Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le esperienze online positive per la gioventù si sono associate con meno solitudine

Se state angosciando per le Tween di lunghe ore e gli anni dell'adolescenza passano lo scrolling attraverso e l'invio a Instagram, a TikTok, a Snapchat e ad altri media sociali dividenti ed alle piattaforme di messaggio, la nuova ricerca di Uc Berkeley ha alcune notizie di chiarimento da dividere.

Quando si tratta di tempo dello schermo, il problema non è così tanto il numero delle ore che passare online, ma la qualità delle loro interazioni online, suggerisce uno studio di più di 700 adolescenti nel Perù durante il lockdown più rigoroso COVID-19 del paese sudamericano in primavera 2020.

In generale, anni dell'adolescenza nello studio che ha trovato il supporto online -; quali la chiacchierata con gli amici ed i parenti via WhatsApp o i video giochi online con diversi giocatori unentesi -; ha riferito meno solitudine.

“I nostri risultati supportano la nostra ipotesi che come passate il vostro tempo sugli schermi e non quanto tempo passate online, è il migliore preannunciatore di solitudine e di benessere,„ ha detto il Dott. Lucía Magis-Weinberg dell'autore principale di studio, uno scienziato inerente allo sviluppo con l'istituto di Uc Berkeley dello sviluppo umano.

“Alla luce questo, degli insegnanti e dei genitori potrebbe volere mettere a fuoco più sulla promozione delle esperienze online positive per la gioventù piuttosto che limitando tempo dello schermo,„ ha detto.

Pubblicato la settimana scorsa nel giornale della ricerca su adolescenza come componente di un numero speciale sull'impatto di COVID-19 sugli adolescenti universalmente, i risultati sfidano un presupposto comune che la pandemia che distanzia le misure, combinate con eccessivo uso sociale di media, è una ricetta per un'epidemia di solitudine.

Ha stato questo discorso negativo circa tempo dello schermo che causa la solitudine e la depressione. Ma i nostri risultati forniscono più sfumatura ed indicano che, una volta usate positivamente, le interazioni online realmente sono associate con meno solitudine. Ciò è particolarmente vera quando gli adolescenti non hanno altra opzione ma connettere con i loro amici online.„

Dott. Lucía Magis-Weinberg, l'autore principale dello studio

Lo studio è stato lanciato nell'aprile 2020, quando il Perù ha entrato in un lockdown rigoroso COVID-19 che ha limitato decine di milioni di residenti alle loro case. Soltanto un membro della famiglia per volta potrebbe andare per le commissioni approvate ed i giovani principalmente sono stati isolati all'interno.

Per sei settimane, i ricercatori hanno esaminato migliaia di studenti fra le età di 11 e di 17 per capire i loro comportamenti e relazioni online nelle circostanze socialmente isolate e per valutare come questi fattori si sono riferiti ai loro atteggiamenti ed al loro sentimento di appartenenza.

Su una scala di 1 (mai) a 5 (frequentemente), gli studenti stimati fino a che punto hanno acconsentito con tali istruzione come, “ritengo stimato dalla gente nei miei media sociali,„ “la gente nei miei media sociali mi esprime il parere,„ “la gente nei miei media sociali mi incita a ritenere come non appartengo,„ e “la gente nei miei media sociali mi cura male.„

Egualmente ha completato i questionari separati sui quali apparecchi elettronici hanno utilizzato, le loro preferenze sociali di media, i loro livelli di solitudine ed il loro benessere generale.

Per la maggior parte degli studenti, gli smartphones erano l'unità preferita per connettere alle attività online non educative, seguita dai computer portatili e poi dalle consoli del video gioco.

Per le ragazze, i media, i apps di messaggio ed i video sociali di YouTube erano i passatempi online più popolari. Per i ragazzi, le attività online più popolari stavano giocando i video giochi ed i video di sorveglianza.

Per quanto riguarda la loro prospettiva di salute mentale, gli studenti hanno riferito più positivo delle interazioni online negative, particolarmente riguardo alla discussione dei problemi e ad ottenere feedback utile via WhatsApp, la piattaforma di messaggio più popolare nel Perù, tra altre piattaforme sociali di media.

I dati da 735 degli studenti surveilled infine sono stati usati per lo studio.

“I risultati mostrano quello facendo uso dei media sociali attivamente per connettere con gli amici e la famiglia e per trovare il supporto -; invece di appena fare scorrere senza fine con Instagram e paragone ad altri e ritenere escluso -; può avere un impatto positivo su benessere,„ Maris-Weinberg ha detto.

Lo studio fa parte di più vasto sforzo a lungo termine piombo professore da salute pubblica di Uc Berkeley e di Magis-Weinberg e pediatra Ronald Dahl collaborare con gli educatori ad una rete di 65 banchi nel Perù e nel Messico per promuovere la cittadinanza digitale e l'uso sano della tecnologia fra più di 15.000 adolescenti.

Inoltre, è fra il primo per documentare l'impatto di uso sociale di media sulla salute mentale degli adolescenti durante la pandemia “nel sud globale,„ un termine usato per le regioni del mondo fuori di Europa e gli Stati Uniti.

“La vasta maggioranza dei giovani sta crescendo America Latina, in Africa, in Asia ed Oceania, ma la maggior parte della ricerca su queste emissioni è stata influenzata verso gli Stati Uniti ed Europa,„ Magis-Weinberg ha detto.

“Così, è realmente importante catturare e documentare le voci dei giovani che crescono in America Latina, particolarmente in un momento in cui tanti di noi contano molto sugli apparecchi elettronici e sui media del sociale per restare connessi,„ lei ha aggiunto.

Source:
Journal reference:

Magis-Weinberg, L., et al. (2021) Positive and Negative Online Experiences and Loneliness in Peruvian Adolescents During the COVID-19 Lockdown. Journal of Research on Adolescence. doi.org/10.1111/jora.12666.