Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori trovano la prova che l'esercizio durante la gravidanza avvantaggia le madri e la loro prole

I ricercatori hanno trovato ulteriore prova che l'esercizio durante la gravidanza è buono non solo per le madri ma anche per la loro prole.

Nella ricerca presentata oggi al congresso internazionale della società respiratoria europea “virtuale„ (domenica), il Dott. Hrefna Katrin Gudmundsdottir ha detto che uno studio di 814 bambini ha avuto, per la prima volta, mostra del collegamento fra la funzione polmonare più bassa nei bambini sopportati alle madri fisicamente inattive confrontate a quei nati alle madri attive.

Il Dott. Gudmundsdottir, un pediatra e studente di PhD all'università di Oslo, Norvegia, ha detto: “Gli studi precedenti hanno indicato che le persone con la funzione polmonare bassa nell'infanzia hanno un elevato rischio di asma, altre affezioni polmonari ostruttive ed abbassano la funzione polmonare più successivamente nella vita.

Di conseguenza, esplorare i fattori che possono essere associati con la funzione polmonare in infanti è importante. Se essere fisicamente attivo durante la gravidanza potesse diminuire il rischio di funzione polmonare infantile alterata, sarebbe un modo semplice e a basso costo migliorare la funzione respiratoria della prole.

“Nel nostro studio, abbiamo trovato che i bambini sopportati alle madri inattive erano più probabili essere nel gruppo con la funzione polmonare più bassa confrontata ai bambini sopportati alle madri attive.„

Dei 290 bambini delle madri inattive, 8,6% (25) erano nel gruppo con la funzione polmonare più bassa e 4,2% (22) dei 524 bambini delle madri attive erano in questo gruppo, facente complessivamente soltanto 47 bambini (5,8% di tutti e 814 i bambini) con la funzione polmonare bassa. La funzione polmonare media era leggermente più alta fra i bambini di attivo contro le madri inattive.

“Abbiamo osservato una tendenza che aggiunge all'importanza di consiglio le donne dell'età di gravidanza e delle donne incinte circa attività fisica. Tuttavia, ci possono essere fattori che pregiudicano sia l'attività fisica materna che la funzione polmonare in prole che non abbiamo rappresentato e potrebbero pregiudicare i risultati ed in modo dalla più ricerca è necessaria,„ ha detto il Dott. Gudmundsdottir.

I ricercatori hanno valutato i dati da 814 bambini in buona salute nati dalle donne a Oslo e Stoccolma che fa parte di più grande gruppo iscritto alla dermatite atopica d'impedimento e le allergie in bambini (PreventADALL) studiano fra dicembre 2014 e ottobre 2016, condotti all'ospedale universitario di Oslo e la fiducia dell'ospedale di Østfold, la Norvegia ed all'ospedale universitario di Karolinska, Stoccolma, Svezia.

I ricercatori hanno chiesto alle donne di compilare i questionari a circa 18 e 34 settimane della gravidanza circa la loro salubrità, stile di vita, fattori socioeconomici e nutrizione. Le donne hanno riferito che ogni quanto tempo si sono esercitate, per quanto tempo ed alla che intensità a 18 settimane e poi sono stati classificati come inattivo, equo attivo, o molto attivo [1].

Le misure di funzione polmonare sono state realizzate quando i bambini erano circa tre mesi e sono stati valutati misurando la calma normale inspirare, infanti svegli. Ciò è stata fatta mediante la tenuta della maschera di protezione sopra il radiatore anteriore del bambino e la bocca, registrante il flusso ed il volume di aria ha inspirato e fuori. La maschera è stata fissata a strumento di misura e ad altrettanti respiri come possibile è stata registrata.

La misura più importante per questo studio era il rapporto fra il momento di alzare il flusso verticalmente espiratorio di marea ed il tempo espiratorio (t/t)PTEFE. Un t/t bassoPTEFE rappresenta una limitazione nel flusso di respiro esalato. La misura mediaPTEFE di t/t per tutti e 814 gli infanti era 0,391; i 290 bambini delle madri inattive hanno avuti il medio più basso (0,387) e i 299 bambini delle madri molto attive erano il più alto (0,394), che non fosse una differenza statisticamente significativa.

