Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo sguardo fisso reciproco con un robot pregiudica l'attività neurale umana, ritrovamenti della ricerca

Lo sguardo fisso è un segnale estremamente potente ed importante durante la comunicazione umano-umana e l'interazione, trasportanti le intenzioni ed informanti circa altre decisioni. Che cosa accade quando un robot e un interattivo umano esaminandose?

Ricercatori a IIT-Istituto Italiano di Tecnologia (istituto di tecnologia italiano) esaminatore se lo sguardo fisso di un robot di umanoide influenza la ragione della gente di modo in un contesto decisionale sociale. Che cosa hanno trovato è che uno sguardo fisso reciproco con un robot pregiudica l'attività neurale umana, influenzante i processi decisionali, in particolare ritardante li.

Quindi, uno sguardo fisso del robot porta gli esseri umani percepirlo come segnale sociale. Questi risultati hanno forti implicazioni per i contesti dove gli umanoidi possono trovare le applicazioni quali i colleghe, il supporto clinico, o gli assistenti nazionali.

Lo studio, pubblicato oggi in robotica di scienza, è stato concepito nel quadro di più grande progetto overarching piombo da Agnieszka Wykowska, coordinatore del laboratorio “cognizione sociale di IIT nell'interazione del Umano-Robot„ e costituito un fondo per dal consiglio della ricerca europeo (ERC). Il progetto, chiamato “istanza„, rivolge la domanda di quando e sotto che gente di circostanze tratta i robot come esseri intenzionali. Cioè se, per spiegare ed interpretare il comportamento di un robot, la gente si riferisce agli stati mentali quali le credenze o i desideri.

Gli autori della pubblicazione sono Marwen Belkaid, Kyveli Kompatsiari, Davide de Tommaso, Ingrid Zablith e Agnieszka Wykowska.

Nella maggior parte delle situazioni di vita di tutti i giorni, il cervello umano deve impegnarsi non solo nel prendere le decisioni ma anche nel prevedere e nella predizione del comportamento di altri. In tali contesti, guardi fisso può essere altamente informativo circa altri intenzioni, scopi e decisioni imminenti. Gli esseri umani prestano attenzione agli occhi di altri ed il cervello reagisce molto forte quando qualcuno le esamina o dirige lo sguardo fisso verso un determinato evento o la posizione nell'ambiente. I ricercatori hanno studiato questo genere di interazione con un robot.

I robot saranno sempre più presenti nella nostra vita di tutti i giorni. Ecco perché è importante capire non solo gli aspetti tecnologici di progettazione del robot, ma anche il lato umano dell'interazione del umano-robot. Specificamente, è importante capire come il cervello umano elabora i segnali comportamentistici trasportati dai robot„.

Agnieszka Wykowska, studia l'autore senior ed il ricercatore principale, istituto di tecnologia italiano

Wykowska ed il suo gruppo di ricerca hanno chiesto ad un gruppo di 40 partecipanti di giocare un gioco strategico - la cacciagione di pollo - con il iCub mentre hanno misurato il comportamento e l'attività neurale dei partecipanti, l'ultimo del robot per mezzo di elettroencefalografia (EEG). La cacciagione è strategica, descrivendo una situazione in cui due autisti delle automobili simulate avanzano verso a vicenda su una rotta di collisione ed il risultato dipende sopra se i giocatori rendono o continuano andare diritto.

I ricercatori hanno trovato che i partecipanti erano più lenti rispondere quando il iCub ha stabilito lo sguardo fisso reciproco durante il processo decisionale, riguardante lo sguardo fisso evitato. Le risposte in ritardo si permettono di suggerire che lo sguardo fisso reciproco abbia comportato un più alto sforzo conoscitivo, per esempio suscitando più ragionamento circa le scelte dei iCub o un più alto grado di soppressione potenzialmente del distrarre lo stimolo di sguardo fisso, che era irrilevante al compito.

“Pensi a giocare il poker con un robot. Se il robot vi esamina durante il momento che dovete prendere una decisione sulla prossima tappa, vi divertirete nel prendere una decisione, riguardante una situazione quando il robot guarda fisso via. Il vostro cervello egualmente dovrà impiegare effortful ed i trattamenti costosi da provare “trascurano„ quello sguardo fisso del robot„ spiega ulteriore Wykowska.

Questi risultati indicano che lo sguardo fisso del robot “dirotta„ i meccanismi “socio-conoscitivi„ del cervello umano - facendo il cervello risponda al robot come se sia stato un agente sociale. In questo senso, “essere sociale„ per un robot potrebbe essere non sempre utile per gli esseri umani, interferendo con velocità la loro prestazione e di processo decisionale, anche se la loro interazione reciproca è piacevole ed impegnarsi.

Wykowska ed il suo gruppo di ricerca sperano che questi risultati abbiano aiutato i robot di progettazione di roboticists che esibiscono il comportamento che è la maggior parte appropriati per un contesto specifico di un'applicazione. Gli umanoidi con i comportamenti sociali possono essere utili nell'assistenza negli anziani o nell'assistenza all'infanzia di cura, come nel caso del robot del iCub, fa parte della terapia sperimentale nel trattamento di autismo. D'altra parte, quando il fuoco sul compito è necessario, come nelle impostazioni della fabbrica o in controllo del traffico aereo, la presenza di robot con i segnali sociali potrebbe distrarre.

Source:
Journal reference:

Belkaid, M., et al. (2021) Mutual gaze with a robot affects human neural activity and delays decision-making processes. Science Robotics. doi.org/10.1126/scirobotics.abc5044.