Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio usa la tecnologia novella per mappare i circuiti del cervello di spiritualità

Gli scienziati lungamente hanno sospettato che la religiosità e la spiritualità potrebbero essere mappate ai circuiti specifici del cervello, ma la posizione di quei circuiti rimane sconosciuta. Ora, un nuovo studio facendo uso della tecnologia novella e il connectome umano, una mappa delle connessioni neurali, ha identificato un circuito del cervello che sembra mediare quell'aspetto della nostra personalità. Il lavoro compare in psichiatria biologica, pubblicata da Elsevier.

Lo studio, piombo da Michael Ferguson, PhD, un ricercatore nel centro per terapeutica del circuito del cervello a Brigham ed all'ospedale delle donne, Boston, il mA, U.S.A., indica che i circuiti del cervello dei centri di spiritualità intorno ad un'area del tronco cerebrale hanno chiamato il gray periaqueductal (PAG).

“I pazienti riferiscono ordinariamente che le esperienze spirituali e religiose sono fra i loro curriculum personali più significativi. Eppure la scienza medica è stata storicamente timida circa empiricamente lo studio degli impatti di spiritualità o i sui meccanismi fisiologici, il Dott. Ferguson hanno detto.

Ora, ad un momento di apertura culturale sufficiente nella scienza siamo accoppiati con competenza tecnologica della soglia in cervello che mappiamo che non dovremo essere così timidi più circa spiritualità d'esame facendo uso dei nostri migliori metodi scientifici.„

Michael Ferguson, ricercatore, centro per terapeutica del circuito del cervello, Brigham e l'ospedale delle donne

Qualche gente con le malattie neurologiche quale la schizofrenia avverte le allucinazioni o le ideazioni che sono religiose o spirituali in natura. E gli studi precedenti hanno indicato che la gente con certo tipo di epilessia o con danno nelle aree specifiche del cervello potrebbe avvertire le alterazioni nella loro identificazione spirituale. La ricerca più iniziale egualmente ha indicato che le esperienze religiose non sono il prodotto di una regione particolare del cervello - che c'è “punto del dio„ non cosiddetto - ma che la spiritualità probabilmente risulta da attività dinamica attraverso le regioni multiple del cervello.

Per mappare il circuito recentemente trovato del cervello, il Dott. Ferguson ed i colleghi esaminati precedentemente hanno raccolto i dati circa spiritualità auto-riferita da 88 pazienti prima e dopo subire la chirurgia per un tumore cerebrale. I ricercatori poi hanno usato una tecnica chiamata la rete della lesione che mappa per analizzare come il sito della lesione di ogni paziente, o il tumore, interagisce con il resto del cervello facendo uso di un gruppo di dati del connectome. Quell'analisi ha rivelato il PAG come hub critico ai cambiamenti nell'identificazione spirituale. Il Dott. Ferguson ed il gruppo poi ha confermato l'importanza del PAG analizzando i dati precedentemente raccolti da 105 veterani della guerra del vietnam che ha avvertito il trauma capo.

Il PAG è una struttura evolutionarily vecchia del cervello conosciuta per i sui ruoli nei comportamenti di risposta di timore e nelle funzioni autonome quale la frequenza cardiaca di regolamentazione. Il PAG è forse più noto (e studiato) per il suo ruolo nel dolore d'inumidimento avviando la versione degli opioidi endogeni, i propri antidolorifici del cervello.

Il Dott. Ferguson ed i suoi colleghi è stato sorpreso trovare i circuiti di spiritualità concentrati sul PAG, piuttosto che “più su„ le regioni del cervello quale la corteccia, che è associata solitamente con la funzione conoscitiva ed i pensieri astratti.

Il Dott. Ferguson ha aggiunto: “Il fatto che i nostri risultati in questo punto di studio ad una struttura evolutionarily antica del tronco cerebrale per definire un circuito per spiritualità è potenzialmente significativi per una litania delle ragioni. Fra le ragioni più immediatamente materiali è che [PAG] è ben noto mediare l'inibizione di dolore. Ciò piombo a curiosità circa i modi che la spiritualità potrebbe essere clinicamente pertinente per l'aiuto gestisce il dolore fisico ed emozionale.

“Il fatto che [PAG] egualmente è compreso in collegamento e nel legame può anche suggerire le spiegazioni meccanicistiche per l'osservazione emergente che la spiritualità possa efficacemente essere integrata in psicoterapia. Queste sono presto naturalmente le speculazioni circa pertinenza clinica possibile per la neuroscienza di spiritualità; il fatto, sebbene, che c'è così tanto più lavoro da fare in questa area sia tonificante e motivante!„

John Krystal, MD, editore della psichiatria biologica, ha detto del lavoro: “È importante capire che questo studio non suggerisca che la religione o la spiritualità in gente in buona salute sia in tutti i modi anormale. Piuttosto, questo studio identifica i circuiti nel cervello che ci permettono di avere esperienze religiose o spirituali. I ricercatori lungamente hanno ritenuto questi circuiti per esistere, perché alcune malattie mentali e neurologiche possono essere associate con le alterazioni nelle esperienze religiose, quali le allucinazioni o i delirii religiosi. Tuttavia, lo studio dal Dott. Ferguson e colleghi ora mappa i circuiti del cervello in questione nell'esperienza e nella spiritualità religiose con nuova precisione.„

Source:
Journal reference:

Ferguson, M. A., et al. (2021) A Neural Circuit for Spirituality and Religiosity Derived From Patients With Brain Lesions. Biological Psychiatry. doi.org/10.1016/j.biopsych.2021.06.016.