Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio fornisce la nuova comprensione nella trasmissione del sistema immunitario e di malattia della zanzara

Un nuovo studio che dettaglia le celle immuni della zanzara potrebbero fare luce sul sistema immunitario dell'insetto e come zanzare trasmette i parassiti che causano la malaria.

Un nuovo studio, pubblicato recentemente nel eLife pari-esaminato del giornale scientifico, identifica parecchi nuovi moduli delle celle immuni della zanzara, fornenti la nuova chiarezza nel sistema immunitario della zanzara. Le celle immuni svolgono un ruolo centrale nella risposta immunitaria delle zanzare verso i parassiti ed i virus di malaria dopo che questi agenti patogeni sono presi alimentandosi una persona infettata. È un campo di studio che ha capito male rimanente dovuto la mancanza di strumenti genetici, ha detto Ryan Smith, un professore associato dell'entomologia all'Iowa State University ed all'autore principale dello studio.

“Questi esperimenti gettano la base per una migliore comprensione di come queste celle immuni funzionano che potrebbero piombo ad un futuro quando gli esseri umani possono rendere le zanzare incapaci di trasmettere la malattia,„ Smith hanno detto.

Il nuovo studio ha utilizzato il RNA unicellulare che ordina, una tecnica relativamente nuova che permette che i ricercatori esaminino i messaggi cellulari all'interno di diverse celle, per caratterizzare le celle immuni della zanzara, conosciute come i hemocytes. Lo studio ha trovato complessità di manifestazione dei hemocytes della zanzara la maggior che precedentemente ha pensato, prova di differenziazione delle cellule e che alcune celle possano anche subire un trattamento di maturazione. Gli autori egualmente hanno fornito l'analisi comparativa agli studi unicellulari in altri sistemi dell'insetto, evidenziando le similarità e le differenze importanti fra le zanzare ed altri insetti. Il nuovo studio è un primo punto importante per prospezione futura del sistema immunitario della zanzara, in grado di essere importante per il guadagno della comprensione migliore di come le zanzare trasmettono gli agenti patogeni, quali i parassiti di malaria, agli esseri umani attraverso il loro morso.

C'è un grande organismo di prova che suggerisce che le celle immuni delle zanzare siano realmente critiche alla loro capacità di trasmettere la malattia. Da quella prospettiva, realmente non abbiamo saputo molto circa l'aspetto molecolare di cui quelle celle immuni assomigliano.„

Ryan Smith, professore associato di entomologia, Iowa State University

La prova precedente suggerisce le vie mediate di malattia delle cellule immuni in zanzare ed i ruoli vitali del gioco nei parassiti di malaria di uccisione nelle fasi di multiplo nel host della zanzara. Il nuovo studio colloca la fase per la ricerca futura puntata su rispondendo a quelle domande, ha detto.

Smith anche prevede un futuro, sebbene sia ancora anni di distanza, quando questa riga di ricerca potrebbe piombo alla produzione delle zanzare geneticamente modificate alle popolazioni sicure delle cellule immuni dei overexpress che diminuiscono la capacità di una zanzara di trasmettere gli agenti patogeni che causano la malattia trasmessa dalle zanzare. Queste zanzare resistenti hanno potuto poi essere presentate nelle popolazioni selvagge della zanzara per crescere e spargere questi tratti genetici. Il risultato potrebbe essere popolazioni della zanzara che sono meno probabili spargere la malattia agli esseri umani, sebbene le avvertenze di Smith fosse tutto il puramente teorico a questo punto.

Il finanziamento per lo studio è venuto dalla società svedese per ricerca medica, dal consiglio della ricerca svedese e dall'istituto nazionale dell'allergia e delle malattie infettive. I co-author di Smith includono il Hyeog-Sun Kwon allo stato dello Iowa; Mubasher Mohammed e Johan Ankarklev dell'università di Stoccolma, Svezia; ed Oscar Franzen dell'istituto di Karolinska, Svezia. Il supporto supplementare del progetto è venuto da Rick Masonbrink e da Andrew Severin dalla funzione dell'informatica del genoma dello stato dello Iowa.

Source:
Journal reference:

Kwon, H., et al. (2021) Single-cell analysis of mosquito hemocytes identifies signatures of immune cell subtypes and cell differentiation. eLife. doi.org/10.7554/eLife.66192.