in colesterolo totale e colesterolo di LDL in particolare,„ ha detto il bottaio, che egualmente servisce da Direttore dell'iniziativa dell'obesità di UGA.

I ricercatori hanno indicato i beni bioactive conosciuti dei pecan per i meccanismi possibili che determinano i miglioramenti.

I pecan sono alti in acidi grassi ed in fibra sani, di cui tutt'e due sono stati collegati per abbassare il colesterolo.

Source:
Journal reference:

Guarneiri, L.L., et al. (2021) Pecan-Enriched Diets Alter Cholesterol Profiles and Triglycerides in Adults at Risk for Cardiovascular Disease in a Randomized, Controlled Trial. The Journal of Nutrition. doi.org/10.1093/jn/nxab248.