Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca di UVA quantifica la risposta dell'anticorpo generata dai vaccini di Moderna e di Pfizer COVID

La nuova ricerca dall'università di scuola di medicina della Virginia quantifica la risposta dell'anticorpo generata dai vaccini di Moderna e di Pfizer COVID. I risultati sono alcuno del più in anticipo per confrontare risposte dell'anticorpo le due dei vaccini teste a testa. L'individuazione del notabile era che i livelli dell'anticorpo in destinatari del vaccino di Moderna erano leggermente superiori a in destinatari di Pfizer. La differenza principalmente è stata rappresentata dai livelli dell'anticorpo negli oggetti relativamente più vecchi.

La ricerca di UVA quantifica la risposta dell
L'ebano Hilton, MD, riceve il primo vaccino COVID-19 amministrato a salubrità di UVA. Credito di immagine: Salubrità di UVA

L'avvertenza dei ricercatori contro le conclusioni della trafilatura circa l'efficacia dei vaccini basata sui numeri dell'anticorpo. Entrambi i vaccini, dicono, hanno realizzato particolarmente dopo essere dato a milioni di persone intorno al mondo. I nuovi risultati sono appena un piccolo pezzo in un puzzle molto più grande poichè gli scienziati cercano di determinare se un vaccino può essere superiore per determinati dati demografici.

La cosa che sarà interessante sta capendo se che misura l'anticorpo i livelli finisce essere un buon indicatore della protezione vaccino. Dal momento che, non sappiamo di sicuro.„

Jeffrey Wilson, MD, PhD, immunologo di UVA

Pfizer e Moderna, testa a testa

I vaccini entrambi di Moderna e di Pfizer usano il mRNA per insegnare al sistema immunitario a come difendersi contro la proteina della punta di COVID. Tuttavia, le formulazioni per ogni vaccino sono leggermente differenti, con Moderna facendo uso di più mRNA che Pfizer. Quello ha spinto gli scienziati di UVA a cercare di quantificare e confrontare le risposte risultanti dell'anticorpo.

Per fare quello, hanno esaminato il sangue da 167 impiegati di UVA che hanno ricevuto i vaccini. I campioni sono stati raccolti una settimana - il 31 giorno dopo la dose in secondo luogo vaccino dei destinatari. Sebbene gli oggetti non siano definiti a caso nello studio, il vaccino che è stato amministrato è stato dettato da disponibilità locale ai tempi della vaccinazione, con 79 Pfizer e 88 di ricezione Moderna di ricezione. In alcuni casi, i ricercatori potevano ottenere un campione di sangue prima della seconda dose - l'uno o l'altro prima o dopo la prima dose.

L'età media dei partecipanti di studio era 42 e 38% erano 50 o più vecchio. La maggior parte - 72% - erano donne.

In generale, i ricercatori hanno trovato che Moderna ha prodotto più anticorpi nel sangue dopo che la seconda dose di Pfizer: 68,5 microgrammi per millilitro (µg/mL) per Moderna contro 45,9 per Pfizer.

per esplorare l'effetto dell'età sulle risposte dell'anticorpo, i partecipanti stratificati ricercatori in quelli più giovane di 50 o 50 e più vecchio. Le età 50 dei destinatari di Pfizer e più vecchio hanno prodotto meno anticorpi che i più giovani destinatari dopo la seconda dose (31,1 µg/mL contro 59,0 µg/mL). Questa disparità dell'età non è stata veduta nella gente che ha ricevuto il vaccino di Moderna. I ricercatori speculano che questo è a causa della differenza nella quantità di mRNA che i vaccini contengono - usi di Moderna più di tre volte tanto.

Gli scienziati notano che specificamente non hanno esaminato gli anticorpi “di neutralizzazione„ - il tipo di anticorpi che bloccano il virus dalle celle entranti. Egualmente non hanno esaminato le celle ed i linfociti B di T, che fossero altri giocatori vitali nella risposta immunitaria dell'organismo. Quello richiederà gli studi più complessi e più tempo.

“Infine, vi penso necessità di fare gli studi duri. E gli studi duri stanno esaminando i risultati clinici e come si riferiscono ai livelli dell'anticorpo,„ Wilson ha detto.

I nuovi risultati sono, tuttavia, un punto di informazioni importante poichè medici e gli scienziati pianificano la risposta futura alla pandemia. Gli scienziati continuano a studiare l'efficacia a lungo termine dei vaccini e stanno valutando se gli scatti di ripetitore saranno necessari, particolarmente fra la gente più anziana che non può generare come forte una risposta immunitaria come quelle più giovani.

Nel frattempo, Wilson ha firmato sia Pfizer che Moderna senza esitazione per chiunque che ancora non fosse vaccinato. Entrambi diminuiranno notevolmente il rischio di malattia seria o di morte. Con l'infezione numera aumentare intorno al paese, lui ha avuto questo consiglio: “Per favore, ottenga il vostro scatto.„

Risultati pubblicati

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati nella rete di JAMA del giornale scientifico aperta. Il gruppo di ricerca ha consistito di Nathan E. Richards, Behnam Keshavarz, Lisa J. Workman, Michael il R. Nelson, Thomas A.E. Platts-Mulino e Wilson. I Platts-Mulini e Wilson hanno ricevuto il supporto di analisi da Thermo-Fisher/Phadia indipendente dalla ricerca. Wilson ha ricevuto le spese di perizia da Thermo-Fisher/Phadia.

Il lavoro è stato permesso dal fondo equipaggiante di UVA per la ricerca COVID-19, che sta supportando molti progetti di ricerca importanti a UVA messo a fuoco sulla prova, sulle terapie, sui vaccini e sui modi di COVID riaprire sicuro la società. Il fondo è stato stabilito da un impegno $1 milione dall'uomo d'affari locale e dall'investitore personale equipaggiato di Paul, da un sostenitore da molto tempo dell'università e dalle sue iniziative della ricerca.

Source:
Journal reference:

Richards, N.E., et al. (2021) Comparison of SARS-CoV-2 Antibody Response by Age Among Recipients of the BNT162b2 vs the mRNA-1273 Vaccine. JAMA Network Open. doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2021.24331.