Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Una valutazione della risposta immunitaria di post-vaccinazione al delta SARS-CoV-2 in anziani e nei lavoratori di sanità

Gli scienziati attraverso il globo hanno lavorato alla velocità record per sviluppare i vaccini contro la sindrome respiratorio acuto severo coronavirus-2 (SARS-CoV-2), che è il virus responsabile della malattia 2019 (COVID-19) di coronavirus.

alcuni di questi vaccini hanno ricevuto l'autorizzazione di uso di emergenza (EUA) dai numerosi enti competenti, che ha tenuto conto l'inizio dei programmi di vaccinazione in molti paesi intorno al mondo. Uno dei vaccini basati ribonucleici dell'acido del messaggero approvato (mRNA) è BNT162b2, che è stato riferito per essere altamente efficace contro la malattia sintomatica COVID-19.

Studio: Immunizzazione a lungo termine della vaccinazione BNT162b2 negli anziani e nei più giovani lavoratori di sanità. Credito di immagine: Yuganov Konstantin/Shutterstock.com

Sfondo

Gli studi recenti hanno rivelato che da anticorpi indotti da vaccino sono rimanere stabili per circa sei mesi. Fin qui, tutti vaccini che le u.c.e. ricevute sono state sviluppate contro la proteina della punta (s) dello sforzo originale SARS-CoV-2.

A causa della capacità di questo virus di subire una mutazione frequentemente, parecchie varianti SARS-CoV-2 sono emerso. Queste varianti sono state classificate come qualsiasi varianti di interesse (VoI) e varianti di preoccupazione (VoC) secondo la loro virulenza e tariffa della trasmissione.

L'emergenza delle varianti SARS-CoV-2, particolarmente la variante di delta, ha messo in discussione l'efficacia di molti vaccini. Gli scienziati hanno rivelato che i gruppi vulnerabili quali gli anziani che sono stati vaccinati facendo uso del vaccino BNT162b2 sono ad un elevato rischio di contratto della variante di delta SARS-CoV-2 rispetto ai più giovani adulti.

Molti studi hanno riferito un impulso nella tariffa di COVID-19, particolarmente dovuto lo sforzo di circolazione dominante di delta, in popolazioni altamente vaccinate. Questi rapporti hanno spinto le autorità in parecchi paesi, quali gli Stati Uniti, Israele e la Germania, a discutere l'efficacia di una terza dose di richiamo alle popolazioni pazienti vulnerabili, come quelle sopra l'età di 60.

Un nuovo studio

Poiché il sostentamento da di immunità indotta da vaccino negli anziani non è chiaro, i nuovi studi del gruppo che confrontano le risposte immunitarie fra le persone ed i lavoratori anziani vaccinati di sanità (HCW) sono stati intrapresi. Gli autori di questo studiano, che è disponibile sul " server " della pubblicazione preliminare del medRxiv*, hanno determinato le risposte immunitarie sei mesi dopo la prima vaccinazione con BNT162b2.

In questo studio, sei mesi di visite di seguito sono stati completati per 107 HCW, di cui l'età media è stata valutata di 35 anni come pure 82 persone anziane di cui l'età media era di 82,5 anni. Negli entrambi gruppi di studio, le femmine erano nella maggioranza.

Gli autori di questo studio hanno escluso i partecipanti che hanno contrattato COVID-19, come confermato da reazione a catena inversa-transcriptase della polimerasi (RT-PCR), dopo la ricezione della prima o seconda dose del vaccino BNT162b2.

Risultati di studio

Lo studio corrente ha rivelato che le tariffe della sieropositività di anti-SARS-CoV-2 (IgG) S1-immunoglobulin G sono diminuito nel gruppo anziano rispetto al gruppo di HCW sei mesi di post-vaccinazione. I ricercatori egualmente hanno trovato che l'abbassamento dei livelli anti--RBD e anti-pieni di S-IgG nei sieri del gruppo anziano era più pronunciato di HCWs. Lo studio corrente egualmente riferisce una diminuzione significativa nei titoli sostitutivi di neutralizzazione (sVNT) del virus fra gli anziani a 56% rispetto a 88,1.

Nello studio corrente, i ricercatori hanno usato la prova di neutralizzazione di pseudovirus (pNT) per determinare la neutralizzazione della post-vaccinazione di variante di delta. Hanno rivelato un declino sostanziale di neutralizzazione del siero della variante di delta due mesi dopo che gli oggetti hanno ricevuto la prima dose del vaccino e di quattro settimane dopo la seconda dose.

In 60,6% del gruppo vaccinato gli anziani, la neutralizzazione del siero della variante di delta è stata osservata sei mesi dopo la vaccinazione. Tuttavia, questo non era il caso nel più giovane gruppo di studio che contiene HCWs, in cui 95,2% del gruppo di HCW potrebbero neutralizzare gli stessi sei mesi variabili di post-vaccinazione.

Questo studio egualmente ha valutato la neutralizzazione di alfa variante negli stessi gruppi. A questo scopo, 95,2% di HCWs e 69,0% del gruppo anziano hanno potuto neutralizzare l'alfa variante sei mesi che seguono la vaccinazione completa BNT162b2. Come previsto, i titoli di neutralizzazione medi per sia le varianti di delta che dell'alfa sono stati diminuiti significativamente nel gruppo anziano rispetto a più giovane HCWs.

