Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le prove genetiche possono fornire una migliore maschera del rischio della malattia cardiovascolare che le analisi del sangue

La determinazione del gruppo sanguigno di una persona basato sulle prove genetiche invece delle analisi del sangue soltanto tradizionali può fornire una migliore maschera del rischio di malattie cardiovascolari. Se un paziente ha due varianti genetiche di A, della B o dell'ab, il rischio è due volte massimo rispetto a se uno è O. Ciò è l'individuazione di uno studio nuovo dall'università di Upsala facendo uso dei dati dal Biobank BRITANNICO.

C'è una grande differenza per il rischio per i coaguli di sangue, secondo se qualcuno ha una o due variante genetica dei gruppi sanguigni A, l'ab o B. Simply messo, là è due volte il rischio di sofferenza dai coaguli di sangue se avete due varianti di A o della B piuttosto che appena una.„

Julia Höglund, studente di laurea, dipartimento di immunologia, la genetica e patologia, università di Upsala ed autore dello studio il primo


Una persona può avere uno di quattro gruppi sanguigni: A, B, ab o O. Il gruppo sanguigno di una persona è critico, per esempio quando riceve le trasfusioni di sangue. Recentemente, è stato indicato che il gruppo sanguigno egualmente svolge un ruolo in come una persona è infettata dai virus e dai batteri e perfino per l'avvenimento delle malattie cardiovascolari e del cancro.

Lo studio ora che è pubblicato indica che le varianti che genetiche una persona riceve da ciascuno dei loro genitori egualmente influenzano il rischio di malattia. Lo studio è basato sui dati da 500.000 oggetti inclusi nel Biobank del Regno Unito di studio di popolazione. I ricercatori hanno condotto un'analisi più approfondita della genetica dietro i gruppi sanguigni.

Come la ricerca precedente, questo studio indica che le persone con il gruppo sanguigno O sono ad un più a basso rischio della malattia cardiovascolare, quali i coaguli di sangue, che quelli che hanno altri gruppi sanguigni. Ma geneticamente analizzando i gruppi sanguigni piuttosto che facendo uso di analisi del sangue tradizionale, che è fatta facendo uso delle prove dell'anticorpo, i ricercatori potrebbero determinare quale variante genetica una persona ha avuta da ogni genitore. Ciò può essere significativa nell'identificazione delle malattie poiché una persona con il gruppo sanguigno A può avere due varianti genetiche per A o una per A ed una per il O.

“Questo non è individuato in un'analisi del sangue regolare sia da A che la B maschera il gene della O. Le varianti genetiche di una persona svolgono un grande ruolo nel rischio per le malattie cardiovascolari. Se questo fosse il metodo standard impiegato con i pazienti, migliorerebbe significativamente la capacità di trovare i pazienti ad alto rischio,„ dice Höglund.

Un altro che trova dallo studio è che i ricercatori potrebbero vedere che i livelli per le proteine multiple hanno differito fra le persone con differenti gruppi sanguigni. L'esempio più chiaro di questo era proteine che aiutano il sangue a coagulare. Gli stessi gruppi sanguigni che aumentano il rischio di coaguli di sangue egualmente avevano aumentato i livelli di proteine che sono importanti per la coagulazione di sangue.

“I nostri risultati mostrano quello rendendolo standard per determinare il gruppo sanguigno del paziente e la genetica del gruppo sanguigno, noi potrebbero scoprire e cominciare a trattare le malattie ad una fase iniziale, che può impedire o ritardare le complicazioni serie.„

Source:
Journal reference:

Höglund, J., et al. (2021) Characterization of the human ABO genotypes and their association to common inflammatory and cardiovascular diseases in the UK Biobank. American Journal of Hematology. doi.org/10.1002/ajh.26307.