Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Bambini asmatici che sono di peso eccessivo o obesi meno probabilmente rispondere agli steroidi inalati

I bambini asmatici sono meno probabili rispondere al farmaco steroide inalato se sono di peso eccessivo o obesi e questo piombo gli attacchi di asma più frequenti, secondo la ricerca presentata oggi al congresso internazionale della società respiratoria europea “virtuale„ (mercoledì).

Lo studio internazionale è il primo per usare le informazioni sulle varianti genetiche collegate all'indice di massa corporea (BMI) per studiare se una risposta difficile ai corticosteroidi inalati (ICS) è probabile essere dovuto peso in eccesso o ad altri fattori, come vivere nelle vicinanze con la qualità dell'aria difficile o che sono esposte al fumo della sigaretta.

Il Dott. Cristina Longo, che era un collega postdottorale al centro medico di Amsterdam (Paesi Bassi) quando ha effettuato la ricerca e che ora è un assistente universitario all'università di Montreal, Quebec, il Canada, ha detto: “Sappiamo che i bambini con asma, di cui i sintomi sono male controllati, tendono a guadagnare il peso. Ciò è possibilmente perché si esercitano più di meno. Bambini con asma che sono di peso eccessivo o obeso sia più probabile avere sintomi peggiori malgrado essere sul trattamento raccomandato dei corticosteroidi inalati, facente la non solo che sfida per raggiungere un peso sano ma anche per migliorare la loro qualità di vita.

“Le linee guida del trattamento raccomandano gli steroidi per i bambini con asma che hanno un BMI alto-che-normale. Il nostro gruppo di ricerca ha ritenuto che la un-dimensione misura-tutto approccio a curare i bambini con l'asma con gli steroidi inalati come loro trattamento prima linea, specialmente quelli con peso in eccesso, la revisione delle cedole. Per lo meno, la ricerca che identifica i trattamenti alternativi potenziali dovrebbe essere incoraggiata e data la priorità a, particolarmente poiché 30% dei bambini con asma sono egualmente obesi. Con aumentare epidemico dell'obesità di infanzia, prevediamo che questa percentuale per aumentare il significato del questo problema di controllo difficile sia veduto più frequentemente nella pratica clinica sistematica.„

Il Dott. Longo e colleghi ha usato i bambini di dati del 1511 con asma, invecchiata fra due e 16, da cinque studi. Tutti i bambini stavano usando il ICS e una risposta difficile è stata definita come uno o più attacchi di asma che richiedono l'assistenza medica urgente e/o un corso dei corticosteroidi orali.

I ricercatori hanno ottenuto le informazioni sull'età del bambino ed il sesso, la diagnosi di asma, le caratteristiche di asma (per esempio farmaco ed esacerbazioni recenti), BMI, le allergie, l'esposizione ai grilletti ambientali nocivi come il fumo e le varianti genetiche hanno collegato a BMI lo stato che sono stati identificati da DNA estratto da sangue, dalla saliva, o dai campioni nasali dei tamponi. Hanno sviluppato “un punteggio di rischio„, dove le varianti genetiche più in relazione con BMI un bambino avesse, il più alto il loro punteggio.

Hanno usato il punteggio genetico di rischio per predire gli aumenti e le diminuzioni nei z-punteggi del BMI dei bambini. Il z-punteggio di BMI stima fin dove e il BMI in che la direzione ogni bambino devia dal valore “normale„ medio per un bambino della stessi età e sesso che sta sviluppandosi ad una tariffa sana. Un z-punteggio di BMI maggior di 1 suggerisce un bambino sia a rischio di essere il peso eccessivo, maggior di 2 suggerisce un bambino sia di peso eccessivo e un punteggio maggior di 3 suggeriscono che il bambino sia obeso.

Il Dott. Longo ha usato i z-punteggi preveduti di BMI per valutare le differenze fra i bambini in come hanno risposto al ICS - un approccio conosciuto come “la casualizzazione mendeliana„. Se ci fossero più attacchi di asma in bambini con un alto z-punteggio di BMI (cioè hanno avute varianti più genetiche concernente predisposizione all'più alto z-punteggio di BMI ed erano di peso eccessivo o obese) che in bambini con un z-punteggio basso di BMI, ha significato che questo era più probabile da essere dovuto il loro BMI piuttosto che altri fattori esterni o ambientali.

Nel 1511 bambino con asma che stavano catturando il ICS, il z-punteggio medio di BMI era 0,69 e 318 (21%) erano obesi. Sebbene la risposta difficile del ICS vari da 20% a 80% fra i cinque studi internazionali, indichiamo coerente che la percentuale di bambini con la risposta difficile del ICS più di quanto raddoppiato per ciascuno aumento dell'unità nel z-punteggio di BMI.„

Dott. Cristina Longo

“Questi risultati indicano che i clinici devono adottare un approccio più personale a curare i bambini di peso eccessivo ed obesi. I pediatri e gli specialisti di asma devono essere informati che i bambini con più alto BMI potrebbero catturare il ICS senza alcun vantaggio. Tuttavia, se i trattamenti alternativi, come i biologicals, sono più efficaci in questo sottogruppo di bambini resta studiare.

“Per i bambini ed i loro genitori, i nostri risultati fanno luce sulle ragioni per le quali alcuni bambini non possono rispondere al loro inalatore steroide come previsto, particolarmente se stanno avendo attacchi di asma più frequenti di quanto preveduti dopo avere iniziato questa terapia. I nostri risultati potrebbero anche essere il catalizzatore di che i genitori ed i loro bambini hanno bisogno per modificare la loro dieta e per aumentare l'esercizio. Ciò ha potuto migliorare lo stato del BMI del bambino e la loro risposta agli steroidi inalati.„

Le limitazioni dello studio comprendono il fatto che in quattro dei cinque studi, dati è stato raccolto ad un punto temporale determinato ed in modo dai ricercatori non potrebbero confermare sempre quale sono venuto in primo luogo: il trattamento del ICS o l'attacco di asma. Inoltre, mentre molti dei bambini inclusi negli studi sono stati curati per un po di tempo prima della determinazione se hanno risposto ai criteri per la risposta difficile del ICS, ci possono essere alcuno che abbia cominciato il trattamento del ICS dato che hanno avuti un'esacerbazione precedente.

In una presentazione relativa alla riunione, Dott. Longo esaminatore se le varianti genetiche precedentemente indicate per essere associato con la risposta difficile del ICS erano più comuni in obeso contro i bambini non obesi con asma.

“Abbiamo trovato che una variante particolare nel gene NEGR1 era sensibilmente più comune in obeso contro i bambini non obesi. Questa variante è stata implicata nella disfunzione di un ormone chiamato leptina che regolamenta le sensibilità di fame. Ciò potrebbe suggerirla che la disfunzione di leptina potrebbe essere un colpevole potenziale per la risposta difficile del ICS in bambini con asma in relazione con l'obesità,„ ha detto.

Chris Brightling, che non è stato non coinvolgere nella ricerca, è presidenza del Consiglio di scienza della società e del professore respiratori europei di medicina respiratoria all'università di Leicester, Regno Unito. Ha detto: “Questa è la ricerca molto buona ed affascinante con i risultati che sono importanti e novelli. Fa luce sull'interazione complessa fra i geni, il peso e la risposta ai corticosteroidi inalati, sottolineanti la necessità di combinare i trattamenti della droga con lo stile di vita e di essere a dieta le modifiche. I responsabili della politica, i fornitori di cure mediche e le famiglie devono fare molto più per affrontare l'epidemia crescente dell'obesità in giovani.„