(A) Anti-SARS-CoV-2 N, (B) RBD- (C) e la interamente punta IgG misurato nel siero di BNT162b2 hanno vaccinato HCW e le persone anziane sei mesi dopo la prima vaccinazione. (D) la capacità di neutralizzazione è stata misurata da sVNT e (E) neutralizzazione del siero contro il COV dell'alfa (B.1.1.7) individuato da pNT in HCW vaccinato ed in persone anziane sei mesi dopo la prima vaccinazione. (F) capacità obbligatoria del siero IgG contro sei RBDs differenti delle varianti SARS-CoV-2 che portano le mutazioni indicate in HCW ed in anziani, misurati da ELISA. Le linee punteggiate indicano i valori di soglia del produttore: per la punta anti--N, anti--RBD e anti-piena IgG ≥1 S/Co, per sVNT >30% ed il limite di rilevazione più basso (diluizione di 1:10) per pNT. Le righe indicano la differenza mediana ed interquartile eccezione fatta per pNT, in cui la media geometrica e l'intervallo di confidenza di 95% sono indicati. I valori di P sono stati calcolati dalla prova non parametrale di Mann-Whitney U o Kruskal-Wallis provano con la prova di confronti multipla di Dunn. S/Co: segnale--taglio, N: proteina del nucleocapsid, RBD: dominio dell'ricevitore-associazione, sVNT: prova di neutralizzazione sostitutiva del virus, ACE2: enzima di conversione dell'angiotensina 2, ID50: diluizione di inibizione di 50%.

Gli scienziati hanno osservato che l'emergenza delle varianti virali che contengono le mutazioni gradisce E484K, che causano l'evasione dalle delle risposte immunitarie indotte da vaccino o delle risposte immunitarie dovuto l'infezione naturale COVID-19, ulteriormente diminuirebbero l'immunità fra il gruppo di vecchiaia.

Nel gruppo anziano, i ricercatori hanno trovato una riduzione della capacità obbligatoria degli anticorpi del siero a RBDs che contiene le mutazioni quali K417N/T, L425R, T478K, E484K/Q, N501Y e E484Q. Queste mutazioni sono presenti in sei varianti conosciute SARS-CoV-2, quindi indicanti che il gruppo anziano vaccinato è ancora altamente suscettibile di COVID-19.

Tuttavia, questa riduzione della capacità obbligatoria non è stata osservata del gruppo di HCW. La ricerca corrente egualmente ha rivelato una riduzione della reattività a cellula T SARS-CoV-2-S1 negli anziani una volta confrontata a HCWs.

Conclusione

Gli autori dello studio corrente hanno indicato calare significativo delle risposte immunitarie indotte via la vaccinazione COVID-19 negli anziani. Tuttavia, la capacità di neutralizzazione ancora è stata individuata dopo sei mesi della vaccinazione iniziale nel più giovane gruppo di HCWs.

Questo studio ha mostrato una riduzione significativa degli indicatori dell'immunizzazione nei sei mesi anziani di post-vaccinazione. Egualmente ha fornito la prova che un regime della vaccinazione della due-dose induce una risposta immunitaria meno stabile nel gruppo anziano rispetto ai più giovani gruppi.

avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Priyom Bose

Written by

Dr. Priyom Bose

Priyom holds a Ph.D. in Plant Biology and Biotechnology from the University of Madras, India. She is an active researcher and an experienced science writer. Priyom has also co-authored several original research articles that have been published in reputed peer-reviewed journals. She is also an avid reader and an amateur photographer.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Bose, Priyom. (2021, September 02). Una valutazione della risposta immunitaria di post-vaccinazione al delta SARS-CoV-2 in anziani e nei lavoratori di sanità. News-Medical. Retrieved on November 29, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210902/An-assessment-of-post-vaccination-immune-response-to-SARS-CoV-2-Delta-in-elderly-and-health-care-workers.aspx.

  • MLA

    Bose, Priyom. "Una valutazione della risposta immunitaria di post-vaccinazione al delta SARS-CoV-2 in anziani e nei lavoratori di sanità". News-Medical. 29 November 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210902/An-assessment-of-post-vaccination-immune-response-to-SARS-CoV-2-Delta-in-elderly-and-health-care-workers.aspx>.

  • Chicago

    Bose, Priyom. "Una valutazione della risposta immunitaria di post-vaccinazione al delta SARS-CoV-2 in anziani e nei lavoratori di sanità". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210902/An-assessment-of-post-vaccination-immune-response-to-SARS-CoV-2-Delta-in-elderly-and-health-care-workers.aspx. (accessed November 29, 2021).

  • Harvard

    Bose, Priyom. 2021. Una valutazione della risposta immunitaria di post-vaccinazione al delta SARS-CoV-2 in anziani e nei lavoratori di sanità. News-Medical, viewed 29 November 2021, https://www.news-medical.net/news/20210902/An-assessment-of-post-vaccination-immune-response-to-SARS-CoV-2-Delta-in-elderly-and-health-care-workers.aspx.