Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il colesterolo sembra svolgere un ruolo chiave nello sviluppo del morbo di Alzheimer

Il colesterolo fabbricato nel cervello sembra svolgere un ruolo chiave nello sviluppo del morbo di Alzheimer, la nuova ricerca indica.

Gli scienziati dall'università di scuola di medicina della Virginia e di loro collaboratori hanno trovato che il colesterolo prodotto dalle celle chiamate astrocytes è richiesto per gestire la produzione di amiloide beta, una proteina appiccicosa che si accumula nei cervelli dei pazienti con Alzheimer. La proteina si accumula nelle placche insolubili che sono un marchio di garanzia della malattia. Molti sforzi hanno mirato a queste placche nella speranza che eliminarle o impedire potrebbero curare o impedire Alzheimer.

I nuovi risultati offrono le comprensioni importanti in come e perché le placche si formano e possono spiegare perché i geni connessi con colesterolo sono stati collegati al rischio aumentato per Alzheimer. I risultati egualmente forniscono agli scienziati la direzione importante mentre cercano di impedire Alzheimer.

Questo studio ci aiuta a capire perché i geni collegati a colesterolo sono così importanti allo sviluppo del morbo di Alzheimer. Il nostro punto di informazioni all'importanza di messa a fuoco sulla produzione di colesterolo in astrocytes e del trasporto ai neuroni come modo diminuire amiloide beta ed impedire mai le placche la formazione.„

Erica A. Ferris, MD, PhD, ricercatore, la divisione di UVA di endocrinologia e metabolismo

Le placche ed il colesterolo di Alzheimer

Mentre il colesterolo è associato spesso con le arterie e la malattia di cuore ostruite, svolge i ruoli importanti nell'organismo sano. L'organismo prepara naturalmente il colesterolo in modo da può produrre gli ormoni ed espletare altre funzioni importanti. La nuova scoperta da Ferris e dai suoi collaboratori aggiunge una nuova entrata alla lista del colesterolo delle responsabilità.

Il lavoro egualmente fa luce sul ruolo dei astrocytes nel morbo di Alzheimer. Gli scienziati hanno saputo che queste cellule cerebrali comuni subiscono i cambi spettacolari in Alzheimer, ma sono state incerte se le celle stessero soffrendo dalla malattia o stessero contribuendo a. I nuovi risultati indicano gli ultimi.

Gli scienziati hanno trovato che i astrocytes contribuiscono a determinare la progressione di Alzheimer facendo e distribuendo il colesterolo alle cellule cerebrali ha chiamato i neuroni. Questa accumulazione del colesterolo aumenta la beta produzione dell'amiloide e, a sua volta, rifornisce la capitalizzazione di combustibile della placca.

Normalmente, il colesterolo è tenuto abbastanza basso in neuroni, limitanti l'accumulazione di amiloide beta. Ma in Alzheimer, i neuroni perdono la loro capacità di regolamentare l'amiloide beta, con conseguente formazione di placche.

Il blocco della fabbricazione del colesterolo dei astrocytes “robusto„ ha fatto diminuire la beta produzione dell'amiloide in mouse del laboratorio, i ricercatori riferiscono in un nuovo articolo scientifico. È troppo presto di dire se questo potesse essere imitato nella gente per impedire la formazione di placche, ma i ricercatori ritengono che ulteriore ricerca sia probabile rendere le comprensioni importanti che avvantaggieranno la battaglia contro Alzheimer.

Il fatto che la beta produzione dell'amiloide è normalmente ben controllata suggerisce che possa svolgere un ruolo importante in cellule cerebrali, i ricercatori dice. Come tale, medici possono avere bisogno di di stare attenti nella prova di bloccare o eliminare l'amiloide beta. La ricerca supplementare sulla scoperta ha potuto fare luce su come impedire la sovrapproduzione di amiloide beta come strategia contro Alzheimer, i ricercatori crede.

“Se possiamo trovare le strategie per impedire i astrocytes colesterolo producente sovra, potremmo avere un impatto reale sullo sviluppo del morbo di Alzheimer,„ Ferris ha detto. “Una volta che la gente comincia avere problemi di memoria dal morbo di Alzheimer, i neuroni innumerevoli già sono morto. Speriamo che quello mirare al colesterolo possa impedire quella morte mai l'avvenimento in primo luogo.„

Risultati pubblicati

I ricercatori, da UVA, istituto di ricerca dello Scripps di Florida e la scuola di medicina dell'università di Washington a St. Louis, hanno pubblicato i loro risultati nel giornale scientifico PNAS. Il gruppo di ricerca ha consistito di Hao Wang, di Joshua A. Kulas, di Chao Wang, di David M. Holtzman, di Ferris e di Scott B. Hansen.

La ricerca è stata supportata dagli istituti della sanità nazionali via il New Innovator l'Award (DP2NS087943) di un Direttore ed accorda R01NS112534, K08DK097293, T32DK007646, NS090934 e AG047644. Egualmente è stata supportata dalle fondamenta della famiglia di Owens.

Source:
Journal reference:

Wang, H., et al. (2021) Regulation of beta-amyloid production in neurons by astrocyte-derived cholesterol. PNAS. doi.org/10.1073/pnas.2102191118.