Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il dipartimento di salubrità di CUNY SPH e di NYC è sovvenzionato per studiare i injectables a lunga azione per il HIV

L'istituto della salute mentale nazionale (NIMH) ha assegnato la scuola post-laurea di CUNY della salute pubblica e criterio di integrità (CUNY SPH) ed il dipartimento di New York di salubrità e dell'igiene mentale (dipartimento di salubrità di NYC) una concessione di trenta mesi per supportare l'accesso iniettabile a lunga azione, l'assorbimento e l'aderenza di terapia del antiretroviral fra la gente con il HIV iscritto al programma bianco di Ryan HIV/AIDS (in futuro “bianco di Ryan„).

Lo studio di APPLI (valutando le percezioni e le preferenze intorno a Injectables a lunga azione) piombo dal professor distinto SPH Denis Nash di CUNY e dal Dott. Maria Irvine, Direttore della ricerca di cura e del trattamento del HIV di NYC del dipartimento di salubrità e dell'unità di valutazione, in società con sei ad agenzie mediche fondate a una del fornitore della gestione della cassa della parte bianca di Ryan in New York e nell'area della Tri Contea, che include le contee di Westchester, di Putnam e di Rockland.

Questo progetto allinea con la colonna “del trattamento„ dal ministero degli Stati Uniti dei servizi sanitari e sociali che cessano l'iniziativa epidemica del HIV (EHE) e con due degli istituti nazionali delle priorità della salubrità: diminuzione le disparità di salubrità e della ricerca di entrata in vigore sui nuovi trattamenti del HIV. Sebbene gli avanzamenti del trattamento del HIV abbiano migliorato la salubrità e la sopravvivenza per la gente che vive con il HIV in New York, razziali/etniche, relative all'età, geografiche ed altre disparità nella soppressione virale rimanga.

Le terapie iniettabili a lunga azione del antiretroviral sono un cacciagione-commutatore potenziale per la gente che vive con il HIV che ha lottato con aderenza ai regimi orali quotidiani del farmaco.„

Denis Nash, direttore esecutivo, istituto di CUNY per scienza di entrata in vigore nella salubrità della popolazione (CUNY ISPH)

Nel gennaio 2021, gli Stati Uniti Food and Drug Administration hanno approvato una combinazione iniettabile della droga del antiretroviral a lunga azione (Cabenuva), corrente limitata alla gente con il HIV che già virale è soppressa. Inoltre, i test clinici del regime che ha dimostrato la gente inclusa di efficacia soltanto che era stabile sui regimi orali quotidiani di terapia del antiretroviral e non coloro che lotta con aderenza e così possono trarre giovamento la maggior parte dalla nuova modalità del trattamento. Prevedendo l'espansione dell'eleggibilità per includere più gente che vive con il HIV, lo studio di APPLI userà la segnalazione sistematica sui clienti e sui servizi e sia la raccolta di dati qualitativa che gli esperimenti choice discreti, capire i driver dell'impegno in varie consegna ed aderenza di terapia del antiretroviral supportano le strategie nei programmi medici bianchi della gestione di caso Di parte A del Ryan di New York. Sulla base di questo lavoro formativo, i partner del gruppo di studio e del fornitore (sia clinico che non clinico) piloteranno le strategie di servizio per integrare i injectables a lunga azione come opzione del trattamento ed esplorano quanto il più bene supportare l'aderenza ed infine l'impatto di EHE, nelle impostazioni bianche nell'ambiente di cura del HIV di Ryan.

“Realmente ancora non sappiamo fattibile o accettabile questo può essere come opzione, sia ai clienti che ai loro fornitori,„ diciamo Nash. “Ma è estremamente importante da scoprire rapidamente, ottimizzare l'impatto di salute pubblica di questi avanzamenti.„

I risultati da questo studio tempestivo saranno pertinenti all'avanzamento equo, efficace e sostenibile della generazione seguente di interventi terapeutici capaci del miglioramento della cura del HIV fra la gente che vive con il HIV che ha non potuta raggiungere la soppressione virale facendo uso delle terapie precedentemente disponibili.