Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori esplorano l'impatto di tromboembolismo venoso durante la chirurgia per cancro del rene

Il tromboembolismo venoso (VTE) si riferisce ai coaguli di sangue nei filoni, che è una condizione medica seria eppure evitabile e spesso è veduto con i cancri avanzati. I ricercatori all'istituto del Cancro di Rutgers del New Jersey hanno esplorato l'impatto di VTE durante la chirurgia per cancro del rene (RCC), anche conosciuta come il cancro del rene, in uno studio di gruppo dei pazienti che subiscono la resezione chirurgica elettiva per un Massachusetts cancerogeno del rene.

I risultati del lavoro stanno presentandi come manifesto alla riunione annuale urologica americana (AUA) 2021 di associazione a Las Vegas, Nevada presentando autore Hiren V. Patel, MD, PhD, residente dell'urologia della facoltà di medicina di Rutgers Robert Wood Johnson, con autore Eric senior A. Cantante, MD, mA, ms, FACS, FASCO, capo del socio dell'urologia e di Direttore del programma del Cancro del rene all'istituto del Cancro di Rutgers e professore associato di chirurgia e della radiologia alla facoltà di medicina di Rutgers Robert Wood Johnson. Dividono più circa il lavoro:

Perché è questo argomento importante da esplorare?

Gli studi in altri cancri hanno indicato che VTE prima di chirurgia è associato con la morbosità e la mortalità peggiori. L'impatto di VTE preoperatorio sui risultati dopo che l'ambulatorio del rene resta capire.

Dicaci circa il lavoro e che cosa voi ed i vostri colleghi hanno trovato?

Lo studio ha confrontato i risultati fra i pazienti con e senza VTE prima del nephrectomy, che è la rimozione chirurgica di un o entrambe il rene. Lo studio dimostra che pazienti che fanno aumentare VTE preoperatorio prima del nephrectomy la probabilità delle complicazioni secondarie ed importanti. La mortalità era 103 per cento più d'altezza fra i pazienti con VTE prima del nephrectomy confrontato a quelli senza VTE. Inoltre, i pazienti che hanno subito il nephrectomy VTE preoperatorio hanno fatti una probabilità più d'altezza 30 per cento della riammissione, essere aumentati tempo della sala operatoria ed ospedale più su diretto hanno costato che i pazienti senza VTE.

Che cosa sono le implicazioni ed i punti seguenti relativi a questo lavoro?

Dato ai risultati a partire dal tempo un paziente fornisce la chirurgia al momento che sono scaricati, ai punti culminanti di questo studio l'esigenza di selezione preoperatoria per VTE e dell'utilità potenziale della chemioprofilassi, o all'uso del farmaco di impedire VTE fra i pazienti che subiscono la chirurgia del rene. Il ruolo potenziale della chemioprofilassi prima della chirurgia del rene resta valutare.