Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori scoprono un ruolo chiave per l'orologio biologico nell'asma

Per le centinaia di anni, la gente ha osservato che la severità di asma peggiora spesso nella notte. Una domanda di lunga durata è stata fino a che punto l'orologio circadiano interno dell'organismo - rispetto ai comportamenti, quali sonno e attività fisiche - contribuisce al peggioramento della severità di asma. Facendo uso di due protocolli circadiani, dei ricercatori dall'ospedale delle donne e di Brigham e l'università da salubrità & da scienza dell'Oregon ha bloccato l'influenza del sistema circadiano, scoprente un ruolo chiave per l'orologio biologico nell'asma. La comprensione dei meccanismi che influenzano la severità di asma potrebbe avere implicazioni importanti per sia lo studio che il trattamento dell'asma. I risultati sono pubblicati negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze.

Ciò è uno dei primi studi per isolare con attenzione l'influenza del sistema circadiano dagli altri fattori che sono comportamentistici ed ambientali, compreso sonno.„

A.J.L franco. Scheer, PhD, MSc, autore Co-Corrispondente, Direttore, programma medico di cronobiologia, divisione di sonno e di disordini circadiani, Brigham e l'ospedale delle donne

l'autore Steven Co-corrispondente A. Shea, PhD, professore e Direttore all'istituto dell'Oregon delle scienze di salute sul lavoro ha aggiunto, “abbiamo osservato che quella gente che ha l'asma peggiore in generale è quelle che soffrissero dai più grandi dai cali indotti da circadiana nella funzione polmonare alla notte ed egualmente ha fatta i più grandi indurre cambiamenti tramite i comportamenti, compreso sonno. Egualmente abbiamo trovato che questi risultati sono clinicamente importanti perché, una volta studiato in laboratorio, da uso guidato da sintomo dell'inalatore del broncodilatatore era più spesso fino a quattro volte durante la notte circadiana che durante il giorno.„

Altrettanto come 75 per cento della gente con asma -; 20 milione di persone negli Stati Uniti -; riferisca l'esperimento peggiorando la severità di asma alla notte. Molti fattori comportamentistici ed ambientali, compreso l'esercizio, temperatura dell'aria, posizione ed ambiente di sonno, sono conosciuti per influenzare la severità di asma. Scheer, il karitè ed i colleghi hanno voluto capire i contributi del sistema circadiano interno a questo problema. Il sistema circadiano è composto di stimolatore cardiaco centrale in cervello (il nucleo suprachiasmatic) e “orologi„ in tutto l'organismo ed è critico per il coordinamento delle funzioni corporee ed anticipare il quotidiano che cicla le domande ambientali e comportamentistiche.

Per districare l'influenza del sistema circadiano da quella di sonno e di altri fattori comportamentistici ed ambientali, i ricercatori hanno iscritto 17 partecipanti con asma (chi non stavano parlando il farmaco steroide, ma chi utilizzi gli inalatori del broncodilatatore ogni volta che hanno ritenuto che sintomi di asma stesse peggiorando) in due protocolli complementari del laboratorio dove la funzione polmonare, i sintomi di asma e l'uso del broncodilatatore sono stati valutati continuamente. Nel protocollo “sistematico„ costante, i partecipanti hanno passare sveglio 38 ore continuamente, in una posizione costante e nelle condizioni di luce tenui, con gli spuntini identici ogni due ore. In “ha forzato„ il protocollo desynchrony, partecipanti sono stati collocati su un ciclo di ricorso di sonno/risveglio di 28 ore per una settimana nelle condizioni di luce tenui, con tutti i comportamenti preveduti anche attraverso il ciclo.