I ricercatori hanno tenuto conto dell'età della madre, la formazione, l'indice di massa corporea di pre-gravidanza, uso del nicotina durante la gravidanza e se avesse dato alla luce precedentemente come pure asma ed altre malattie in relazione con l'allergia in qualsiasi genitore nelle loro analisi.

I ricercatori non hanno trovato un aumento significativo e continuo nelle misurePTEFE di t/t dai bambini delle madri inattive da parte a parte ai bambini delle madri molto attive. Tuttavia, hanno trovato che i bambini di inattivo confrontato alle madri attive erano più probabili avere un t/tPTEFE di meno di 0,25, che era statisticamente significativo e che indica la funzione polmonare bassa.

“Sebbene non ci sia la definizione precisa per la funzione polmonare “bassa„, studi, includenti dal nostro proprio gruppo, hanno trovato che infanti con una misuraPTEFE di t/t di meno di 0,20 poco tempo dopo che la nascita fosse più probabile avere una cronologia di asma dall'età di 10 anni. Inoltre, i bambini con la funzione polmonare nel 50% inferiore del gruppo erano sia più probabili avere asma corrente a 10 anni che avere una cronologia di asma,„ ha detto il Dott. Gudmundsdottir. [2]

I ricercatori seguiranno i bambini come diventano vedono come la funzione polmonare progredisce e come si riferisce allo sviluppo delle malattie respiratorie, quale asma.

“Egualmente speriamo di esplorare le associazioni fra attività fisica ed asma materne, allergie ed altre malattie non comunicative in futuro,„ ha concluso.

Jonathan Grigg, che non è stato compreso nella ricerca, è professore di medicina respiratoria ed ambientale pediatrica all'università di Londra di Queen Mary, al Regno Unito ed alla presidenza del comitato respiratorio europeo di controllo del tabacco della società. Ha detto: “C'è molto che conosciamo già circa l'importanza per le donne incinte di restare misura fisicamente e attive, ma molto è conosciuto circa l'impatto di questo sui loro bambini. Questo studio offre un suggerimento affascinante che l'attività fisica aumentata delle madri è associata con la migliore funzione polmonare nei loro bambini e, pertanto, possibilmente la loro salubrità nella vita più tarda. La più ricerca è necessaria confermare questo collegamento, ma è importante che le donne ritengono di supporto dai loro fornitori di cure mediche per essere attive in un modo che è comodo ed accessibile a loro.„

È egualmente degno tenere presente che il singolo la maggior parte della cosa importante che le madri possono fare per la loro propria salubrità e che del loro bambino è di assicurarsi che non fumino o non utilizzino altri prodotti del tabacco prima, durante e dopo la gravidanza. Una casa senza fumo ha il più grande impatto sulla funzione polmonare e salubrità nell'infanzia e nella vita più tarda.„

Jonathan Grigg, il professor, medicina respiratoria ed ambientale pediatrica, università di Londra di Queen Mary

L'esercizio moderato dell'intensità è stato definito come “in qualche modo sudato e senza fiato (gravoso)„, ad alta intensità come “respirazione molto sudata e pesante (molto gravosa)„, mentre l'intensità bassa è stata definita come “sudore o dispnea (non gravosa)„. Sono stati considerati come inattivi se camminassero soltanto, lentamente, partecipassero all'esercizio dell'basso intensità, o non facessero esercizio affatto. Se moderassero o esercizio ad alta intensità per fino a 120 minuti un la settimana, sono stati definiti come equo attivo, mentre coloro che ha fatto 120 minuti o più una settimana sono stati definiti come molto attivi.

Source:
Journal reference:

Håland, G., et al. (2021) Reduced lung function at birth and the risk of asthma at 10 years of age. The New England Journal of Medicine. doi.org/10.1056/NEJMoa052885.