Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il tradimento delle cellule immuni rende i mouse di invecchiamento meno tolleranti delle temperature fredde

L'evoluzione umana ci ha fornito un livello di protezione dalla minaccia esistenziale della temperatura fredda la capacità di produrre il calore da grasso memorizzato nell'organismo. Tuttavia, con l'età, la gente diventa più suscettibile del freddo come pure infiammazione e problemi metabolici che possono piombo ad una miriade di malattie croniche.

I ricercatori a Yale ed all'università di California-San Francisco (UCSF) hanno trovato un colpevole in questo trattamento - le stesse celle immuni all'interno di grasso che sono destinate per proteggerci dalle temperature fredde.

In un nuovo studio, trovano che il tessuto grasso di più vecchi mouse perde le celle linfoidi innate del gruppo 2 delle cellule immuni (ILC2) che riparano il calore dell'organismo nella presenza di temperature fredde. Ma in un racconto ammonitore per quei trattamenti facili di ricerca per le malattie di invecchiamento, egualmente hanno trovato che quella la produzione di stimolazione di nuove celle ILC2 in mouse di invecchiamento realmente rende loro da a morte indotta da fredda più incline.

“Che cosa è buono per voi quando siete giovane, può diventare nocivo a voi poichè invecchiate,„ ha detto Vishwa in profondità dixit, il Waldemar Von Zedtwitz Professore di medicina comparativa e del Immunobiology e dell'autore co-corrispondente dello studio.

I risultati sono il 1 settembre pubblicato nel metabolismo delle cellule del giornale.

Dixit ed il suo ex collega Emily Goldberg, ora un assistente universitario a UCSF, era curioso circa perché il tessuto grasso harbors le celle di sistema immunitario, che sono concentrate solitamente nelle aree esposte spesso agli agenti patogeni come i passaggi nasali, polmoni e interfaccia. Quando hanno ordinato i geni dalle celle di vecchi e giovani mouse hanno trovato che i più vecchi animali mancavano ILC2 delle celle, un deficit che ha limitato la loro capacità di bruciare il grasso e sollevare la loro temperatura corporea nelle circostanze fredde.

Quando gli scienziati hanno presentato una molecola che amplifica la produzione di ILC2 in mouse di invecchiamento, le celle di sistema immunitario sono state riparate ma i mouse erano sorprendente ancor meno tolleranti delle temperature fredde.

Il presupposto semplice è che se ripariamo qualcosa che sia perso, quindi egualmente stiamo andando riparare la vita di nuovo al normale. Ma quello non è che cosa è accaduto. Invece di ampliamento delle celle in buona salute della gioventù, il fattore di crescita ha finito moltiplicando le cattive celle ILC2 che sono rimanere in grasso di vecchi mouse.„

Vishwa in profondità dixit, il Waldemar Von Zedtwitz il professor di medicina comparativa e del Immunobiology

Ma quando i ricercatori hanno catturato le celle ILC2 dai più giovani mouse e li hanno trapiantati nei più vecchi mouse, hanno trovato, la capacità dei più vecchi animali di tollerare il freddo sono stati riparati.

“Le celle immuni svolgono un ruolo oltre appena la difesa dell'agente patogeno e contribuiscono a mantenere le funzioni metaboliche normali di vita,„ dixit ha detto. “Con l'età, il sistema immunitario già è cambiato e dobbiamo stare attenti come lo manipoliamo per riparare la salubrità degli anziani.„

Source:
Journal reference:

Goldberg, E.L., et al. (2021) IL-33 causes thermogenic failure in aging by expanding dysfunctional adipose ILC2. Cell Metabolism. doi.org/10.1016/j.cmet.2021.08.004.