Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I deficit di perdita di sonno persistono anche dopo i 7 giorni del ripristino

Dopo i 7 giorni del ripristino a partire da un periodo di dieci giorni di sonno carente, i partecipanti ad un piccolo studio avevano recuperato la loro velocità della reazione della privazione di pre-sonno, ma completamente non avevano recuperato su alcune altre misure della funzione. Jeremi Ochab dell'università Jagellonica in Kraków, la Polonia ed i colleghi presentano il 1° settembre 2021 questi risultati nel giornale PLOS UNO di aperto Access.

La carenza di sonno è ben nota urtare negativamente il funzionamento umano. Per esempio, è associata con i deficit nell'attenzione e nella memoria come pure il rischio aumentato di incidenti stradali, di problemi del cuore e di altre emissioni mediche. Tuttavia, mentre una certa ricerca ha indirizzato il ripristino dopo che cronico dorme la privazione, è stata poco chiara quanto tempo è necessario completamente recuperare a partire dai periodi prolungati di sonno carente.

Per fare più indicatore luminoso su questo argomento, Ochab ed i colleghi hanno intrapreso i piccoli studi con parecchi adulti in buona salute che hanno subito i 10 giorni della restrizione utile di sonno seguita dai 7 giorni di ripristino di sonno senza restrizione. I partecipanti hanno terminato lo studio nei loro ambienti quotidiani normali ed hanno indossato i sensori della manopola per riflettere i reticoli quotidiani di sonno e di attività. Egualmente hanno subito l'elettroencefalografia quotidiana (EEG) per riflettere l'attività di cervello ed hanno risposto alle domande quotidiane (mansioni di Stroop) ai tempi di reazione ed all'accuratezza della misura.

Dopo i 7 giorni del ripristino, i partecipanti ancora non avevano ritornato alla prestazione della privazione di pre-sonno sulla maggior parte delle misure di funzionamento. Questi hanno compreso parecchie misure di elettroencefalogramma di attività di cervello, dei reticoli di resto-contro-attività catturati dai sensori della manopola e dell'accuratezza sulle mansioni di Stroop. Soltanto i loro tempi di reazione avevano recuperato ai livelli del riferimento.

Mentre i ricercatori notano che è difficile da paragonare questi risultati ad altri studi che hanno impiegato i metodi differenti, i risultati contribuiscono le nuove comprensioni nel ripristino da perdita di sonno cronica. La ricerca futura potrebbe espandersi ad un maggior numero dei partecipanti, studiare i periodi più lunghi di ripristino e districare l'ordine in cui le funzioni differenti ritornano al normale.

Gli autori aggiungono: “L'indagine sul trattamento di ripristino dopo un periodo esteso di restrizione di sonno rivela che le differenze in comportamentistico, in motore e nelle risposte neurofisiologiche sia a perdita che al ripristino di sonno.„

Source:
Journal reference:

Ochab, J.K., et al. (2021) Observing changes in human functioning during induced sleep deficiency and recovery periods. PLoS ONE. doi.org/10.1371/journal.pone.0255771.