Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova un aumento nei sintomi della depressione fra gli adulti BRITANNICI invecchiati 50 più durante la pandemia

La salute mentale degli adulti BRITANNICI sopra l'età di 50 è stata compromessa significativamente dalla pandemia Covid-19, con le femmine e quelle nelle aree urbane hanno pregiudicato il la maggior parte, rivelano un nuovo studio dall'università di Surrey.

In un documento pubblicato nel   BJPsych del giornale aperto, i ricercatori di Surrey del   direttamente hanno confrontato i punteggi della depressione nella gente invecchiata 50 più ai loro punteggi prima della pandemia Covid-19.  

Il gruppo di Surrey ha analizzato i dati in 5.331 partecipante dallo studio longitudinale inglese su invecchiamento di estate 2020. i sintomi Auto-riferiti della depressione a giugno e luglio 2020 sono stati paragonati ai dati del riferimento da due priore a tre anni. Un intervallo dei fattori di rischio demografici e correlati con la salute importanti è stato studiato.

Lo studio ha trovato un aumento globale significativo nei sintomi della depressione: 26 per cento di quelli esaminati hanno risposto ai criteri per la depressione clinica durante la pandemia, confrontati ad appena 14 per cento a partire dagli anni prima.  

La gente che vivono da solo e quelle con gli stati di salute a lungo termine, erano all'elevato rischio considerevolmente. Inoltre, lo studio ha trovato che le femmine erano ad un elevato rischio molto che i maschi. Le femmine che vivono in un ambiente urbano hanno mostrato un più grande aumento nei sintomi della depressione che quelle nelle zone rurali - suggerendo che il lockdown avesse un effetto più pronunciato sulla gente con meno accesso agli spazi verdi. La ricerca egualmente ha trovato che quelle alla più giovane conclusione dei 50 e-sopra popolazione hanno sofferto la gente più più anziana. I livelli di formazione e la ricchezza della famiglia non hanno pregiudicato il rischio, suggerente che l'impatto di salute mentale fosse stato sentito attraverso tutte le sezioni della società.

Ciò è un pezzo importante di ricerca che ci dà una comprensione nell'impatto della pandemia e dei lockdowns sulla salute mentale e nel benessere della gente invecchiata 50 e più ed identifica i gruppi che erano i più commoventi. Ciò è informazioni cruciali poichè cominciamo ad uscire dalla pandemia, per assicurarsi che il benessere a lungo termine del sociale e di salubrità di queste persone sia supportato.„

Dott. Simon Evans, guida di ricerca, conferenziere in neuroscienza, università di Surrey

Source:
Journal reference:

Rutland-Lawes, J., et al. (2021) Risk factors for depression during the COVID-19 pandemic: a longitudinal study in middle-aged and older adults. BJPsych Open. doi.org/10.1192/bjo.2021.997.