Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio può aprire la strada affinchè le nuove strategie del trattamento limiti la progressione dei tumori solidi

I ricercatori all'università di facoltà di British Columbia di medicina e BC istituto di ricerca sul cancro hanno scoperto una debolezza in un enzima chiave che le cellule tumorali solide del tumore contano sopra per adattarsi e sopravvivere a quando i livelli dell'ossigeno sono bassi.

I risultati, pubblicati oggi nella scienza avanza, aiuteranno i ricercatori a sviluppare le nuove strategie del trattamento per limitare la progressione dei tumori solidi del cancro, che rappresentano la maggior parte dei tipi del tumore che sorgono nell'organismo.

I tumori solidi contano sull'offerta di sangue per consegnare l'ossigeno e le sostanze nutrienti per aiutarli per svilupparsi. Poichè i tumori avanzano, questi vasi sanguigni non possono fornire l'ossigeno e le sostanze nutrienti ad ogni parte del tumore, che provoca le aree di ossigeno basso. Col passare del tempo, questo ambiente dell'basso ossigeno piombo ad un'accumulazione di acido dentro le celle del tumore.

Per sormontare questo sforzo, le celle si adattano liberando gli enzimi che neutralizzano gli stati acidi del loro ambiente, permettendo che le celle non solo sopravvivano a, ma infine che si trasformano in in un modulo più aggressivo del tumore capace di diffusione ad altri organi. Uno di questi enzimi è chiamato Carbonic Anhydrase IX (CAIX).

“Le cellule tumorali dipendono dall'enzima di CAIX per sopravvivere a, che infine gli rende il loro “tallone d'Achille. “Inibendo la sua attività, possiamo efficacemente fermare le celle dalla crescita,„ spieghiamo il Dott. senior Shoukat Dedhar, professore dell'autore dello studio nella facoltà di UBC del dipartimento della medicina della biochimica e dello scienziato distinto molecolare e di biologia BC a Cancro.

Il Dott. Dedhar e colleghi precedentemente ha identificato un composto unico, conosciuto come SLC-0111-; corrente essendo valutando nelle prove cliniche di fase 1; come inibitore potente dell'enzima di CAIX. Mentre i modelli del petto, pancreatici preclinici e dei tumori al cervello hanno dimostrato l'efficacia di questo composto nella soppressione la crescita e della diffusione del tumore, altri beni cellulari diminuiscono la sua efficacia.

In questo studio, il gruppo di ricerca, che Dott. incluso Shawn Chafe, un socio di ricerca nel laboratorio di Dott. Dedhar, insieme a Dott. Franco Vizeacoumar e colleghi dall'università di Saskatchewan, precisata per esaminare questi beni cellulari e per identificare altre debolezze dell'enzima di CAIX facendo uso di uno strumento potente conosciuto come uno schermo letale sintetico genoma di ampiezza. Questo strumento esamina la genetica di una cellula tumorale e sistematicamente cancella un gene per volta per determinare se una cellula tumorale può essere uccisa eliminando l'enzima di CAIX insieme ad un altro gene specifico.

Secondo il Dott. Dedhar, i risultati del loro esame erano sorprendenti ed il punto ad un ruolo inatteso delle proteine e dei trattamenti che gestiscono un modulo della morte delle cellule ha chiamato il ferroptosis. Questo modulo della morte delle cellule accade quando il ferro si accumula ed indebolisce il metabolismo e le membrane cellulari del tumore.

Ora sappiamo che l'enzima di CAIX blocca le cellule tumorali dalla morte come conseguenza del ferroptosis. Combinando gli inibitori di CAIX, compreso SLC-0111, con i composti conosciuti per determinare il ferroptosis provoca la morte catastrofica delle cellule e debilita la crescita del tumore.„

Dott. Shoukat Dedhar, il professor, università di British Columbia

C'è corrente un grande sforzo internazionale in corso identificare le droghe che possono indurre il ferroptosis. Questo studio è un passo avanti importante in questa ricerca.

Source:
Journal reference:

Chafe, S.C., et al. (2021) Genome-wide synthetic lethal screen unveils novel CAIX-NFS1/xCT axis as a targetable vulnerability in hypoxic solid tumors. Science Advances. doi.org/10.1126/sciadv.abj0364.